Connect with us

Cerca articoli

Motori

La Mototerapia di Vanni Oddera: un salto pieno d’amore

[themoneytizer id=”27127-1″]

La Mototerapia di Vanni Oddera: un salto pieno d’amore

Tra le pagine di un quotidiano ho conosciuto la storia di Vanni Oddera, campione del mondo di freestyle motocross. Nel suo libro – Il grande salto. Ovvero come ho capito che l’amore per gli altri rende felici – ho assaporato la sua storia ed in particolare l’amore che Vanni ha per la vita.

Oddera, da piccolo amava (ed ama tutt’ora) la natura e, grazie anche al bosco che aveva dietro casa, condivideva minuti, ore, giorni a contatto con essa, giocandoci ed ammirandola in ogni suo particolare. Con il nonno strinse un legame forte che gli permise di sentirsi protetto ma allo stesso tempo libero di sperimentare, vivere.

Cresciuto in questo habitat “selvaggio” era fuori dagli schemi comuni. Non si divertiva a giocare con i giocattoli ma anzi, ascoltava rumori ed  animali, gustava i profumi di alberi e fiori, dell’aria pura. Diventò così legato alla natura che fece addirittura amicizia con un cinghiale. Lo spiava e lo studiava passo dopo passo capendo i suoi ritmi, sapeva dove scovarlo nei vari momenti della giornata. Gioca così, Vanni. Gli piaceva giocare a nascondino con l’animale, chiamato Scheggia, per la sua rapidità nel dileguarsi. Un’infanzia davvero fuori dal comune che l’ha portato a conoscersi, a conoscere ciò che lo circonda, a rispettare il creato ed in particolare a capire cosa davvero volesse nella vita.

L’approdo a scuola non fu facile per uno abituato a vivere fuori dagli schemi, ma grazie ad una maestra riuscì a “civilizzarsi” ed ad essere, per quanto possibile, come gli altri. La sua indole però, non l’ha mai persa. Ha provato a dare ascolto agli altri, ad intraprendere la carriera universitaria, ad essere un ragazzo posato e “fighetto” ma nelle sue vene il sangue aveva bisogno di forti scosse. Il suo desiderio infatti, era uno: avere una motocicletta con cui poter sfrecciare, con cui dare “gas” alla vita. Dopo aver rischiato varie volte la vita in incidenti ed infortuni, dopo aver distrutto moto e motorini, aver viaggiato per il mondo godendosela a più non posso, dopo essere stato ammirato da chi se ne intendeva, passo dopo passo capì che la sua stoffa era sontuosa e decise di dar sfogo alla sua spericolata follia, intraprendendo il freestyle. Nel suo girovagare per il mondo, in un viaggio in Russia capì i privilegi della sua vita ed in particolare la fortuna di essere sano e forte. Un episodio gli fece cambiare ottica: decise di spendersi per gli altri, dando la possibilità a chi soffre di sollevare per un po’ anima e corpo (“…quando un uomo ha un progetto nobile deve andare avanti a ogni costo, anche se ha tutti contro”).

In che modo? Parlandone con l’amico Rocco, decise di far compiere agli ammalati di tutti i tipi, dei giri sulla sua moto, creando un gruppo di amici disposti a dare vita a questa splendida avventura (“Io voglio creare una catena umana. Una catena di persone che credono in un idea nobile. Solo credendoci, ciascuno può poi convincere il suo vicino, il suo amico, il suo parente. Solo se uno è pieno di amore può poi trasmettere quei sentimenti, comunicarli, farsi contagioso. Il contagio crea la catena umana di cui abbiamo bisogno per fare qualcosa di grande. Io ho creato il contagio. E oggi la mototerapia, nonostante tutto e tutti, nonostante le assicurazioni che non arriveranno mai, è una grande realtà”). Emozioni forti sia per lui che per i malati che all’interno del libro vengono spiegate alla perfezione. Da quel giorno la sua vita è cambiata. Ha fatto uscire quella sua parte di bambino che, negli anni a contatto con la natura gli ha fatto capire che vivere amando e donando amore agli altri, è la vera strada per essere felici.

“Abbiamo tutto quel che ci serve per essere felici e la più grande felicità sta nel darsi agli altri e sentire dentro di sé l’amore del mondo”. (Vanni Oddera)

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Altri Sport

Armin Zöggler: a tu per tu con il Cannibale del ghiaccio In questa anno balordo il momento  delicato dovuto alla seconda ondata Covid  ha...

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Pugilato

Ron Lyle: storia del Campione che sbagliò epoca Il 26 novembre 1941 moriva Ron Lyle, il pugile afroamericano la cui storia insegna che, a...

Calcio

Jan Jongbloed: c’erano una volta un tabaccaio, un pescatore e un portiere di calcio Compie oggi 80 anni Jan Jongbloed, storico portiere di quella...

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile Il 24 Novembre 2012 a seguito di una sparatoria moriva Hector Camacho, un pugile unico nel suo...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Altri Sport

Il ciclismo secondo Fabio Genovesi Il ciclismo è da sempre uno degli sport più popolari dello Stivale perché nasce da lontano e di pari...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro