Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

La Polveriera: un campo di calcio all’Ombra del Colosseo dove la parola d’ordine è Integrazione

Mentre nel mondo si combatte contro l’Isis e la diffidenza verso gli immigrati si fa sempre più persistente, nel cuore di Roma, a due passi dal Colosseo, sul Colle Oppio, sorge un campo di calcio in terra. Ad una prima impressione, vedendo le condizioni in cui versa il terreno, sembrerebbe abbandonato al degrado e alla natura. Ma così non è.

Infatti, ogni domenica, nel periodo che va da marzo a novembre, tra i sassi e la polvere che avvolgono il perimetro di gioco, individuato solo grazie alla presenza delle porte e alle righe sbiadite che lo delimitano, potete imbattervi in una partita di calcio tra persone di ogni razza, sesso, età e condizione fisica.

La “Polveriera” – questo il nome del campo – ospita, ormai da anni, il campionato Coppa Colosseo o Colosseo Mundial. Il torneo è organizzato in tre diverse categorie: il girone maschile, il femminile e quello dedicato ai più piccoli. Le squadre che partecipano alla manifestazione sono per lo più compagini formate da giocatori sud americani, eccezion fatta per qualche “oriundo” proveniente dalle zone africane o medio orientali. La cosa che accomuna tutti i partecipanti è il loro passato, fatto di sacrifici e dolore, che li ha portati a lasciare il proprio paese di origine per cercare fortuna in Italia.

I nomi delle formazioni che prendono parte al campionato richiamano sapori esotici che riportano alla mente l’America latina: Siempre Amigos, Te Amo Perù, Union Sudamerica sono solo alcune delle squadre che, nel week end, si incontrano nel parco dell’Esquilino per dimenticare le fatiche dei lavoretti rimediati nel corso della settimana e trascorrere la giornata in compagnia di conterranei ed amici. Pasticcieri, ambulanti, babysitter e operai svestono i panni dei lavoratori per indossare scarpini e casacca. L’unica regola: il rispetto della persona, della sua provenienza e dei suoi ideali.

Sugli spalti, o quello che sono, parenti, mogli e figli assistono alle partite con l’impeto delle grandi manifestazioni dal respiro internazionale. Ma non solo: tra di loro, si mischiano anche residenti del quartiere, turisti e studenti fuori sede.

L’atmosfera di conviviale integrazione della Coppa Colosseo ha donato a questa gente la possibilità di dimenticare per qualche ora le sofferenze patite prima di raggiungere il nostro Paese, dando loro un ulteriore motivo per tornare a sorridere. A fine giornata, organizzati con tavolini, sedie e vettovaglie, si mangia tutti insieme il cibo che ognuno ha preparato, in un momento di condivisione tra vincitori e vinti, come racconta un giocatore.

Il sogno degli organizzatori è quello, un giorno, di vedere ristrutturata la Polveriera, attraverso opere di riqualificazione che possano sostituire la terra con un manto erboso, costruire tribune e togliere, finalmente, la sempre presente polvere a cui deve il suo nome.

La nostra paura è che tale trasformazione possa far svanire la magia che circonda la Coppa Colosseo. Un campionato organizzato con pochi mezzi, ma tanta passione. Una manifestazione con affaccio sui Fori Imperiali, che ci ricorda che Roma, forse, è ancora una città aperta, ma all’integrazione.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il 10 Aprile 2018 allo Stadio Olimpico la Roma compie una delle più grandi imprese della sua storia battendo il Barcellona per 3 a...

Pugilato

La crisi da Covid colpisce anche l’Audace: il Ring di Ali e Benvenuti rischia di andare all’asta Quando parliamo di pugilato in Italia, e...

Calcio

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe Quando qualche anno fa la Spal tornava in Serie A dopo quasi mezzo secolo venivano citati i giocatori lanciati...

Calcio

Edin Dzeko, il Diamante di Sarajevo Compie oggi 35 anni Edin Dzeko, centravanti bosniaco della Roma che dopo aver vissuto in prima persona i...

Economia

Società italiane di calcio quotate in Borsa, andamento degli ultimi mesi Tra le società quotate in Borsa, da tempo, ci sono anche alcuni dei...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro