Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La pace nel pallone: se il Calcio prova a fermare la Guerra nel Sudan del Sud

Zona centro-occidentale dell’Africa. Repubblica del Sudan del Sud. Una nazione divenuta indipendente soltanto a partire dal 9 luglio del 2011.

Neppure tale decisione ha, comunque, condotto a una stagione di pace, in una terra già storicamente martoriata da conflitti interni e non.

A dicembre del 2013, infatti, scoppia un conflitto civile terribile tra due gruppi appartenenti a differenti etnie: dinka (che appoggiano l’allora e attuale presidente Kiir) e nuer (fedeli all’ex vicepresidente del paese, Machar).

E’ l’inizio dell’inferno.

Di fatto, in quasi quattro anni, nulla è cambiato se non in peggio.

Lo scontro, inizialmente legato unicamente alla regione centrale del paese, si è esteso a macchia d’olio e le vittime (soprattutto civili innocenti) ormai quasi non si riescono più a contare.

Ma cosa c’entra tutto questo con il calcio?

Il presidente della federazione di calcio del Sud Sudan, Francis Amin, eletto la scorsa estate, ha recentemente dichiarato il proprio, grande (impossibile?), sogno: poter utilizzare il gioco per unire una nazione spaccata.

Amin, eletto nelle elezioni sotto la supervisione della Fifa, vuole sviluppare il movimento in tutto il paese e, soprattutto, utilizzare lo sport per mettere insieme le persone in un clima di pace, all’interno di un paese colpito da massacri, omicidi, stupri e rapimenti a cadenza quotidiana.

“Sto cercando di usare il calcio come strumento per unirci: il calcio so che può farlo”, ha detto Amin. “Abbiamo l’esempio della squadra nazionale; quando c’è una partita, tutti dimenticano i problemi e vengono allo stadio sotto un’unica bandiera: quella di ognuno di noi”.

Amin ha, inoltre, dichiarato alla BBC che le sue priorità consistono nel miglioramento della qualità calcistica nazionale, della gestione e delle capacità degli arbitri e nella creazione di infrastrutture nuove per il calcio femminile e i ragazzi.

Tanto lavoro in una zona, come detto, in costante clima di guerra; un aspetto che, ovviamente, ha intaccato anche l’economia nazionale.

“Sono un uomo d’affari per professione, quindi sto pensando bene a come poter fare investimenti nel calcio. Non sarà facile, anzi. Eppure ce la faremo”.

Amin ha riconosciuto che le sfide economiche per la propria terra sono enormi e che quindi spera di ottenere aiuti dalla Fifa e dalla CAF (Confederazione del Calcio Africano).

L’obiettivo, infine, a livello di calcio per club, riguarda il lancio di una Super League nel 2018, con partite in scena in tutto il paese, sempre nella speranza di riunire le persone in un clima di serenità.

“Durante i miei cinque anni al governo della federazione, sono convinto che finalmente il paese giungerà alla pace e in quel momento competeremo per partecipare alla Coppa dell’Africa e alla Coppa del Mondo. Tutti insieme. E’ il mio sogno. Voglio crederci”.

E’ la speranza di ognuno di noi.

A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Il calcio ai tempi di Francisco Franco Se fosse vivo oggi, Hegel probabilmente direbbe che la sintesi del calcio è tutta qui. In questa...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro