Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La mossa della UEFA per il Coronavirus

La mossa della UEFA per il Coronavirus

Ha parlato all’emittente televisiva tedesca ZDF il presidente della UEFA Aleksander Čeferin in merito alla ripartenza dei campionati nel mezzo della pandemia Coronavirus. Il termine ultimo per concludere a stagione è il 3 agosto per evitare di alterare anche la prossima stagione sportiva.

Il numero uno del calcio europeo ha dichiarato in una lunga intervista il piano della UEFA per ripartire in mezzo a questa pandemia globale di COVID-19 ma anche la possibilità che ciò non avvenga: “C’è la possibilità che non si riparta, dipende dai governi. Servirà flessibilità, probabilmente i match europei potranno essere giocati in concomitanza con quelli nazionali cosa che in condizioni di normalità”.

La Uefa sta facendo tutto ciò che è in suo potere per rimodulare i calendari in vista di un’eventuale via libera. L’elemento nuovo rispetto a quanto detto finora, però, riguarda la dead line per concludere la stagione: il 3 agosto. È necessario, infatti, che il 3 agosto sia la Champions che l’Europa League trovino il loro completamento con la decretazione di un vincitore anche a costo di far giocare le partite europee e quelle dei campionati nazionali contemporaneamente (cosa vietata in regime di normalità).

Il formato per le coppe europee non sarebbe un problema:“Abbiamo piani diversi per ricominciare l’attività a maggio, giugno o luglio, ma se le autorità non lo permetteranno non lo faremo, la salute verrà sempre prima di tutto. Possiamo giocare col sistema attuale o con nuove formule, con partite secche in campo neutro o sorteggiando chi gioca in casa. “Final eight” o “final four” sono anche possibili, possibilmente a porte chiuse ma con le televisioni presenti”.

Il calcio deve finire la stagione e si appella al detto “the show must go on”. Ceferin prima mette le mani avanti sul fatto che la salute viene prima di tutto ma poi svela la sua necessità: la presenza delle TV. Senza di esse, senza i soldi di esse, il carrozzone “goes off” e potrebbe farlo per sempre.

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Facebook

Da non perdere

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 74 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro