Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La meglio gioventù: Pierpaolo D’Errico, da Gallipoli allo United andata e ritorno

Il suo maestro è Javier Ernesto Chevanton, uno che in carriera ha messo a segno 150 reti tra Italia, Spagna, Francia e Uruguay prima di trovare il suo centro del mondo a Lecce, mentre a dirigere la società nella quale si allena è il difensore più “cattivo” della serie A per antonomasia, quel Pasquale Bruno che collezionava tackle duri, cartellini rossi e rimbrotti degli avversari i turno. Pierpaolo D’Errico, classe 2000, in campo attaccante originario e sulla carta d’identità di Gallipoli, ha coronato un piccolo sogno: per quattro giorni è stato ospite del Manchester United e ha condiviso il centro sportivo di Carrington, che ospita tutte le formazioni dei Red Devils, con Ibrahimovic, Mata, Rooney, Martial, Rashford e tanti altri campioni del calcio internazionale. “Vicini di casa” per pochi giorni, il tempo di metabolizzare la trasferta nel Regno Unito, capire che per il momento si tratta solamente di un classico provino, con i suoi pari età e tornare con un sorriso largo quanto la porta che ama bucare ad allenarsi sui campi di Parabita, centro di 9mila anime in questi giorni al centro delle cronache italiane per ben altre ragioni e lavorare a testa bassa con i compagni di squadra dell’Heffort Soccer Dream.

Fare gol è il suo chiodo fisso, Alen Boksic è un ricordo del passato al quale tanti lo affiancano per progressione e fisico imponente, capace di fare reparto da solo. A Parabita e dintorni, dove circa 300 genitori hanno deciso di far crescere i sogni di calciatore dei propri figli al tridente Bruno-Chevanton-Roberto Rizzo (talent scout che lavora con Pantaleo Corvino) è già un piccolo idolo, come il trionfo “social” di questi giorni ha testimoniato. La sua bacheca è stata gremita da post di amici, conoscenti e giovanissimi ammiratori: lui compirà 17 anni il 21 marzo, intanto studia al terzo anno all’Istituto tecnico commerciale Vespucci, a Gallipoli, tifa Milan e si ispira a Fernando Torres. Anche se un esempio di “precocità” lo avrebbe a pochi passi: quel  Valeri Bojinov che proprio con il Lecce a 15 anni, 11 mesi e 12 giorni aveva fatto il suo esordio in serie A il 27 gennaio 2012, salvo poi dar vita a un cammino tortuoso con valigia in mano, passato per Juventus, Parma, Verona, Vicenza e Ternana prima di imboccare la via dei Balcani, direzione Partizan Belgrado e sposare la “causa” cinese con la maglia del Meizhou Kejia. A soli 31 anni.

IMG_7666-kZl-U1801151075093ySF-620x349@Gazzetta-Web_articolo

D’Errico tornerà nel suo Salento con gli occhi densi di rosso, come i colori sociali dello United, e come la passione. Quella per il calcio: la stessa che giovanissimi come Kean (2000, Juventus) e Pellegri (2001, Genoa)  hanno già tramutato in sogno esordendo in serie A. Abbia pazienza, D’Errico: e conservi quell’innocenza che vien fuori dall’unica traccia “social” del viaggio. Uno scatto “rubato” a Zlatan Ibrahimovic, incrociato al ristorante.  Emozionato come un bambino tra i giganti, con il gol nel sangue.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro