Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Doping

La Wada dà, la Wada toglie: i 2 casi spinosi dell’Antidoping

L’ex team manager Johan Bruyneel è stato bannato a vita dal ciclismo dopo la vittoria in appello dell’Agenzia Anti-doping mondiale alla Corte dell’arbitrato Sportiva (CAS).

Il 54 enne belga era stato già bannato per 10 anni nel 2014 per aver orchestrato un elaborato piano di doping per permettere a Lance Armstrong di vincere  sette Tour de France.

Stessa sorte anche per l’americano Armstrong, a cui vennero revocati i titoli nel 2012 e in seguito bannato a vita dopo aver ammesso di fare uso di sostanze proibite durante lo show di Oprah Winfrey nel 2013.

I dettagli della sentenza parlano di  “Ban a vita per il sig. Bruyneel a seguito del suo coinvolgimento largo, dettagliato e attivo nella creazione di un sistema  maniacale di doping nel ciclismo reiterato per anni” .

Stizzita la replica dell’imputato:Ho fatto tanti errori in passato e molte cose, ripensandoci, avrei voluto farle differentemente e me ne pento amaramente. Il mio periodo prima da ciclista ed in seguito da manager era molto differente da quello odierno e attuale. Quello che ho fatto rappresentava la normalità nella nostra era e nelle dinamiche dello sport. Non ho sempre fatto la scelta migliore”.

Raggiante e soddisfatto direttore generale della WADA Olivier Niggli: “E’ il risultato di un lungo percorso al quale l’imputato ha cercato di resistere in ogni modo possibile. Abbiamo sempre pensato che la prima sanzione fosse troppo debole e che ne servisse una definitiva per dare un segno forte ad uno sport che negli anni ha perso molta credibilità”

RIMOSSO IL BAN PER LA RUSADA (Agenzia Anti-doping Russa)

Sempre la WADA nei giorni scorsi ha preso una decisione importante che non tarderà a lasciare strascichi polemici: quella di togliere il Ban pendente sopra l’Agenzia Anti-doping Russa.

La nazione russa dopo essere stata condannata per “doping di Stato” durante i giochi Olimpici invernali di Sochi 2014,  ovvero un sistema architettato dalle alte sfere istituzionali per dopare i propri atleti e dare lustro alla nazione attraverso i successi sportivi internazionali, è stata bandita dai giochi Olimpici di  Rio 2016 e quelli invernali di PyeongChang 2018. E la sua Agenzia anti-doping, complice di aver nascosto le prove delle positività dei propri atleti era stata bandita a tempo indeterminato.

La sua riammissione, votata a maggioranza dal board della WADA, ha acceso le polemiche, soprattutto degli atleti e delle federazioni delle altre nazioni. Ogni qual volta un atleta russo vincerà una medaglia è ovvio che sorgerà il dubbio che sia dopato o meno. La Rusada ha svolto bene il proprio lavoro o ha nascosto di nuovo le positività?

D’altro canto la WADA aveva uno spinoso problema etico: si possono considerare tutti gli atleti russi dopati?

Le Agenzie Anti-doping nazionali devono controllare i propri atleti prima della partenza e poi la WADA fa controlli campione durante le Olimpiadi. Verranno testati tutti i russi? Tutti i russi che vanno a medaglia? Il sospetto sui prossimi giochi Olimpici, lontani ancora due anni, è già iniziato a circolare.

 

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Coco B. Ware

    Ottobre 26, 2018 at 11:22 am

    Ma come scrive ? Bannare? Non è italiano.
    Radiare, escludere, bandire, espellere, destituire, cacciare, estromettere, depennare, allontanare, proscrivere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 23 Giugno 1894 su iniziativa del Barone De Coubertin...

Basket

A tu per tu con Charlie Recalcati, la leggenda del basket italiano La riapertura parziale al pubblico degli eventi sportivi, che procede di pari...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Altri Sport

Matteotti e Bottecchia: il socialista e il ciclista e un tragico destino già scritto Il 10 giugno 1924 moriva, a soli 39 anni di...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Altri Sport

A tu per tu con Daniele Masala, il Professore del Pentathlon italiano A poco più di due mesi dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo dà...

Altri Sport

A tu per tu con Agostino Abbagnale, la Leggenda oltre il destino Buone notizie dal canottaggio azzurro che ha concluso gli Europei di aprile...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Compie oggi 55 anni Jonathan Edwards, l’uomo volante del salto triplo inglese. Vi raccontiamo la...

Altri Sport

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri Si celebra oggi la Festa della Mamma 2021. Per celebrare le...

Altri Sport

Le Origini del Giro: La storia della mitica Corsa Rosa Inizia domani alle ore 12 l’edizione 104 del Giro D’Italia, con partenza da Torino...

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 5 maggio 2000 ci lasciava Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro