Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La promessa di Rafael Alkorta

La promessa di Rafael Alkorta

Testo: Ettore Zanca

Illustrazione: Enrico Natoli

Compie oggi 52 anni Rafael Alkorta, l’ex calciatore basco che in carriera ha dimostrato di essere uno che le promesse le sa mantenere, soprattutto quando vale davvero la pena. Vi raccontiamo la sua storia.

Ci sono promesse che hanno un sapore da alchimisti. Donano a chi le fa e a chi le riceve, la certezza che verranno mantenute. E se non verranno mantenute, quantomeno si lotterà per farlo, fino all’ultima goccia di sudore. Quando penso a chi ha dato anche l’anima pur di accontentare il destinatario di un vincolo, mi viene in mente questo signore qui. Rafael Alkorta.

Un difensore non bravissimo, ma discreto, che ha iniziato a giocare per i colori della città dell’orgoglio basco. L’Athletic di Bilbao. Sembra una storia di calcio, ma non lo è, è la storia di una promessa. Rafael viene notato dal Real Madrid e nel 1993, va a fare la sua onesta carriera tra i bianchi. Nessuno scossone.

Potrebbe rimanere a lungo Rafael, perchè è apprezzato, affidabile e serio. Ma c’è un ma. Il padre si ammala. E lo convoca a casa, a Bilbao. Corre l’anno 1997. Il male è incurabile. Il papà non è agitato, chiede solo un favore a Rafael. Per una volta, prima di morire, vorrebbe rivedere il figlio con l’amata maglia Athletic. Rafael è nel pieno della carriera a Madrid. Ma il padre gli dice chiaramente: “promettimelo”. E Rafael promette.

Una promessa è una promessa, per cui chiede al Real di andare via, per farsi riabbracciare dal padre e dall’Athletic. Basterebbe questo a fare felice il padre. Ma Rafael centuplica le forze, in quel campionato, tira fuori una grinta impressionante e motiva anche i compagni a fare il massimo. Il risultato è che l’Athletic tira fuori un campionato strepitoso. E arriva a un passo dalla vittoria. Finendo al secondo posto.

L’ultima carta il destino, la gioca con clemenza, perchè il padre vede tutta la cavalcata. Fino alla fine, morirà dopo la fine del campionato. La promessa Rafael non solo l’ha mantenuta, ma l’ha rilanciata e ha vinto. O mythos deloi, la favola insegna che se chi ci chiede di promettere è una persona che amiamo, una promessa è una promessa. E le promesse sono fatte di ingredienti semplici. Sudore, sangue da sputare e lacrime. Pessime compagne, che conducono spesso a una magia. Farci essere vivi, oltre le nostre forze.

Ti è piaciuta la Storia? Segui Lo Sport oltre la siepe su Facebook!

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

Persepolis – Esteghlal: il derby dei Rossi contro Blu che infuoca l’Iran La parola “derby” ha un valore molto simile, almeno dal punto di...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Josef Masopust, il ragazzo d’oro di Must Tanti anni dopo quelli come lui li avrebbero definiti centrocampisti “box to box”, con l’inarrivabile e sintetica...

Pugilato

Max Schmeling contro Joe Louis: Terzo Reich contro Stati Uniti  Il 2 febbraio 2005 moriva Max Schmeling, il pugile tedesco che, suo malgrado, divenne...

Motori

Didier Pironi: una storia di coincidenze “Tragica morte di Didier Pironi, l’ex campione di Formula 1, durante una gara di motonautica al largo dell’isola di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro