Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La Serie A sempre più cinese: Zamparini vende il Palermo

Più che Serie A bisognerebbe chiamarla “Selie A”. Il campionato italiano si appresta a dare il benvenuto, nuovamente, ad un gruppo cinese che, secondo quanto riferito dal Corriere dello Sport, starebbe per acquistare una quota maggioritaria del Palermo. A confermalo è lo stesso presidente rosanero Maurizio Zamparini che ha dichiarato di essere in procinto di vendere la squadra ad investitori cinesi.

La trattativa è in fase di chiusura e l’accordo è previsto entro un mese. L’istrionico presidente mangiallenatori rimarrà in società con una quota minoritaria per continuare a curare i propri interessi e quelli della sua famiglia, restando un consulente per dare un contributo di esperienza, ma rifiutando il ruolo di presidente onorario in quanto contrario ad una carica solo nominale. L’accelerata sull’affare sarebbe frutto di incontri delle scorse settimane anche se gli interlocutori rimangono ancora segreti.

Zamparini ha fatto sapere che gli emissari del fondo asiatico hanno uffici sia a Londra che a Dubai e in Cina, naturalmente e che, anche se l’iter per il passaggio della proprietà (attraverso l’acquisizione di una quota compresa tra il 65-75%) non sarà breve, entro un mese verrà firmato l’accordo di massima. Tra gli obiettivi degli asiatici la costruzione del nuovo stadio e del centro sportivo oltre ovviamente alla maggioranza del club siciliano. L’affare si aggira intorno ai 200 milioni di euro e c’è grande fiducia dopo il no all’americano Frank Cascio, intenzionato anche lui ad acquisire il Palermo.
Dopo l’Inter con il gruppo Suning, il Milan con il Sino Europe e le voci dell’Evergrande con la Roma nel mirino, ecco che la Cina si avvicina sempre più alla conquista definitiva del calcio italiano.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Lo Sport secondo Andrea Camilleri Il 17 luglio del 2019 ci lasciava il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri. Nato il 6 settembre 1925 a...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro