Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La Roma è stata invitata in Spagna per rievocare l’assedio di Numanzia

I tifosi romanisti maggiormente tacciati di mitomania si cimentano spesso nel relazionare le partite della squadra capitolina alle imprese belliche dell’Impero Romano. Basta una trasferta in Gran Bretagna per chiamare in causa il Vallo di Adriano e una a Bucarest per rievocare Traiano e la conquista della Dacia. L’estate 2017 potrebbe avere in serbo una bella sorpresa per loro.

Il presidente del CD Numancia, club di seconda divisione spagnola, ha intenzione di sfidare la Roma nell’anno del 2150° anniversario della conquista romana della città di Numanzia. La partita rientrerebbe nelle celebrazioni organizzate per l’anno prossimo dalla città di Soria, il più importante centro abitato nei dintorni delle rovine di Numanzia, nonché sede del club il cui nome rievoca l’antica città celtibera.

alejo_vera_estaca_1880
L’ingresso dei romani a Numanzia raffigurato dal pittore Alejo Vera nel 1880

La città fortificata di Numanzia fu l’ultimo baluardo delle popolazioni celtibere contro l’espansionismo romano nell’odierna Spagna. La sua caduta rappresentò l’ultimo atto delle cosiddette Guerre celtibere, che impegnarono i romani per circa cinquant’anni. Celebrare una sconfitta può sembrare insolito, ma l’assedio di Numanzia è ricordato ancor oggi con grande orgoglio dai locali. Nel 133 a.C. i numantini, a secco di provviste per via dell’estenuante assedio, decisero di dar fuoco alla città e di uccidersi l’un l’altro piuttosto che sottomettersi ai romani. Le truppe di Scipione Emiliano non poterono far altro che impossessarsi di un cumulo di macerie fumanti e corpi senza vita.

Le celebrazioni del 2150° di questo tragico atto bellico avranno, come si può leggere sul sito del comune di Soria, l’obiettivo di «ravvivare il grido di libertà del popolo numantino» e di «recuperare lo spirito di resistenza» che li ha resi famosi nel mondo. Di conseguenza la partita Numancia-Roma, con tutti i significati simbolici di cui si farà carico, potrebbe rivelarsi una rievocazione storica anche in campo: i romani, enormemente più forti, costretti a faticare per sconfiggere un avversario disposto a tutto pur di non arrendersi.

numanzia-oggi

Le rovine di Numanzia oggi

Seppur manca ancora l’ufficialità, tutto lascia pensare che la Roma accetterà l’invito. Il presidente del club Francisco Rubio, intervenuto durante l’assemblea degli azionisti lo scorso 19 dicembre, ha infatti ribadito che si continua a lavorare per organizzare la partita. Il primo annuncio lo aveva dato questa estate, durante l’evento di presentazione della squadra: «Dopo 2150 anni sconfiggeremo Roma. E ciò accadrà nel nostro stadio».

L’ufficio stampa del club castigliano non vuole però rilasciare ulteriori informazioni. «Il nostro Presidente ha l’obiettivo di portare la Roma a giocare la nostra partita di presentazione. Non possiamo dire null’altro, ma siamo fiduciosi», fanno sapere.

Raul Alonso, giornalista locale di EsRadio, ci dice la sua: «Conoscendo il Presidente, se ha annunciato più volte che si sta lavorando a questa amichevole, lo ha fatto perché sa che non è una possibilità campata per aria. Credo che la situazione sia ad un punto abbastanza avanzato, altrimenti non lo avrebbe detto davanti ai tifosi. E lui di solito non è una persona che dice le cose tanto per dirle. Probabilmente manca ancora l’ufficialità perché stanno risolvendo questioni legate alla data o ai costi. O forse perché vogliono annunciare le iniziative di “Numancia 2017” tutte insieme: d’altronde è ancora presto per parlare di questa estate».

Mancano otto mesi, ma a Soria già si lavora per rendere possibile il sogno di una “rivincita”. La partita avrà poco appeal per gran parte del tifo romanista, ma appassionerà certamente gli amanti della storia romana e quei tifosi di cui si parlava al principio. Al contrario, ospitare la Roma sarà motivo di entusiasmo per i tifosi di seconda divisione spagnola. Sperando che non chiedano ai romanisti di presentarsi allo stadio vestiti da legionari.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Luca

    Dicembre 28, 2016 at 5:41 am

    Spero che la partita si disputi e spero che il Numancia club arrivi in Prima Liga al più presto. Hanno tutte le ragioni per essere orgogliosi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Pelé e Garrincha: lasciarsi e dirsi gol Nessuno dei due poteva saperlo. Forse per questo, anche per questo, entrambi fecero gol. Maledetto mondiale d’Inghilterra,...

Alimentazione

Alimenti ricchi di vitamina D La vitamina D è l’unico nutriente che il corpo produce quando è esposto alla luce solare. Tuttavia, fino al...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 44 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Avrebbe compiuto oggi 52 anni Tito Vilanova, compianto allenatore del Barcellona, portato via da...

Calcio

Campioni del mondo! Gli azzurri di Mancini riportano a casa…il titolo non ufficiale “Campioni del mondo! Grazie alla rete di Nicolò Barella gli azzurri...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Di solito, quando si sente il termine extraterrestre nel mondo del pallone...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

TV

Sta per ripartire una nuova stagione calcistica, per certi versi la più strana e desueta dagli ultimi anni: la situazione legata al Covid è...

Inchieste & Focus

L’Altra Faccia di Pyongyang: la Corea del Nord e lo Sport “organico” di Kim Jong Un Oggi, 9 Settembre, si celebrano in Corea del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro