Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La rivoluzione di Cruijff: l’autobiografia del profeta del calcio totale

Chi ama il calcio lo sa bene: seppur semplificando, la storia di questo sport può essere divisa in due ere: quella prima della grande Olanda del calcio totale e quella successiva al memorabile passaggio di Johan Cruijff sui prati verdi d’Europa e del Nord America. A pochi mesi dalla scomparsa, Bompiani onora il grande fuoriclasse dell’Ajax e del Barcellona proponendo in Italia la traduzione della sua autobiografia (‘La mia rivoluzione’. 224 pagine, 17 euro), scritta in collaborazione con Jaap de Groot, con la prefazione firmata da Federico Buffa e Carlo Pizzicori.

Il giocatore più forte della storia del calcio olandese e probabilmente europeo si racconta in tutti gli aspetti della sua esistenza, dal talento che lo ha portato a rendere prima l’Ajax e poi il Barcellona le squadre più belle di quel periodo fino alla decisione di farsi paladino dei diritti dei calciatori, per arrivare alle sue esperienze di allenatore prima e di dirigente illuminato poi. Dalla morte prematura del padre ai trionfi al Camp Nou, Cruijff ripercorre con sincerità, non brillando però a volte per autocritica, le tappe fondamentali del suo percorso: da enfant prodige di una squadra che stupì tutto il mondo arrivando a vincere tre Coppe dei Campioni di fila fino al ruolo di leader di una Nazionale, l’Olanda, che ancora oggi viene studiata dagli allenatori. Con il numero 14 sulle spalle Cruijff cambiò per sempre la mentalità dei calciatori, in campo ma anche fuori. E non sorprende la franchezza e quella che potrebbe essere considerata ingenuità con cui racconta la grande occasione sprecata a Germania ’74 dagli Orange e gli errori fatti con alcuni investimenti che lo costrinsero a tornare a giocare dopo aver appeso gli scarpini al chiodo nel 1978.

Il profeta del calcio totale espone a 360 gradi la sua visione della vita e del gioco, che lo ha tra le altre cose portato ad essere uno degli allenatori più apprezzati tra gli anni ’80 e ’90 e a porre le basi del grande Barcellona di questi anni. All’interno della narrazione, che scorre abbastanza fluida, vengono rivelati alcuni retroscena come la vera ragione che portò Cruijff a rinunciare ai Mondiali argentini del 1978 e il compromesso con l’Adidas di quattro anni prima, quando si ritrovò ad indossare una maglia Orange leggermente diversa da quella dei compagni per ragioni contrattuali (di questi tempi sarebbe impensabile). Un racconto, quello di Cruijff, che fa immergere in un’epoca d’oro del pallone vista dagli occhi di chi ne fu uno dei principali protagonisti. Una storia che chi ama il calcio non può non conoscere.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Lello Bersani, l’uomo al microfono tra cinema e sport La voce della cultura e dello sport. Lello Bersani, romano di nascita, sposa la radio...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Moacir Barbosa, un passo di troppo a lato del destino – Con una sola papera il portiere rovina una partita o perde un campionato,...

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 10 luglio 1922 nasceva Jake LaMotta, leggendario pugile italo-americano, simbolo degli...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro