Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La meglio gioventù: Pierpaolo D’Errico, da Gallipoli allo United andata e ritorno

Il suo maestro è Javier Ernesto Chevanton, uno che in carriera ha messo a segno 150 reti tra Italia, Spagna, Francia e Uruguay prima di trovare il suo centro del mondo a Lecce, mentre a dirigere la società nella quale si allena è il difensore più “cattivo” della serie A per antonomasia, quel Pasquale Bruno che collezionava tackle duri, cartellini rossi e rimbrotti degli avversari i turno. Pierpaolo D’Errico, classe 2000, in campo attaccante originario e sulla carta d’identità di Gallipoli, ha coronato un piccolo sogno: per quattro giorni è stato ospite del Manchester United e ha condiviso il centro sportivo di Carrington, che ospita tutte le formazioni dei Red Devils, con Ibrahimovic, Mata, Rooney, Martial, Rashford e tanti altri campioni del calcio internazionale. “Vicini di casa” per pochi giorni, il tempo di metabolizzare la trasferta nel Regno Unito, capire che per il momento si tratta solamente di un classico provino, con i suoi pari età e tornare con un sorriso largo quanto la porta che ama bucare ad allenarsi sui campi di Parabita, centro di 9mila anime in questi giorni al centro delle cronache italiane per ben altre ragioni e lavorare a testa bassa con i compagni di squadra dell’Heffort Soccer Dream.

Fare gol è il suo chiodo fisso, Alen Boksic è un ricordo del passato al quale tanti lo affiancano per progressione e fisico imponente, capace di fare reparto da solo. A Parabita e dintorni, dove circa 300 genitori hanno deciso di far crescere i sogni di calciatore dei propri figli al tridente Bruno-Chevanton-Roberto Rizzo (talent scout che lavora con Pantaleo Corvino) è già un piccolo idolo, come il trionfo “social” di questi giorni ha testimoniato. La sua bacheca è stata gremita da post di amici, conoscenti e giovanissimi ammiratori: lui compirà 17 anni il 21 marzo, intanto studia al terzo anno all’Istituto tecnico commerciale Vespucci, a Gallipoli, tifa Milan e si ispira a Fernando Torres. Anche se un esempio di “precocità” lo avrebbe a pochi passi: quel  Valeri Bojinov che proprio con il Lecce a 15 anni, 11 mesi e 12 giorni aveva fatto il suo esordio in serie A il 27 gennaio 2012, salvo poi dar vita a un cammino tortuoso con valigia in mano, passato per Juventus, Parma, Verona, Vicenza e Ternana prima di imboccare la via dei Balcani, direzione Partizan Belgrado e sposare la “causa” cinese con la maglia del Meizhou Kejia. A soli 31 anni.

IMG_7666-kZl-U1801151075093ySF-620x349@Gazzetta-Web_articolo

D’Errico tornerà nel suo Salento con gli occhi densi di rosso, come i colori sociali dello United, e come la passione. Quella per il calcio: la stessa che giovanissimi come Kean (2000, Juventus) e Pellegri (2001, Genoa)  hanno già tramutato in sogno esordendo in serie A. Abbia pazienza, D’Errico: e conservi quell’innocenza che vien fuori dall’unica traccia “social” del viaggio. Uno scatto “rubato” a Zlatan Ibrahimovic, incrociato al ristorante.  Emozionato come un bambino tra i giganti, con il gol nel sangue.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Calcio

Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Ieri in Germania si è festeggiata la Giornata della Riunificazione...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro