Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La verità è nei gesti, nei pochi secondi

Hombre, ricordati. Niente è verità. Ti diranno che devi credere a falsi profeti e promesse. Ti diranno che sono diversi. Ma non credergli, hombre. Le parole sono puttane gentili che si strusciano come gatte tra i piedi degli incauti. Ottenuto il bottino, fuggono per mai più ritornare a mantenere le promesse.

Hombre, non credere alla filosofia dei ciarlatani, alla vita degli urlatori che dicono di aver ragione. Fuggi lasciando scorie polverose dietro di te. Credi solo a ciò che vedi. Alle epifanie che davanti a te si materializzano. Quelle sono verità.

Prendi il calcio. Una palude fangosa di mediocrità, ormai è appiattimento cerebrale. Eppure se guardi bene, esiste ancora chi osa sfidare la corrente. Per talento forse. Ma anche per arroganza e convinzione di essere un semidio con una sfera tra i piedi che un tempo era cuoio.

Guardalo, con la sua faccia arrogante, il suo ego ipertrofico e la convinzione di essere il migliore. Con l’espressione a metà tra un Peter Pan destinato a vivere bene solo allenandosi e sentendo la folla e una rockstar che non può fare un passo se non scandito da selfie e autografi. Guardalo. Cristiano Ronaldo.

Guardalo nella partita contro la Juve. Un quarto di finale è un quarto di secondo di verità. Perché hombre, la verità dura poco, se ne fotte che tu sia povero o primo tra gli arroganti. La verità è gesto. O lo sai fare o non lo sai fare.
E la verità, in quella partita è tutta qui. In questo gesto. Una rovesciata, una cilena, come si dice in gergo. Fatta la prima volta nel 1914 da Ramon Unzaga. Spalle alla porta, il semidio cresciuto a pallone su un’isola, diventa il centro del mondo conosciuto del calcio. E dopo, il dio si concede agli umani. Ringraziando per l’applauso di uno stadio avversario e incredulo. Ha assistito a una delle cose più belle viste nel calcio. E non importa più il colore della maglia.

Hombre, non credere a nessuno che non faccia gesti. Belli, spietati, gentili, superbi. La verità è nei gesti, è in pochi secondi. E nel calcio la verità è tutta qui. In questa foto. Come un dogma.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Altri Sport

Ride bene chi ride ultimo: i Campioni che hanno vinto la battaglia contro il Bullismo In occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e...

Calcio

Quando Cristiano Ronaldo fu ad un passo dalla Serie A Compie oggi 36 anni Cristiano Ronaldo, attuale attaccante della Juventus che, molti anni prima...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Günter Netzer, Sigfrido a centrocampo Uno spiraglio di sole, nonostante l’ombra di Franz Beckenbauer: per il calcio tedesco e per una pretesa rivalità che...

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e...

Calcio

Lazio: qualificarsi agli ottavi di Champions League non è sufficiente per essere una grande squadra Anche le vittorie possono insegnare. Come le sconfitte. È...

Calcio

La versione di Jorge: il calcio secondo El Filósofo Valdano Il 21 Novembre si festeggia la Giornata Mondiale della Filosofia. Per celebrarla ecco il...

Calcio

Puskás Ferenc Stadion: la casa leggendaria della Squadra d’Oro Nel pantheon delle divinità del calcio vi è sicuramente un nome, quello di Ferenc Puskás....

Calcio

Kasper non ha paura Compie oggi 34 Kasper Schmeichel, il portiere danese del Leicester che ha dovuto convivere tutta la sua carriera con la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro