Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

La svolta green dello Sport Italiano per lo sviluppo sostenibile

[themoneytizer id=”27127-1″]

La svolta green dello Sport Italiano per lo sviluppo sostenibile

L’ambientalismo, in questi ultimi tempi, sta diventando sempre più importante nell’ambito sportivo italiano. Il Coni e Sport Salute Spa, infatti, hanno siglato un accordo col governo di Roma “per la sensibilizzazione sulle tematiche ambientali legate allo sviluppo sostenibile”.

Alla firma, avvenuta nelle sede del Foro Italico a Roma, erano presenti varie personalità del mondo politico e sportivo del Belpaese. Tra questi possiamo citare il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Sergio Costa; il Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Malagò e l’ad di Sport e salute Spa, Alberto Miglietta.

Tale accordo ha una durata quinquennale e prevede che il Coni e Sport Salute Spa portino avanti tematiche legate al cosiddetto sviluppo sostenibile. In particolare, si vuole arrivare ad un benessere equo con l’obiettivo di valutare il progresso del mondo sportivo non soltanto dal punto di vista economico, ma anche sotto il profilo sociale e ambientale.

Questi punti non sono stati scelti a caso. Fanno, infatti, parte dell’”Agenda 2030” sullo Sviluppo sostenibile, i Sustainable Development Goals (SDGs), approvata dalle Nazioni unite.

Si cercherà di favorire la diffusione di una cultura della salvaguardia della biodiversità, della diffusione della conoscenza dell’ecosistema e della riduzione dell’impatto ambientale in tutti gli eventi sportivi, grazie alla partnership tra enti sportivi e ambientali. Questo, valorizzando il ruolo delle istituzioni non profit sportive e dei volontari attivi in questo settore e premiando le migliori pratiche di integrazione degli obiettivi ambientali nello sport.

Il presidente del Coni Malagò ha voluto dire la sua su questa firma. “Se c’è una persona che da sempre lotta per migliorare la vita migliorando l’ambiente è proprio il Ministro Costa. E sono felice che oggi inauguri la sua prima visita al CONI con questo protocollo firmato congiuntamente con Sport e salute. Il nostro mondo è estremamente attento a questo tema. Sono stati fatti grossi passi in avanti perché lo sport e la tutela ambiente sono totalmente sovrapposti”: queste le parole del presidente del più importante ente sportivo nazionale.


Molto felice è sembrato anche il ministro Costa. Il titolare del Ministero dell’Ambiente ha, infatti, dichiarato “Abbiamo investito oltre 1,5 milioni di euro che serviranno ad avviare un percorso comune, della durata di cinque anni che spero si trasformi in una collaborazione continua tra mondo dell’ambiente e dello sport. Questo protocollo apre una porta su un sistema della tutela ambientale completamente diverso, c’è un modo di gestire lo sport che cambia. Occorre l’incontro tra organi dello Stato, ed è necessario che parlino tra di loro per trovare le migliori soluzioni. Voi siete un veicolo meraviglioso per fare cose che in altri contesti faticano. Una porta verde si sta aprendo. Emblematiche, a parere di chi scrive, è una frase dello stesso Malagò che dice: “ Questo protocollo  è una cosa concreta e non di facciata”.

Speriamo che,questa volta, dalla parole si passi veramente ai fatti….

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 27 ottobre 1954 le cronache del tempo raccontano che, durante una...

Calcio

Vasilis Chadzipanagis: il Maradona Greco che ha dovuto combattere con il destino Compie oggi 67 anni Vasilis Chadzipanagis è un nome che potrebbe non...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Economia

Malasanità: quanto è diffusa in Italia e come difendersi In questo periodo di emergenza sanitaria non dovremmo dimenticarci di un problema che purtroppo affligge...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro