Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La promessa di Rafael Alkorta

La promessa di Rafael Alkorta

Testo: Ettore Zanca

Illustrazione: Enrico Natoli

Compie oggi 53 anni Rafael Alkorta, l’ex calciatore basco che in carriera ha dimostrato di essere uno che le promesse le sa mantenere, soprattutto quando vale davvero la pena. Vi raccontiamo la sua storia.

Ci sono promesse che hanno un sapore da alchimisti. Donano a chi le fa e a chi le riceve, la certezza che verranno mantenute. E se non verranno mantenute, quantomeno si lotterà per farlo, fino all’ultima goccia di sudore. Quando penso a chi ha dato anche l’anima pur di accontentare il destinatario di un vincolo, mi viene in mente questo signore qui. Rafael Alkorta.

Un difensore non bravissimo, ma discreto, che ha iniziato a giocare per i colori della città dell’orgoglio basco. L’Athletic di Bilbao. Sembra una storia di calcio, ma non lo è, è la storia di una promessa. Rafael viene notato dal Real Madrid e nel 1993, va a fare la sua onesta carriera tra i bianchi. Nessuno scossone.

Potrebbe rimanere a lungo Rafael, perchè è apprezzato, affidabile e serio. Ma c’è un ma. Il padre si ammala. E lo convoca a casa, a Bilbao. Corre l’anno 1997. Il male è incurabile. Il papà non è agitato, chiede solo un favore a Rafael. Per una volta, prima di morire, vorrebbe rivedere il figlio con l’amata maglia Athletic. Rafael è nel pieno della carriera a Madrid. Ma il padre gli dice chiaramente: “promettimelo”. E Rafael promette.

Una promessa è una promessa, per cui chiede al Real di andare via, per farsi riabbracciare dal padre e dall’Athletic. Basterebbe questo a fare felice il padre. Ma Rafael centuplica le forze, in quel campionato, tira fuori una grinta impressionante e motiva anche i compagni a fare il massimo. Il risultato è che l’Athletic tira fuori un campionato strepitoso. E arriva a un passo dalla vittoria. Finendo al secondo posto.

L’ultima carta il destino, la gioca con clemenza, perchè il padre vede tutta la cavalcata. Fino alla fine, morirà dopo la fine del campionato. La promessa Rafael non solo l’ha mantenuta, ma l’ha rilanciata e ha vinto. O mythos deloi, la favola insegna che se chi ci chiede di promettere è una persona che amiamo, una promessa è una promessa. E le promesse sono fatte di ingredienti semplici. Sudore, sangue da sputare e lacrime. Pessime compagne, che conducono spesso a una magia. Farci essere vivi, oltre le nostre forze.

Ti è piaciuta la Storia? Segui Lo Sport oltre la siepe su Facebook!

A cura di

Da non perdere

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

Resiliente da sempre: Paolo Sollier, il compagno centravanti Compie oggi 74 anni Paolo Sollier, l’attaccante piemontese che in carriera non ha mai nascosto le...

Calcio

E’ un atto responsabile far innamorare proprio figlio della Roma? di Giacomo Padellaro Ieri per la prima volta ho assistito ad una partita della...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Di Banks, di Pelé e di un pallone incredulo Eppure, volano. In natura non potrebbero, per le leggi della fisica, o della balistica. Quegli...

Calcio

Kyle Rote Jr, storia (dimenticata) della stella che non sapeva di esserlo Provate a chiedere a Kyle Rote Jr, oggi distinto sessantottenne residente in...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 26 Dicembre 1908 Jack Johnson diventa il primo pugile afroamericano della storia...

Motori

Bertrand Gachot: passare alla storia a propria insaputa Compie oggi 59 anni Bertrand Gachot, il pilota di Formula Uno che pur non vincendo mai...

Calcio

Ikurriña e rivoluzione: la partita di calcio che cambiò la Storia del popolo basco Il 5 dicembre 1976 si giocò una partita che cambiò...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 4 dicembre 2011 ci lasciava uno dei personaggi più iconici...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro