Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La maglietta di Coutinho

La nazionale brasiliana torna ad essere padrona del gioco e del boccino, convincendo contro la Serbia. Più che Neymar, ha brillato l’intero collettivo e in particolare Coutinho. Finora l’unico a convincere davvero. Il fantasista del Barcellona, ha però anche avuto un episodio edificante fuori dal campo. Guardando il profilo Instagram del fotografo Bruno Itan, ha notato una foto. Un bambino che da Rio seguiva la partita del Brasile con una maglia fatta in casa.

Una canottiera gialla con il nome di Coutinho e il suo numero. Probabilmente, anzi, sicuramente ha dovuto ovviare al non potersi permettere una maglia griffata con lo “swoosh” Nike. A quel punto, il calciatore ha contattato il fotografo, dicendogli che appena può, vorrebbe conoscere quel ragazzino. Diciamo che non stare attenti solo alle cose di campo, nobilita molto i giocatori più famosi.

A proposito di giocatori con la desinenza “Inho”, Qualche tempo fa, Jorginho, centrocampista del Napoli, si è trovato davanti ad una bella scelta. Poteva giocare per l’Italia, ma anche per il Brasile. Il Ct verdeoro Tite, gli aveva detto che per lui un posto ci sarebbe stato. Lo voleva convocare perchè non aveva giocatori con le sue caratteristiche. Jorginho stava per accettare. Ma Ventura lo ha convocato per lo spareggio con la Svezia per qualificarsi ai mondiali. Lo stesso Ventura lo aveva snobbato per tutte le partite precedenti. Jorginho ha accettato la convocazione bruciandosi la possibilità di far parte del Brasile. La Svezia è andata ai mondiali e oggi è passata, come è passato il Brasile agli ottavi di finale. Quando Jorginho rese nota la sua volonta, lo staff tecnico brasiliano gli fece sapere di pensarci bene perchè era un passaggio fondamentale della sua carriera.

Alla luce di quanto successo, sta a Jorginho, capire se è felice così. Magari si farà raccontare qualcosa del Brasile dal suo “fratello di desinenza”, Coutinho.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Marco Tardelli racconta Spagna 1982 E’ diventato l’immagine simbolo di quella finale ai Mondiali di Spagna 1982. Marco Tardelli, di quella Nazionale in terra...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu Il 15 settembre 1995 moriva in un incidente stradale a soli 43 anni il calciatore brasiliano Dirceu, vecchia conoscenza della Serie...

Calcio

Ha compiuto ieri 59 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni”...

Calcio

Paul Breitner: oltre il Muro dell’apparenza Compie oggi 70 anni Paul Breitner, iconico calciatore tedesco che non ha mai nascosto le sue idee politiche...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

Socrates alla Roma: Sogno di una notte di mezza estate Socrates in giallorosso. Forse una semplice suggestione giornalistica, al limite del provocatorio. Forse qualcosa...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro