Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La Scozia, la guerra e quella voglia di normalità chiamata Calcio

La Seconda Guerra Mondiale impattò in modo devastante su ogni aspetto della vita quotidiana del mondo intero, e nemmeno il calcio fece ovviamente eccezione, in molti paesi però per riuscire a mantenere una parvenza di normalità. Qualche ricerca di archivio che avevamo in corso per un progetto futuro ci ha portati ad occuparci di calcio scozzese e dei suoi campionati storici. Ne è emerso questo racconto dell’attività in Scozia durante il periodo bellico.

Sia il Campionato che la Coppa rimasero sospesi per ben sette stagioni, a partire dalla 1939/40 fino alla 1945/46, vennero però disputate diverse competizioni a carattere regionale, in maniera da non dover inutilmente utilizzare risorse per trasferte troppo lunghe ma al tempo stesso permettere dei momenti più leggeri e di svago alla popolazione in quel frangente difficilissimo, molti possibili giocatori ovviamente mancavano essendo al fronte, ma fu comunque possibile svolgere un’attività. I tornei maggiori furono due, la North Eastern Football League e la Southern Football League, entrambe con la relativa Coppa.

La North Eastern si giocò per quattro stagioni, dal 1941/42 al 1944/45, ed era strutturata su due distinti tornei, quello autunnale a inizio stagione e quello primaverile a fine stagione, vi presero parte otto squadre nelle prime tre edizioni e dieci nella quarta. La serie primaverile venne anche utilizzata per sperimentare nuovi sistemi di punteggio: in quelle del 1942 e del 1943 veniva attribuito un punto supplementare in classifica alla squadra che nel confronto andata e ritorno avesse il miglior punteggio totale, nel 1944 e nel 1945 invece la squadra che vinceva in trasferta otteneva 3 punti, mentre 2 punti valeva il pareggio ottenuto fuoricasa. Quattro titoli, tra autunnali e primaverili, andarono all’ Aberdeen, due alla seconda squadra dei Rangers, la prima competeva nella Southern League, mentre un successo a testa fu riportato da Dundee FC e dal Raith Rovers. Anche la Coppa veniva giocata col sistema delle due serie, e si disputò nelle stesse stagioni del campionato, anche qui fu l’Aberdeen a vincere il maggior numero di titoli, cinque, due andarono ai Rangers e uno all’altro Dundee, lo United.

La Southern League invece ebbe vita più lunga, sei stagioni, dal 1940/41 al 1945/46. Si giocò in modo più tradizionale, con un girone a sedici squadre, sempre le stesse per le prime cinque edizioni, e un solo campione per stagione, nella sua ultima edizione quella 1945/46 iniziata a guerra ormai finita, assorbì anche le squadre della North Eastern e si disputò su due divisioni, prodromo al ritorno dell’attività regolare, dalla stagione 1946/47 infatti tornò ad essere disputato il campionato scozzese. Furono i Rangers Glasgow a vincere tutti i titoli e la divisione A nella stagione conclusiva,, mentre il Dundee FC quell’anno la divisione B. In Coppa invece i Rangers non riuscirono ad aggiudicarsi tutti i titoli, cedettero quello 43/44 all’Hibernian e quello 45/46, stagione cui al torneo presero parte anche le squadre del Nord, all’Aberdeen. Anche in questa manifestazione vennero utilizzati sistemi sperimentali, i Rangers vinsero la finale nel 1943 contro il Falkirk terminata 1-1 per il maggior numero di calci d’angolo calciati, 11 contro 3, e persero quella dell’anno successivo con l’ Hibernian, chiusasi sullo 0-0 per 6 calci d’angolo a 5. Probabilmente un modo per non sovraccaricare coi replay il calendario di quelle stagioni d’emergenza. La prima fase della Coppa non era a eliminazione diretta, ma venivano disputati quattro gironi, le cui vincenti accedevano alle semifinali, e tale formula fu mantenuta nel dopoguerra dalla Coppa di Lega, che si affiancò al campionato e alla Scotthis Cup all’interno dell’attività regolare, e che non utilizzò l’eliminazione diretta dal primo turno fino agli anni Ottanta, ma prevedeva quattro gironi per le squadre della massima serie, e quattro per quelle della seconda in maniera da avere dei quarti di finale in cui si contrapponessero le formazioni dei due diversi livelli.

Nell’ambito della Southern League veniva disputata anche la Summer Cup, nei mesi di maggio e giugno, terminate le altre competizioni. Fu giocata cinque volte, dal 1941 al 1945 e venne vinta da cinque club diversi, Hibernian, Rangers, St. Mirren, Motherwell, Partick Thistle.  Venne reintrodotta, organizzata dalla Scotthis Division One nel 1963, ma con scarso successo, Rangers e Celtic rifiutarono di prendervi parte e dopo due sole edizioni fu cancellata, Hibernian e Motherwell i club vincitori.

Tra febbraio e maggio del 1940 era stato giocato anche un torneo sostitutivo della Coppa di Scozia, la  Scottish War Emergency Cup, aperta a tutte le squadre della Lega scozzese ancora attive al momento. Si giocò ad eliminazione diretta con partite di andata e ritorno nel turno preliminare, poi con la formula tradizionale delle coppe britanniche, gara unica con replay  in caso di pareggio e a prevalere alla fine furono i Rangers, superando 1-0 in finale il Dundee United in un Hampden Park gremito da 75.000 spettatori nonostante i tempi difficili.

Con la stagione 1946/47 come già detto si tornò alla normalità, riprese il campionato scozzese professionistico, che oltre a una seconda divisione come nell’anteguerra, presentò anche la terza, e anche la Scotthis Cup tornò al suo regolare svolgimento affiancata appunto dalla neonata League Cup che in qualche modo mantenne vivo il ricordo dei tornei provvisori dei tempi di guerra.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro