Connect with us

Cerca articoli

Doping

La Premier, il doping e quella voglia di non farsi trovare

Promozione in Premier League per la prima volta nella propria storia soltanto un anno e mezzo fa; una stagione da debuttante nel grande calcio inglese senza mai il reale pericolo di tornare rapidamente in Championship, lodi a non finire ed, infine, una seconda annata nella massima divisione che fino ad ora appare di tutto rispetto per la piccola realtà rappresentata.

Si potrebbe riassumere, in modo estremamente breve, così l’ascesa nel calcio anglosassone del Bournemouth, allenato dall’eccellente Eddie Howe (segnatevi questo nome sul vostro taccuino).

Sarebbe tutto magnifico, se non fosse che pure le ‘Cherries’, dopo il Manchester City di Guardiola e gli svariati casi di calciatori risultati positivi a test anti-droga, nelle ultime settimane sono entrate nel vortice delle polemiche in riferimento al delicato tema del doping.

Il motivo è esattamente lo stesso del ‘City-gate’: il Bournemouth, infatti, non avrebbe fornito all’agenzia anti-doping inglese le informazioni necessarie (e corrette) per permettere agli ufficiali di poter effettuare dei test a sorpresa sui propri tesserati. Il fatto, peraltro, non sarebbe accaduto in una sola occasione ma per ben tre volte; da qui, la decisione della FA di punire il club rossonero.

La società, dal canto suo, è in attesa di conoscere la sanzione ufficiale da parte della federcalcio inglese. Tutto lascia pensare che il caso si concluderà in maniera simile a quanto avvenuto nei confronti del City dello sceicco Mansour (multa di 35.000 sterline e un ‘warning’, una sorta di ‘cartellino giallo’ che potrebbe aggravare eventuali sanzioni future per doping in casa Manchester City).

A livello puramente teorico, tuttavia, cosa può accadere (da regolamento) quando un club indica un luogo sbagliato dove poter incontrare i propri giocatori (oppure se proprio non vengono comunicati gli estremi dove reperire i tesserati) e gli ufficiali dell’anti-doping si recano ad effettuare il test? Dipende.

Se ci sono fino a quattro atleti coinvolti, il club non viene penalizzato. Se accade, invece, con un numero che va da cinque giocatori in su, si mette in moto la macchina amministrativa della FA. Ogni giocatore che non viene trovato dai funzionari potenzialmente può incappare in una pena per non aver dato luoghi ed orari alternativi.

Secondo le regole vigenti presso la FA, le tre volte in cui è incorso il Bournemouth (così come il City) in 12 mesi potrebbero anche condurre ad una squalifica di alcuni calciatori.

Una decisione che, comunque, appare quanto mai improbabile, visto il recente precedente degli azzurri di Manchester.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Jack Grealish: l’Orfeo di Birmingham Scorrendo le classifiche dei top campionati in giro per l’Europa non si può che restare ammaliati dal richiamo della...

Calcio

Sir Alex e gli altri: i 10 allenatori più longevi della storia del calcio Compie oggi 79 anni Sir Alex Ferguson, l’allenatore che non...

Calcio

Stan Bowles: il più grande talento che non avete mai visto Compie oggi 72 anni Stan Bowles, un calciatore il cui nome non potrebbe...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 31 anni Jake Livermore, il calciatore inglese che...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 19777 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Alimentazione

L’overdose di caffeina La caffeina è uno stimolante presente in vari alimenti, bevande e altri prodotti. È comunemente usato per tenerti sveglio e vigile....

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Da sempre in bilico e perennemente aggrappato al risultato, la vita dell’allenatore di calcio è...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro