Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

La rinascita di Kyle Lafferty che si stava “giocando” la carriera

“C’è stato un periodo, nel corso della mia esperienza con i Rangers, in cui non avevo niente di meglio da fare che scommettere, fisicamente oppure online.”

A rilasciare tali, sconcertanti, dichiarazioni è stato il bomber nordirlandese Kyle Lafferty, visto anche dalle nostre parti con la maglia del Palermo.

Una storia particolare la sua.

A soli diciotto anni, il gigante di Enniskillen debutta con la maglia del Burnley, seconda serie inglese.

Da lì in poi, la sua carriera è in completa ascesa e a ventuno anni arriva a vestire la maglia della squadra protestante di Glasgow, quei Rangers a cui prima si accennava.

Quattro stagioni di ottimo livello prima della dolorosa separazione: Lafferty trasloca in direzione Svizzera, precisamente al Sion. Il soggiorno elvetico, però, dura una sola annata e per il buon Kyle si aprono poi le porte del Belpaese: è il Palermo appena retrocesso in Serie B a puntare forte su di lui per l’immediato riscatto.

I gol arrivano (alla fine saranno undici in totale) ma Lafferty, ancora una volta, cambia immediatamente casacca.

“Pensa troppo alle donne e Iachini non riesce a fargli mettere la testa a posto”, dirà Zamparini di lui. Forse, però, i problemi sono anche altri, proprio quelli emersi pubblicamente circa un anno fa: i demoni legati al vizio del betting, che vi avevamo raccontato.

“Non potevo puntare sul calcio, mi era vietato. Scommettevo persino sui cavalli e sui cani, anche se non sapevo nulla al riguardo. Sono finito anche a giocare alle roulette online, perdendo somme molto grandi senza mai preoccuparmi. L’aiuto dei compagni di squadra è stato fondamentale, sia prima che adesso. La scommessa calcistica ai tempi del Norwich? Era sbagliato e lo sapevo, ma ho ceduto. La FA però mi ha dato una grossa mano, mettendomi in contatto con una clinica in cui svolgevo sedute bisettimanali con uno psicologo.”

Queste sono altre, significative, parole estratte da una recente intervista a cuore aperto alla BBC dell’ex attaccante palermitano, il quale, comunque, sembra finalmente aver vinto la sua battaglia più importante.

Oggi Lafferty è tornato a giocare e segnare con grande regolarità (6 gol in 10 partite) nel massimo campionato scozzese, con la maglia degli Hearts of Midlothian.

A trent’anni appena compiuti, chissà che quella di Kyle Lafferty non sia una meravigliosa storia in grado di stupirci ancora.

Good luck!

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Persepolis – Esteghlal: il derby dei Rossi contro Blu che infuoca l’Iran La parola “derby” ha un valore molto simile, almeno dal punto di...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 10 Ottobre 1991 moriva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro