Connect with us

Cerca articoli

Economia

La volatilità dei mercati, il rischio principale per gli investitori

La volatilità dei mercati, il rischio principale per gli investitori

È un termine di uso comune, certamente familiare a tutti coloro i quali sono soliti investire sui mercati: si parla di volatilità, facendo riferimento ad una parola piuttosto colorita ed utile a dare già di per sé l’idea del concetto.
In linguaggio finanziario, la volatilità va a misurare la dispersione dei rendimenti per un dato titolo o indice di mercato. Ciò significa che maggiore è il livello di volatilità, più a rischio diventa investire su quel titolo. Un discorso direttamente proporzionale, come spesso accade sui mercati: tassi elevati di rischio fanno rima con potenziali maggiori possibilità di guadagno.
Per la verità in ambito finanziario, quando si parla di volatilità ci si riferisce ad oscillazioni in entrambe le direzioni, sia in salita che in discesa; si parla quindi di asset che non hanno un equilibrio e che non sono una garanzia. Un esempio?
Le tanto ambite in questo momento criptovalute, che possono sì garantire una salita improvvisa del proprio valore, come è accaduto con il Bitcoin in questo inizio anno 2021, ma che sono sempre soggetti a bolle speculative, quindi a rischi di crollo improvviso del proprio valore.

Beni volatili e beni rifugio

In sostanza il discorso opposto rispetto all’oro, preso sempre ad esempio come riserva di valore in quanto bene in grado di mantenere la propria quotazione anche in piena tempesta. Gli esperti parlano di beni rifugio, alludendo proprio a questa peculiarità di rappresentare un porto sicuro nei periodi di maggior crisi.
La volatilità di un asset è un fattore chiave nella determinazione del prezzo degli asset sui mercati e va ad esprimere la movimentazione costante del loro valore. Un bene molto volatile è particolarmente soggetto alle montagne russe, come si chiama in gergo quella pazza alternanza tra salite e discese. Quali sono i mercati maggiormente esposti alla volatilità?
Come si diceva prima, ci sono beni che rappresentano un rifugio e possono offrire maggiori garanzie, dall’oro all’immobile; ci sono poi i mercati più volatili, come nel caso della Borsa, che comunque ha al proprio interno diverse declinazioni di rischio (legati a differenti volatilità). Ci sono quindi azioni più volatili ed altre che lo sono meno.

I mercati più soggetti a volatilità

Tra i mercati più soggetti a volatilità ci sta inevitabilmente quello del trading online: si tratta di una modalità di piuttosto recente introduzione, almeno nel nostro paese, che comporta di approcciarsi ai mercati in prima persona, utilizzando apposite piattaforme di trading online, software che l’utente può gestire in autonomia per accedere al mercato scelto, che sia quello azionario, delle valute estere o di qualsiasi altro asset.
Il trading online è considerato un mercato soggetto a volatilità in quanto si basa su analisi a breve termine, quindi legate a periodi stretti. Ci sono poi investitori che si muovono più a loro agio proprio all’interno di mercati di questo genere, quindi in condizioni di volatilità. Non eccessiva, perché in questi casi si consiglia di non muoversi mai; viceversa un livello normale di volatilità del mercato può essere anche positivo, in quanto va a garantire un movimento dei soldi ed offre agli investitori la possibilità di rispettare la classica direttiva sugli investimenti: acquistare a basso prezzo e vendere poi ad una cifra elevata.

 

Avatar
A cura di

Da non perdere

Economia

Telefonia mobile: si può risparmiare con il cashback Ogni gestore telefonico ha piani tariffari diversi che possono includere nell’offerta numerosi servizi: dalle chiamate illimitate...

Altri Sport

A tu per tu con Samuele Papi, “O Fenomeno” del Volley italiano In questo momento di incertezza assoluta in cui anche la politica fa...

Economia

5 consigli per fare trading online senza rischi Fare trading online è rischioso, l’ipotesi di perdere i propri soldi è sempre un qualcosa da...

Economia

Mercato moto, il settore tiene botta Un po’ a sorpresa, visto l’anno del tutto particolare che si è appena concluso, il settore delle moto...

Azzardo

Slot e giochi, cosa aspettarsi dal 2021 Il banco piange, è proprio il caso di dirlo; non siamo ad un tavolo di poker ma...

Allenamento

Palestre e centri sportivi chiusi: il momento per rinnovare Una criticità legata alla diffusione del Covid e all’anno appena passato, quel 2020 che con...

Economia

Trading online: le risposte sugli investimenti online nel 2021 Il trading online è un settore in rapidissima crescita. Attraverso l’evoluzione delle moderne tecnologie digitali,...

Economia

Marketing sportivo: alcuni consigli per farlo nel modo giusto Al mondo non esiste settore più amato e seguito dal pubblico come quello dello sport....

Economia

Giocare in borsa: come scegliere piattaforme per operare in sicurezza Il trading online è un settore in forte crescita, infatti negli ultimi anni sono...

Calcio

Se anche il Calcio fa i conti con il rischio default È sempre più concreto il rischio default per il calcio italiano: se fino...

Alimentazione

La dieta nordica: uno studio basato sull’evidenza La dieta nordica include cibi comunemente consumati dalle persone nei paesi nordici. Diversi studi dimostrano che questo...

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi Sono passati pochi giorni dalla maxi operazione della Guardia di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro