Connect with us

Cerca articoli

Doping

La Russia si “vendica”: Hacker russi smascherano il doping americano

La Guerra Fredda ormai non si combatte più sullo scacchiere geopolitico ma gli strumenti della contesa sono sempre più originali. Dopo l’accusa di Doping di Stato nei confronti della Federazione di Atletica russa da parte della Iaaf e dell’agenzia antidoping mondiale, la Wada che, di fatto avevano escluso gli atleti di Putin dalle Olimpiadi di Rio 2016, un gruppo di hacker del grande stato euroasiatico hanno violato il sistema di sicurezza del sito internet della Wada e scoperchiato un vaso di Pandora che sarà difficile richiudere.

Tra i nomi illustri che i Fancy Bear’s , il gruppo di informatici in possesso degli archivi dell’antidoping, hanno fatto trapelare, quelli delle sorelle Williams nel Tennis, di Simone Biles, quattro ori a Rio nella ginnastica e di Elena Delle Donne nel basket. Secondo quanto dichiarato le atlete in questione avrebbero fatto uso di farmaci, sotto prescrizione medica, prima e durante le Olimpiadi. “Abbiamo capito che decine di atleti erano risultati positivi alla vigilia e durante i Giochi. I medagliati hanno usato con regolarità sostanze illecite giustificate da certificati medici. E questa è solo la punta dell’iceberg. To be continued…” questa la nota dei pirati dell’etere che ha alzato un polverone nello sport mondiale.

Secondo il New York Times, il gruppo di hacker sarebbe collegato al G.R.U., servizio segreto militare russo che, tra le altre cose, sarebbe anche l’artefice del furto di numerose mail al partito democratico americano. Il governo russo ha preso le distanze, dichiarando di non essere a conoscenza dell’operato dei Fancy Bears.
Si attendono nuovi sviluppi per una questione che, oltre allo sfondo, sembra avere motivazioni da entrambe le parti che hanno poco a che fare con lo sport.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    stefano62

    Settembre 14, 2016 at 1:04 pm

    Ma allora sti americani.
    Che la menano tanto che sono i più forti del mondo.
    Alla fine sono tutti quanti una massa di catorci che stanno in piedi solo se prendono più farmaci di mia bisnonna cardiopatica….
    oppure……?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 6 marzo 1984 moriva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Il 22 Febbraio 1980 durante le Olimpiadi Invernali di Lake Placid la...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire Ieri abbiamo ricordato Marco Pantani, in occasione della ricorrenza della sua morte che ancora...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Calcio

Kyle Rote Jr, storia (dimenticata) della stella che non sapeva di esserlo Ha compiuto ieri 70 anni Kyle Rote jr., un atleta che qui...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Slavisa Zungul: un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di calcio, probabilmente, diranno...

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro