Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La Leggenda di Arsarnerit: se l’Aurora Boreale è una partita di calcio

La Leggenda di Arsarnerit: se l’Aurora Boreale è una partita di calcio

Una Leggenda incredibile, che ha origini lontanissime ed è parte integrante della cultura dei popoli nordici. Si chiama Arsarnerit, la partita di calcio nei cieli dell’Artide.

Uno stadio di ghiaccio e roccia immenso e sconfinato. Le montagne in lontananza sono spalti pennellati all’orizzonte, la neve che crepita sotto i passi le gradinate da percorrere. Alzando lo sguardo al cielo notturno appare infinito il terreno di gioco. Si è spettatori di una partita di calcio straordinaria: l’aurora boreale.

Le popolazioni indigene che abitano le terre dell’Artide dallo stretto di Bering tra Čukotka e Alaska fino a Groenlandia e Canada settentrionale spiegano in modo simile lo splendore di questo fenomeno. Nelle loro parole riecheggia tutta l’importanza che il gioco con la palla riveste nel territorio artico. La centralità è testimoniata dagli appunti di esploratori e missionari giunti qui a partire dal XVIII secolo. Gli studi condotti dagli etnografi ai primi del Novecento sottolineano come il calcio, nel senso più ampio del termine, abbia radici lontane. Giocato alla fine dei mesi freddi, tra primavera ed estate, dai giovani delle diverse comunità che si ritrovano per ristabilire i legami sociali e commerciali, è senza dubbio uno degli sport preferiti dalle genti del Grande Nord. Un campo improvvisato, qualche sasso a formare le porte e un pallone di pelle cucita imbottito con il muschio: l’essenza ancestrale del football. Esercizio imprescindibile per forgiare il fisico e temprare il carattere degli inuit. Sotto lo sguardo severo degli anziani già si intravedono sul terreno di gioco i leader futuri. Resistenza, forza e carisma.

Una centralità culturale che confluisce nel mito. Così l’aurora boreale diventa una partita di calcio sotto i riflettori del firmamento. Ingranaggio della grande e incessante ruota della vita, sospiro di vento che dona sollievo alle lacrime delle partorienti tra i Ciuvani dell’estrema Siberia orientale, estatico spettacolo da ammirare. Leggenda vuole che l’uomo sia tripartito in corpo, nome e anima. Dopo la morte, nome e anima ascendono al cielo varcando la soglia dell’aldilà, terra dell’abbondanza. Nell’attesa della reincarnazione gli spiriti vagano; niente però si conquista senza dolore nel Grande Nord e la nuova veste corporea porterà con sé il suo carico di sofferenza. Per questo occorre allenarsi in continuazione. Ecco dispiegarsi come un lenzuolo di luce l’aurora boreale, ovvero i “giocatori di calcio”, Arsarnerit.

Corrono dietro a un teschio di tricheco e le azioni si insinuano nelle pieghe luminose ricamate con il filo della fatica. Tramite questa esibizione meravigliosa le anime rammentano ai vivi la loro presenza e il loro futuro ritorno. Ancora una volta il sangue delle generazioni passate si perpetuerà nelle vene pulsanti dei giovani. I vivi, pubblico e famiglia, commentano, tifano, tendendo l’orecchio ai suoni. I sibili della palla che rotola nelle lucenti increspature del cielo sono messaggi diffusi tra i ghiacci. Le anime assetate di vita si avvicinano alla terra per seminare la morte.

Tra di loro si intravedono gli anziani allontanatisi d’inverno in favore del bene comune, i bambini rapiti dal freddo, i cacciatori mai più ritornati. Ma dagli spalti si alza un frastuono fragoroso; non è ancora giunta l’ora di incamminarsi verso gli spogliatoi. L’attesa per le partite è grande. Laddove le anime non scendono in campo o appaiono flebili significa che il cibo, rubato del demone della carestia, scarseggia anche nella terra della ricchezza. Quando poi i “giocatori di calcio” si spostano in altri cieli, abbandonando la comunità, una calamità è prossima.

Chiuso infine il libro delle leggende tramandato dalle parole dei saggi, i giovani prendono la palla ed iniziano a giocare sotto il cielo artico. E in questa partita risiede tutto il significato profondo di un calcio puro e scevro da ogni moderna contaminazione.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 7 marzo 1908 nasceva nel quartiere capitolino...

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro