Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La promessa di Rafael Alkorta

La promessa di Rafael Alkorta

Testo: Ettore Zanca

Illustrazione: Enrico Natoli

Compie oggi 52 anni Rafael Alkorta, l’ex calciatore basco che in carriera ha dimostrato di essere uno che le promesse le sa mantenere, soprattutto quando vale davvero la pena. Vi raccontiamo la sua storia.

Ci sono promesse che hanno un sapore da alchimisti. Donano a chi le fa e a chi le riceve, la certezza che verranno mantenute. E se non verranno mantenute, quantomeno si lotterà per farlo, fino all’ultima goccia di sudore. Quando penso a chi ha dato anche l’anima pur di accontentare il destinatario di un vincolo, mi viene in mente questo signore qui. Rafael Alkorta.

Un difensore non bravissimo, ma discreto, che ha iniziato a giocare per i colori della città dell’orgoglio basco. L’Athletic di Bilbao. Sembra una storia di calcio, ma non lo è, è la storia di una promessa. Rafael viene notato dal Real Madrid e nel 1993, va a fare la sua onesta carriera tra i bianchi. Nessuno scossone.

Potrebbe rimanere a lungo Rafael, perchè è apprezzato, affidabile e serio. Ma c’è un ma. Il padre si ammala. E lo convoca a casa, a Bilbao. Corre l’anno 1997. Il male è incurabile. Il papà non è agitato, chiede solo un favore a Rafael. Per una volta, prima di morire, vorrebbe rivedere il figlio con l’amata maglia Athletic. Rafael è nel pieno della carriera a Madrid. Ma il padre gli dice chiaramente: “promettimelo”. E Rafael promette.

Una promessa è una promessa, per cui chiede al Real di andare via, per farsi riabbracciare dal padre e dall’Athletic. Basterebbe questo a fare felice il padre. Ma Rafael centuplica le forze, in quel campionato, tira fuori una grinta impressionante e motiva anche i compagni a fare il massimo. Il risultato è che l’Athletic tira fuori un campionato strepitoso. E arriva a un passo dalla vittoria. Finendo al secondo posto.

L’ultima carta il destino, la gioca con clemenza, perchè il padre vede tutta la cavalcata. Fino alla fine, morirà dopo la fine del campionato. La promessa Rafael non solo l’ha mantenuta, ma l’ha rilanciata e ha vinto. O mythos deloi, la favola insegna che se chi ci chiede di promettere è una persona che amiamo, una promessa è una promessa. E le promesse sono fatte di ingredienti semplici. Sudore, sangue da sputare e lacrime. Pessime compagne, che conducono spesso a una magia. Farci essere vivi, oltre le nostre forze.

Ti è piaciuta la Storia? Segui Lo Sport oltre la siepe su Facebook!

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

La versione di Jorge: il calcio secondo El Filósofo Valdano Il 21 Novembre si festeggia la Giornata Mondiale della Filosofia. Per celebrarla ecco il...

Calcio

Puskás Ferenc Stadion: la casa leggendaria della Squadra d’Oro Nel pantheon delle divinità del calcio vi è sicuramente un nome, quello di Ferenc Puskás....

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Compie oggi 59 anni Nadia Comaneci, fenomenale ginnasta rumena che alle Olimpiadi 1976 mandò in tilt...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Il 9 novembre 1989 cadeva il Muro...

Calcio

Maradona e il fango di Acerra In questi giorni in cui Diego Armando Maradona si è ripreso la scena prima per i suoi 60...

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Calcio

Minuto 72, una barriera troppo vicina Il 3 novembre 1972 al San Paolo di Napoli Diego Armando Maradona realizza un goal entrato nella storia....

Calcio

L’Etiopia, Hailé Selassié e Luciano Vassallo, il “Di Stefano d’Africa” Il 2 novembre 1930 Tafarì Maconnèn, meglio conosciuto come Hailé Selassié, veniva proclamato imperatore d’Etiopia, incarico...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il 31 ottobre 2002 allo Stade Mahamasina di Antananarivo, Madagascar,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro