Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La rivoluzione di Cruijff: l’autobiografia del profeta del calcio totale

Chi ama il calcio lo sa bene: seppur semplificando, la storia di questo sport può essere divisa in due ere: quella prima della grande Olanda del calcio totale e quella successiva al memorabile passaggio di Johan Cruijff sui prati verdi d’Europa e del Nord America. A pochi mesi dalla scomparsa, Bompiani onora il grande fuoriclasse dell’Ajax e del Barcellona proponendo in Italia la traduzione della sua autobiografia (‘La mia rivoluzione’. 224 pagine, 17 euro), scritta in collaborazione con Jaap de Groot, con la prefazione firmata da Federico Buffa e Carlo Pizzicori.

Il giocatore più forte della storia del calcio olandese e probabilmente europeo si racconta in tutti gli aspetti della sua esistenza, dal talento che lo ha portato a rendere prima l’Ajax e poi il Barcellona le squadre più belle di quel periodo fino alla decisione di farsi paladino dei diritti dei calciatori, per arrivare alle sue esperienze di allenatore prima e di dirigente illuminato poi. Dalla morte prematura del padre ai trionfi al Camp Nou, Cruijff ripercorre con sincerità, non brillando però a volte per autocritica, le tappe fondamentali del suo percorso: da enfant prodige di una squadra che stupì tutto il mondo arrivando a vincere tre Coppe dei Campioni di fila fino al ruolo di leader di una Nazionale, l’Olanda, che ancora oggi viene studiata dagli allenatori. Con il numero 14 sulle spalle Cruijff cambiò per sempre la mentalità dei calciatori, in campo ma anche fuori. E non sorprende la franchezza e quella che potrebbe essere considerata ingenuità con cui racconta la grande occasione sprecata a Germania ’74 dagli Orange e gli errori fatti con alcuni investimenti che lo costrinsero a tornare a giocare dopo aver appeso gli scarpini al chiodo nel 1978.

Il profeta del calcio totale espone a 360 gradi la sua visione della vita e del gioco, che lo ha tra le altre cose portato ad essere uno degli allenatori più apprezzati tra gli anni ’80 e ’90 e a porre le basi del grande Barcellona di questi anni. All’interno della narrazione, che scorre abbastanza fluida, vengono rivelati alcuni retroscena come la vera ragione che portò Cruijff a rinunciare ai Mondiali argentini del 1978 e il compromesso con l’Adidas di quattro anni prima, quando si ritrovò ad indossare una maglia Orange leggermente diversa da quella dei compagni per ragioni contrattuali (di questi tempi sarebbe impensabile). Un racconto, quello di Cruijff, che fa immergere in un’epoca d’oro del pallone vista dagli occhi di chi ne fu uno dei principali protagonisti. Una storia che chi ama il calcio non può non conoscere.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Interviste

A tu per tu con Manuel Poggiali, il “Titano” del motociclismo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Manuel Poggiali, campione del mondo di motociclismo....

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Calcio

Enzo Francescoli, il Principe che giocava da Re “In Sardegna, tra gente rimasta appartata e quasi isolata dal resto del mondo, si prolunga, più...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro