Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La Serie A al revisore (in attesa della resa) dei conti. Le 3 mosse di Lotti per accontentare tutti

Copione già scritto e finale scontato. La Lega Calcio si concede l’ennesimo nulla di fatto. L’unica novità è che l’ex presidente Maurizio Beretta esce di scena. E che la confindustria del pallone finisce in mano, come regolamento prevede, al Revisore dei Conti. Ezio Maria Simonelli è al comando sino al 13 aprile. Per il resto, nulla di nuovo sul fronte occidentale.

Le piccole chiedono che il flusso di denaro confluito e da dividere in parti uguali passi dal 40% al 50% del totale. E che la quota del paracadute da destinare alle retrocesse in B passi da 60 milioni al 6% del totale, senza un tetto prestabilito. Le grandi (Juventus, Roma, Napoli, Inter, Milan, Fiorentina) dicono no. Se entro il 17 non si troverà una soluzione, arriverà il commissariamento. Il nome del commissario? Più facile centrare un sei al Superenalotto. L’unica certezza è che le 20 sorelle sono d’accordo su un punto: l’approvazione delle linee guida dell’asta dei diritti TV 2018-2021. Per la serie: poi continuiamo a litigare sui soldi, ma intanto assicuriamoceli.

L’ennesima fumata nera raggiunge il Parlamento. Luca Lotti, Ministro dello Sport, definisce “preoccupante e imbarazzante” l’accaduto. Non può andare oltre. La Lega Calcio risponde alla FIGC. E la spaccatura non consente soluzioni praticabili. O forse si. Perchè la “scissione” della confindustria è figlia di una scelta precisa. Arrivare alla non-elezione in modo da modificare Governance e Articolo 19, relativo ai proventi dei diritti TV.

Proprio l’articolo 19, può essere la chiave. Il Parlamento non può modificare lo statuto della Lega Calcio, ma le leggi, quelle sì. E, in questa ottica, Lotti deve attraversare un campo minato: in primis, la modifica della Legge Melandri-Gentiloni. La corrente di pensiero proveniente da larga parte del PD, spinge da mesi per un nuovo criterio di assegnazione delle risorse di denaro provenienti dai diritti tv. Lotti può chiedere di rivisitare la legge. O disegnarne una nuova. Poi, farla approvare in Parlamento. Quindi, sconfiggere l’opposizione della “nobiltà” del calcio.

Come convincere i “patrizi”? Facile. Rendendoli più ricchi. E i “plebei”? Rendendoli meno poveri. Come? In tre mosse.

La prima: Lotti potrebbe agevolare la costruzione degli stadi di proprietà per aumentare i singoli ricavi. Bene per le grandi, che hanno più tifosi. E a quel punto potrebbero anche accettare l’idea di alzare l’asticella della quota percentuale da dividere in parti uguali.

La seconda: rinnovare i parametri dei risultati sportivi che incide sul 30% della quota rimanente ed è cosi scorporato: il 5% in base alla classifica dell’anno precedente. Il 15% deriva dai risultati ottenuti negli ultimi 5 anni. Il restante 10% è figlio dei risultati contabilizzati dalla stagione 1946/1947. La chiave è ridistribuire la ricchezza su piano quinquennale. Un sistema “premiante” sia per le grandi che difficilmente scenderanno dai primi posti agli ultimi, sia per i “miracoli” sportivi di chi riesce, anche per un solo anno, ad arrampicarsi lì dove osano le aquile.

La terza: trovare un accordo fra le 20 sorelle. Argomento spinosissimo. Le sei Big, da sole, coprono quasi l’80% dell’audience. Quanto basta per confinarsi nel loro castello senza concedere udienza In questa ottica, il tempo è amico, più che tiranno: il 13 aprile sesta assemblea elettiva in Lega. Il 18 aprile è Rodi. O si nomina un presidente o via libera al commissariamento, che sarà deciso dalla FIGC entro il 21 aprile. Una scelta che, in fondo, sta bene a tutti: calcio e politica.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro