Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

La Uefa vuole cambiare il Calcio Europeo. Ma è una rivoluzione a metà

Una rivoluzione a metà. E’ quella che il numero uno della UEFA,  Aleksander Ceferin, ha intenzione di mettere in atto nella prossima stagione. Un mezzo ribaltone dicevamo, ecco perché.

Quarto cambio, una Realtà – Durante l’ultima Assemblea  esecutiva della  UEFA tenutasi a Bratislava il massimo organo del calcio europeo ha ormai definitivamente approvato l’introduzione del quarto cambio. Una modifica importante che potrà cambiare tantissimo nell’economia dell’andamento dei match: più interruzioni e più possibilità per gli allenatori di far ruotare i propri uomini.  E’ proprio quest’ultima la motivazione principale che ha portato la Uefa a questa decisione, date anche le forti pressioni che i principali club europei hanno fatto su Ceferin per cercare di tutelare al massimo la salute dei calciatori, all’interno di un calendario che è diventato a dir poco fittissimo.

Un calendario a dir poco pazzesco grazie anche all’introduzione della UEFA della Nations League, che non è piaciuta molto ai top team europei. «Le tante partite che devono affrontare i calciatori, con gli eccessivi carichi di lavoro che ne derivano, con un calendario sempre più ricco e “spezzattato”, costringono a prendere delle contromisure», così in una nota la UEFA giustifica e conferma questa novità.  Quella della quarta sostituzione è una innovazione che già nelle passate riunioni esecutive, la UEFA aveva provato ad inserire nelle fasi finali dei Campionati Europei Femminili Under 19 2016 e 2017, gli Europei Femminili del 2016 e 2017 e il campionato europeo maschile U21 del 2017. Dopo lo studio condotto in questi tornei e i riscontri positivi avuti dalle compagini e dai tecnici che hanno provato questa innovazione, la UEFA sembra ormai determinata a presentare il quarto cambio in maniera definitiva.

VAR? NO GRAZIE- A margine dell’Assemblea esecutiva di Bratislava, il presidente della UEFA, Aleksander Ceferin, ha parlato anche del Var bocciandolo momentaneamente: “Io non sono affatto contrario, ma c’è bisogno di spiegare meglio quando usarla. Vedremo alla Coppa del Mondo”. Una dichiarazione che cozza un po’ con i proclami di trasparenza dei mesi precedenti e con la volontà di rendere più equilibrate le competizioni europee che ora assomigliano più ad una Super Lega, come questa: “Combatterò con le unghie e con i denti per introdurre misure che ristabiliscano un certo equilibrio, ma non posso affermare che come risultato, club come lo Steaua Bucarest o la Stella Rossa di Belgrado diventeranno le prossime squadre a veder inciso il proprio nome nel trofeo della Champions League. È mia responsabilità essere realista . Il Var potrebbe essere un’occasione per la UEFA per regolamentare e rendere più trasparenti ed equilibrate partite decisive tra i grandi club che da un passaggio o meno di un turno in Champions League, possono perdere tanti milioni di euro. Una volontà quella di attendere da parte della UEFA, che sembra davvero incredibile se confrontata con quella della FIFA che vuole a tutti i costi introdurre il VAR in maniera permanente e che nei prossimi mondiali vedrà questa volontà essere applicata ( si avrà la decisione finale il il prossimo 3 marzo durante la riunione dell’IFAB). Quindi mentre la FIFA introduce il VAR ai Mondiali e tutte le principali federazioni europee stanno applicando questa innovazione solo la UEFA vuole rimanere al palo, guardando come procederanno le cose senza voler partecipare a questo percorso di rinnovamento di cui tutto il calcio ha maledettamente bisogno.

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Calcio

Derby della Lanterna, al solito posto Cominciare con Fabrizio De André sarebbe stato troppo facile, difficile però non farlo. Citare Crêuza de mä, canzone...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il 31 ottobre 2002 allo Stade Mahamasina di Antananarivo, Madagascar,...

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni E’ iniziata ieri la fase a gironi della Champions League 2020-21. Per l’occasione vi raccontiamo la storia del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro