Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La pace nel pallone: se il Calcio prova a fermare la Guerra nel Sudan del Sud

Zona centro-occidentale dell’Africa. Repubblica del Sudan del Sud. Una nazione divenuta indipendente soltanto a partire dal 9 luglio del 2011.

Neppure tale decisione ha, comunque, condotto a una stagione di pace, in una terra già storicamente martoriata da conflitti interni e non.

A dicembre del 2013, infatti, scoppia un conflitto civile terribile tra due gruppi appartenenti a differenti etnie: dinka (che appoggiano l’allora e attuale presidente Kiir) e nuer (fedeli all’ex vicepresidente del paese, Machar).

E’ l’inizio dell’inferno.

Di fatto, in quasi quattro anni, nulla è cambiato se non in peggio.

Lo scontro, inizialmente legato unicamente alla regione centrale del paese, si è esteso a macchia d’olio e le vittime (soprattutto civili innocenti) ormai quasi non si riescono più a contare.

Ma cosa c’entra tutto questo con il calcio?

Il presidente della federazione di calcio del Sud Sudan, Francis Amin, eletto la scorsa estate, ha recentemente dichiarato il proprio, grande (impossibile?), sogno: poter utilizzare il gioco per unire una nazione spaccata.

Amin, eletto nelle elezioni sotto la supervisione della Fifa, vuole sviluppare il movimento in tutto il paese e, soprattutto, utilizzare lo sport per mettere insieme le persone in un clima di pace, all’interno di un paese colpito da massacri, omicidi, stupri e rapimenti a cadenza quotidiana.

“Sto cercando di usare il calcio come strumento per unirci: il calcio so che può farlo”, ha detto Amin. “Abbiamo l’esempio della squadra nazionale; quando c’è una partita, tutti dimenticano i problemi e vengono allo stadio sotto un’unica bandiera: quella di ognuno di noi”.

Amin ha, inoltre, dichiarato alla BBC che le sue priorità consistono nel miglioramento della qualità calcistica nazionale, della gestione e delle capacità degli arbitri e nella creazione di infrastrutture nuove per il calcio femminile e i ragazzi.

Tanto lavoro in una zona, come detto, in costante clima di guerra; un aspetto che, ovviamente, ha intaccato anche l’economia nazionale.

“Sono un uomo d’affari per professione, quindi sto pensando bene a come poter fare investimenti nel calcio. Non sarà facile, anzi. Eppure ce la faremo”.

Amin ha riconosciuto che le sfide economiche per la propria terra sono enormi e che quindi spera di ottenere aiuti dalla Fifa e dalla CAF (Confederazione del Calcio Africano).

L’obiettivo, infine, a livello di calcio per club, riguarda il lancio di una Super League nel 2018, con partite in scena in tutto il paese, sempre nella speranza di riunire le persone in un clima di serenità.

“Durante i miei cinque anni al governo della federazione, sono convinto che finalmente il paese giungerà alla pace e in quel momento competeremo per partecipare alla Coppa dell’Africa e alla Coppa del Mondo. Tutti insieme. E’ il mio sogno. Voglio crederci”.

E’ la speranza di ognuno di noi.

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Compie oggi 44 anni Francesco Totti, capitano e leggenda della Roma che, dopo aver lasciato...

Calcio

Napoli – Genoa: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A Oggi pomeriggio si giocherà al San Paolo Napoli – Genoa, valevole...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 se ne andava all’età...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Calcio

Pelé e Garrincha: lasciarsi e dirsi gol Nessuno dei due poteva saperlo. Forse per questo, anche per questo, entrambi fecero gol. Maledetto mondiale d’Inghilterra,...

Alimentazione

Alimenti ricchi di vitamina D La vitamina D è l’unico nutriente che il corpo produce quando è esposto alla luce solare. Tuttavia, fino al...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 44 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Avrebbe compiuto oggi 52 anni Tito Vilanova, compianto allenatore del Barcellona, portato via da...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro