Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La Spagna e il Ranking Fifa: quando la crisi non è solo italiana

Se l’Italia piange, la Spagna non ride. L’ultimo ranking Fifa inflessibile anche con la nazionale iberica, prima delle estromesse dalla “top ten” dove era rientrata un anno fa, riuscendo anche a installarsi di nuovo sul podio in poco tempo (3. posto, febbraio 2016).

Bene far chiarezza. Il peggioramento delle “Furie Rosse” non ridimensiona quello degli azzurri. Semmai spinge a chiedersi da dove abbia origine e se esistano similitudini tra il loro calo e il nostro. Si scopre allora che fra le due nazionali c’è un punto di contatto, che ha sede a Gerusalemme (non preoccupatevi, niente di biblico), dove il 18 giugno 2013 si disputò la finale del Campionato Europeo Under 21 che vide primeggiare per 4-2 i niños di Lopetegui.

Se entrambi gli organici di quella rassegna sono stati i più prelibati sul piano tecnico delle due selezioni nell’ultimo decennio, anche per gli spagnoli di quell’avventura, come per i nostri azzurrini, la nazionale maggiore è rimasta inaccessibile. Uniche eccezioni, Morata e De Gea, promossi titolari in pianta stabile soltanto nell’ultimo Europeo.

Dunque quei giovani toreri erano bravi giusto per le corride fra coetanei, ma non per quelle dei più grandi? Obiezione valida se non fosse che oggi non sono dispersi nel limbo della Segunda Division (serie-B, per intenderci) come accaduto alla maggior parte dei nostri, bensì militano tutti nella Liga e anche in club di alto e medio livello: Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid, Siviglia, Valencia, Athletic Bilbao.

E chi non è in Spagna, è all’estero. Come Thiago Alcantara, eletto miglior calciatore dell’Europeo 2013 e futuro del calcio mondiale che però, tra Brasile ’14 e Francia ’16, ha beneficiato solo di due apparizioni e sempre da subentrato.

Un dato sconcertante e al tempo stesso paradigmatico della mancata volontà spagnola al rinnovamento, che trova conferma in Isco, diga del Real Madrid campione d’Europa finora mai convocato per una competizione internazionale, in Moreno Perez, difensore classe ‘92 di comprovata esperienza internazionale (Siviglia, Liverpool) che ha indossato solo tre volte la camiseta, o in Pedro Sarabia e Iker Muniain, ali veloci che in Francia sarebbero servite a una “Roja” schierata con le tre punte.

 Perché non sono mai stati presi in considerazione? Dopotutto, se uno è giovane e bravo, non dovrebbe meritare l’occasione per dimostrare il suo valore? Soprattutto quando davanti a sé ha calciatori ai quali la Storia, due anni fa in Brasile, ha riservato il commiato.

Non l’ha pensata così Vicente Del Bosque, l’ex commissario tecnico della Spagna, che proprio all’Europeo si è ripresentato con quindici giocatori (su ventitré) della precedente esperienza iridata. Fra le novità, c’erano alcuni di Israele 2013 (Koke, Bartra), che però non sono mai stati impiegati. E l’esito della spedizione non è stato molto differente dal Mondiale: Spagna eliminata agli ottavi di finale da un’Italia inferiore come qualità, ma superiore nella corsa e nel dinamismo tanto che subì l’unico tiro in porta all’87.mo. A scoccarlo, Piqué. Un difensore.

Perché Del Bosque non ha avviato la ricostruzione? Per ragioni di cuore (riscatto affidato a chi conquistò mondo ed Europa tra 2010 e 2012)? Perché non ha intravisto il potenziale della nuova generazione? O perché vittima di un golpe tecnico della “vecchia guardia” (Sergio Ramos, Piqué, Iniesta, Fabregas, Busquets), che ha preso la gestione dello spogliatoio decidendo chi poteva stare in nazionale?

Dove si può giocare anche se giovani e non necessariamente campioni d’Europa under 21. Come Paco Alacer, (’93), Saul Ñiguez (’94) o Marco Asensio (’96), convocati dal nuovo ct Lopetegui per le partite contro Belgio e Liechtenstein d’inizio settembre. Una prima aria di novità, ma quanto sufficiente per poter affermare che è cambiato il vento?

Il 6 ottobre Italia e Spagna si affronteranno per le qualificazioni al Mondiale 2018. E anche per rientrare in quella “top ten” Fifa da dove si esce perché il Paese si rifiuta di investire sui giovani o perché, anche se ci sono, i giovani sono inspiegabilmente messi in stand-by.

fifaitalia

Tommaso Nelli
A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Matteo

    Ottobre 4, 2016 at 8:22 pm

    Articolo molto interessante, ma che non rende merito alle motivazioni reali per cui questi giovani calciatori, seppur talentuosi, non vengono convocati in nazionale. Sono stao abbonato al Málaga ai tempi in cui Isco giocava nella cantera, poi promosso in prima squadra, la champion in cui arrivarono in semifinale e poi il passaggio al Real.
    E’ vero che spesso gli allenatori preferiscono utilizzare blocchi di moduli e giocatori gia “testati” e la Spagna di del Boscque nè sarebbe l’esempio più calzante: Il Grande Barca, con qualche inserimento di qualità dal Real e magari dall’Atletico come Ramos o Costa (d’altronde non potevano mica portare Messi o Dani Alvez!). E in questo senso è pure logico che trovi più spazio un Casillas che Isco.
    Ma il motivo per cui vengono convocati i giocatori in nazionale è spesso legato a interessi economici e clientelari. Il mercato post competizione internazionale ,infatti, ruota sempre intorno alle nazionali che hanno brillato di più, lo stesso dicasi per la champion (Isco ad esempio è passato al Real proprio dopo laver giocato la champion col Málaga).
    Penso sia normale che, chi ne ha interesse come sponsor, procuratori e clubs in prima, tenti in tutti i modi di piazzare in Nazionale i giocatori più remunerativi (per diritti e ingaggio). e cosí le “poco conosciute promesse”, magari legate a procuratori anch’essi con “poche conoscenze”, non trovano il giusto spazio. Qualcuno mi spieghi, ad esempio, il Balotelli di Prandelli, convocato nel momento in cui era più inviso a quasi tutti i giocatori del campionato (e quindi della rosa).
    Unica eccezione la nazionale di Conte, arrivata in un momento di oggettiva magra di campioni nel calcio italiano, con un campionato mai stato cosí pieno di giocatori stranieri e forse con l’unico difetto di essere stata messa in piedi troppo in fretta. Ma Conte giocava anche su se stesso e per la sua definitiva consacrazione all’elite del calcio europeo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Calcio

La Grecia di Euro 2004 simbolo di resistenza e orgoglio Nati per subire, cresciuti per vincere. Se si dovesse riassumere in poche parole il...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Avrebbe compiuto oggi 68 anni Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Tributo all'”Onorevole Giacomino” Bulgarelli Nella classifica dei 100 di sempre del Bologna pubblicata dal Guerin Sportivo nel dicembre 2015 Gianfranco Civolani l’ha messo al...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo...

Calcio

Palestina-Israele, anche il calcio alle prese con l’Intifada Nell’ultima settimana la tensione tra Israele e Palestina ha toccato livelli altissimi, con il vicendevole lancio...

Calcio

L’ultima partita di Roberto Baggio Il 16 Maggio 2004 giocava l’ultima partita della sua carriera, Roberto Baggio. Uno dei giocatori più forti della storia...

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Il calcio al tempo di Tito: Jugoslavia, una Nazionale per sei Stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti Il 7 maggio 1892...

Snooker

Stephen Hendry, l’inizio del dominio (seconda parte) In  casa Hendry tutto fila per il verso giusto, così almeno sembra e i ragazzi crescono bene,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro