Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

La storia di Marcell Jansen: l’Amburgo non lo rinnova e lui smette a 29 anni

Quello che vi stiamo per raccontare è, a dir poco, incredibile: in un’epoca in cui nel calcio è il dio denaro a dettare legge, poche sono le storie che vanno controcorrente e ci riconciliano con il pallone e con lo sport in generale.

E’ il caso di Marcell Jansen, di professione calciatore, terzino sinistro di 29 anni, in forza, nella scorsa stagione, all’Amburgo, squadra che milita nella serie A tedesca, la Bundesliga.

Jansen, nato a Mönchengladbach il 4 novembre 1985, comincia la sua vita calcistica nelle giovanili della sua città natale e, dopo 9 anni di militanza, ha la grande occasione di giocare in prima squadra, nel 2004, grazie all’occhio attento del guru olandese Dick Advocaat, allenatore della squadra, il quale lo butta nella mischia, complice l’infortunio del terzino titolare del Borussia. Da quel momento in poi, la stella di Jansen si fa sempre più luminosa, fino alla prima convocazione nella nazionale tedesca under 21.

Nel suo secondo anno da titolare della fascia sinistra, Jansen si mette in mostra per il suo fisico imponente e le sue doti di corsa e di cross, tanto da conquistare la maglia della nazionale maggiore e attirare l’attenzione dei più grandi club europei tra cui Barcellona, Arsenal, Amburgo e Bayern Monaco. Proprio i bavaresi riescono a strapparlo al Borussia Mönchengladbach, aiutati anche dal fatto che la squadra, nella stagione successiva, retrocede nella seconda divisione.

A fronte di un esborso di 9 milioni di euro, Marcell si trasferisce nella squadra più blasonata del calcio tedesco, per un solo anno, il 2007, ma conquistando campionato, coppa di Germania e coppa di lega e facendo il suo esordio in Europa.

Nel frattempo, Jansen diventa un convocato abituale della Germania di Jürgen Klinsmann, partecipando al Mondiale del 2006 e agli Europei del 2008 sotto la guida di Joachim Löw. In quell’anno, passa a titolo definitivo all’Amburgo e, attraverso le sue prestazioni, strappa un biglietto per i Mondiali del 2010.

Ed è proprio qui, all’Amburgo, che la storia di Marcell Jansen cambia per sempre. Tra la sua nuova squadra e il calciatore nasce un amore lungo 7 anni, fatto di pochi successi, ma un attaccamento alla maglia e un’empatia con squadra, tifosi e città che porterà il terzino a prendere la decisione più importante della sua vita.

Torniamo ai giorni nostri: l’Amburgo, nella stagione calcistica appena conclusasi, ha ottenuto, faticosamente, la permanenza in Bundesliga. La storica squadra tedesca deve fare i conti, a fine anno, e capire quale strategia adottare per la rosa del prossimo campionato.

Tra i giocatori in esubero, compare il nome di Marcell Jansen.

Troppi infortuni e poche occasioni di mettersi in mostra e un rinnovo mancato che spezza il cuore del calciatore. Come se i 7 anni di amore puro non significassero nulla, Jansen si ritrova svincolato dal club, la sua seconda casa, perdendo le certezze che lo avevano legato alla squadra. Ancora giovane – 29 anni – e integro fisicamente, Jansen riceve molto offerte da altre compagini, ma qui succede l’incredibile: Marcell, durante le sue vacanze estive, rifiuta molte proposte, a suo dire, economicamente vantaggiose e prende la difficile ma lucida decisione di ritirarsi dal calcio giocato.

L’amore per la maglia dell’Amburgo si riassume nelle poche parole da lui utilizzate per spiegare la sua incredibile decisione: “Ci ho pensato durante le vacanze, c’erano tante buone offerte ma ho capito di non voler continuare a giocare. Sono in eccellenti condizioni, posso essere preso a parametro zero e guadagnare ancora molto, ma preferisco rinunciare ai soldi perché negli ultimi anni mi sono legato emotivamente all’Amburgo. Continuerò a vivere in questa città e ad amare questo club. Ora non riuscirei a giocare per un’altra squadra, a baciare un altro stemma, non sarebbe giusto”.

I Dinosauri di Amburgo e il calcio in generale, perdono il loro giocatore simbolo, di certo non un fenomeno ma, sicuramente, un uomo vero che, con la sua decisione, ci ha riportato su una dimensione di sport più reale e sentimentale che vorremmo rivedere più spesso.

social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

3 Comments

  1. Avatar

    Mattia

    Dicembre 25, 2015 at 6:43 pm

    Campione vero!

  2. Avatar

    Lenora Forrester

    Marzo 22, 2016 at 7:30 am

    Appreciation to my father who stated to me about this
    website, this weblog is actually awesome.

  3. Avatar

    Roman Stine

    Marzo 25, 2016 at 10:29 am

    Good answer back in return of this question with real
    arguments and describing all about that.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro