Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

La Lazio e lo Scudetto della Grande Guerra

Il terzo scudetto per la SS Lazio potrebbe diventare realtà nei primi giorni di Agosto, quando si riunirà, nuovamente, il Consiglio Federale della FIGC.
Non si sta parlando di uno scudetto recente, ovviamente, dato che il Campionato 2015/2016 è stato vinto (di nuovo) dalla Juventus allenata da Allegri. Si sta facendo menzione dello scudetto della Grande Guerra, quello del 1914-1915, alla sua assegnazione ai biancazzurri ex-aequo col Genoa data la prematura interruzione del Campionato a causa della Guerra.

La rivendicazione

La rivendicazione dello scudetto, ormai in dirittura d’arrivo e ‘pronto’ per essere formalmente assegnato, è stata portata avanti da un avvocato romano, Gian Luca Mignogna che, nel maggio 2015, scriveva un lungo articolo pubblicato dal Nuovo Corriere Laziale in cui faceva il punto della situazione calcistica che aveva portato all’interruzione del campionato arrivato alle battute finali.
A quei tempi la massima serie del calcio italiano era organizzata su base territoriale e non v’era abbondanza di società come oggigiorno: la Prima Categoria era l’odierna Serie A e l’organizzazione era articolata in sei Gironi Interregionali, composti a loro volta da sei squadre ognuno. Le prime due e le quattro migliori terze di ciascun girone si qualificavano per i quattro Gironi di Semifinale composti ognuno di quattro squadre, le prime classificate di ogni singolo Girone di Semifinale si qualificavano per il Girone Finale, che a sua volta assegnava il titolo di Campione dell’Italia Settentrionale ed il diritto a giocare la finalissima scudetto con la squadra Campione dell’Italia Centro-Meridionale. «Le squadre dell’Italia Centrale erano ripartite in un Girone Toscano composto di sette squadre ed un Girone Laziale composto di sei squadre, le prime due di ciascun girone si qualificavano per l’unico Girone di Semifinale che assegnava il primato territoriale ed il diritto a disputare la finale per il titolo di Campione dell’Italia Centro-Meridionale, la cui vincente si sarebbe contestualmente conquistata il diritto a giocarsi la finalissima scudetto con la squadra Campione dell’Italia Settentrionale».

L’Italia, però, entrò in Guerra e la FIGC adottò la sospensione ad libitum delle attività sportive: l’inettitudine dei Generali del Regio Esercito e la (errata) convinzione che il conflitto si risolvesse entro breve tempo, fece saltare i piani alla Federazione sportiva che, forse, riteneva possibile disputare le fasi finali del campionato a Guerra conclusa.
La Lazio, al momento della sospensione del campionato, era la prima del girone a 8 punti, superando di due lunghezze il Roman (6 punti) e il Pisa (6 punti) e di otto il Lucca (0 punti). Le cose andarono diversamente e i campionati ripresero nel 1919: stagione calcistica 19/20.
L’Avvocato Mignogna, dunque, nell’articolo del maggio 2015 sopracitato, scriveva: «Come definire l’interrotto campionato anteguerra del 1914-1915? Non c’è dubbio che tra le tante opzioni a propria disposizione la FIGC adottò quella che si rivelò assolutamente più ingiusta, più iniqua e più invisa ai colori biancazzurri: assegnare d’ufficio con una deliberazione postbellica lo scudetto al Genoa e dichiarare la Lazio meramente Campione dell’Italia Centro-Meridionale, con l’aggravante dell’ex aequo con i principianti dell’Internazionale Napoli che sino alla sospensione avevano disputato e vinto il solo derby d’andata giocato in casa contro il Naples! Senza dubbio alcuno tale decisione fu palesemente immeritoria, perché lo scudetto 1914-1915 fu assegnato a tavolino” senza le opportune e necessarie motivazioni sportive».

Ma se qualche lettore potrà storcere la bocca a riguardo, vista la complessità della materia trattata e la questione stessa tutt’altro che lineare, basterà fare riferimento allo scudetto della stagione calcistica 1921/1922 assegnato sia alla Novese che alla Pro Vercelli.

Il precedente tedesco

La questione di uno scudetto assegnato ex post non deve meravigliare: nel 2007, infatti, la federazione calcistica tedesca (DFB) deliberò di far disputare centotredici anni dopo (!) lo spareggio fra Viktoria Berlino ed Hanau valevole per l’assegnazione definitiva del titolo di Campione di Germania per l’anno 1894. Scriveva Fabio Belli sul Nuovo Corriere Laziale del 22/6/2015: «La Federcalcio Tedesca ha infatti stabilito uno spareggio tra il Viktoria Berlino e l’Hanau, riconoscendo l’illegittimità della sospensione del titolo del 1894, quando ancora in Germania il calcio era separato in divisioni regionali. Il 21 luglio del 2007 è stata dunque indetta una gara di spareggio, la cui cronaca viene dettagliatamente illustrata sul blog “L’uomo nel pallone” di Simone Cola. Il 21 luglio il Viktoria Berlino, nonostante una partenza veemente degli avversari, sconfigge l’Hanau per 3 a 0, legittimando la vittoria ed il titolo con un pareggio per 1 a 1 nella gara di ritorno. Entrambe le partite vengono giocate con palloni uguali a quelli dell’epoca, pesanti e cuciti a mano. Lo ha voluto il presidente della DFB di allora, Theo Zwanziger, ideatore e principale fautore della doppia finale.” L’impossibilità dello svolgimento della finale nel 1894 fu procurato dal fatto che l’Hanau non poteva percorrere i 400 chilometri che lo separavano dalla sede della finale. Una motivazione ben più opinabile rispetto alla sospensione d’imperio decisa a causa dello scoppio della Grande Guerra. A livello giuridico, il fatto che la DFB abbia riaperto un caso di oltre cento anni prima, in cui la mancata disputa della partita era stata peraltro causata non da forza maggiore, ma dal forfait di una delle due squadre, potrebbe essere un precedente decisivo per rendere il dovuto omaggio a una squadra come la Lazio del 1915, che più di ogni altra ha versato un tributo in termini di caduti e feriti alla causa bellica».

La petizione

L’avvocato Mignogna, insomma, dopo l’articolo apparso sul Nuovo Corriere Laziale, non rimane con le mani in mano e anzi promuove una petizione in collaborazione col settimanale, «indirizzata alla  Presidenza della Federazione Italiana Giuoco Calcio», sulla piattaforma change.org chiamando all’unità tutti i network laziali: è la Vocatio ad unitatem, così come riporta la pagina stessa della petizione online.

L’oggetto, in sostanza, è quello di nominare «una commissione straordinaria ad hoc per riesaminare oggettivamente il contesto storico, sociale e sportivo in cui sarebbe stata adottata la delibera postbellica con cui d’ufficio risulta assegnato lo scudetto 1914/1915 al Genoa, irreperibile presso gli archivi della Federcalcio».
La petizione arriva a 32.000 firme e l’iniziativa viene ripresa da più parti fino ad avere riverbero nazionale con tanto di articolo in risposta del Secolo XIX di Genova da parte di Piero Campodonico: «Lotito sta chiedendo una cosa assurda, in quella stagione la Lazio doveva ancora affrontare la vincente del Girone Sud per poi potersi confrontare con il Genoa nella finalissima. Quello di Lotito è un palese conflitto d’interessi dato che la decisione finale spetta al Consiglio Federale di cui lui fa parte».
Nessuno, infatti, nega che la popolarità di Lotito sia – attualmente e non al momento della petizione presentata su Change – ai minimi storici, tuttavia menzionarlo come lo scudetto di Lotito è fare del massimalismo, ignorando (come se non ci fossero mai state) le trentaduemila sottoscrizioni per la richiesta della commissione straordinaria per l’assegnazione ex aequo del Titolo.

Il dossier emerotecario

La ricerca prodotta dal proponente la petizione attraverso giornali e riviste dell’epoca ha redatto un vero e proprio dossier delle cui conclusioni, articolate in sette punti, è bene riportarne alcune:

  • «come chiaramente riportato dai giornali dell’epoca la Lazio fu inconfutabilmente la squadra Campione dell’Italia Centrale, il cui girone finale risultò del tutto definito per effetto dei risultati conseguiti sul campo e/o a tavolino;
  • in forza dell’annullamento dello spareggio tra Internazionale di Napoli e Naples, così come disposto dalla Figc per acclarate irregolarità di tesseramento, la Lazio si aggiudicò puranche il titolo di squadra Campione dell’Italia Centro-Meridionale; ciò comportò che la squadra capitolina fu l’unica ad essersi effettivamente qualificata per la finalissima nazionale valida per l’assegnazione del titolo tricolore 1914/15, prevista con la vincente del girone finale dell’Italia Settentrionale, poiché tale girone fu interrotto ad una giornata dal termine per l’improvvisa insorgenza bellica senza determinare un’effettiva vincitrice;
  • il girone finale dell’Alta Italia rimase incompiuto in forza della delibera adottata dalla Figc il 23.05.1915, che di fatto consacrò la seguente classifica provvisoria: Genoa pt. 7, Internazionale pt. 5, Torino pt. 5 e Milan pt. 3;
  • come è noto con successiva delibera post bellica la Figc dell’epoca assegnò d’ufficio il titolo di Campione d’Italia al Genoa, senza tenere in nessuna considerazione il primato sportivo conseguito dalla Lazio nella stagione calcistica 1914/15».

Qui il dossier emerotecario completo e scaricabile.

Nel frattempo gli articoli sull’assegnazione dello scudetto ex aequo col Genoa si moltiplicano e – addirittura – oltrepassano l’oceano. Oggi il New York Times, infatti, pubblica un articolo titolando «Lazio Inches Closer to a Title … From 1915» e dando conto della notizia per cui la squadra biancazzurra «sarebbe vicina a vincere il campionato italiano di calcio. Il campionato del 1915» («Lazio is closing in on the Italian soccer championship. The championship of 1915»).

Il quotidiano newyorkese riporta, dunque, la spinta delle trentamila firme come condizione primaria per far sì che si insediasse la commissione della FIGC: «Prompted by a petition signed by 30,000 Lazio fans, a committee of the Italian Football Federation is set to recommend that Lazio be declared co-champions of a tournament that concluded more than 100 years ago».

La BBC, poi, nella giornata del 21 Luglio, cita la questione dell’assegnazione del terzo Titolo: «Lazio could win their third league championship after the Italian Football Federation (FIGC) set up a commission to look at the outcome of the 1914-15 season following a fans’ petition».

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Viktor

    Luglio 27, 2016 at 8:31 am

    ma per favore, l’anno prima il Casale aveva vinto la finale con la Lazio 9-1, e quello precedente ancora la Pro Vercelli vinse 6-0

    • Avatar

      antonio setzu

      Luglio 29, 2016 at 1:23 pm

      E quindi?

      • Avatar

        Odoacre

        Agosto 19, 2016 at 2:11 am

        E quindi se l’Internazionale Napoli per la Lazio erano principianti cosa era la Lazio per le squadre del Nord? La Lazio con le napoletane nel 13-14 aveva vinto 1 a 0 ed 8 a 2. Nel 12-13 un pari per 1 a 1 ed una vittori per 2 -1. Partite molto più equilibrate delle finalissime.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

E Bruno Giordano disse “no” alla Juve Compie 64 anni oggi Bruno Giordano, il bomber della Lazio e del Napoli. In attesa del calciomercato,...

Calcio

Giuliano Fiorini, il “fiore del bene” che non appassirà Il 5 agosto 2005 ci salutava Giuliano Fiorini, l’attaccante della Lazio scomparso prematuramente a causa...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Pugilato

La storia dell’australiano Les Darcy, una fiamma bruciata troppo in fretta James Leslie Darcy, detto “Les”, fu un pugile australiano di grande talento, i...

Ultime Notizie Calcio

Anche quest’anno sarà uno dei trofei individuali più ambiti a livello calcistico. Nonostante si trovi un gradino sotto il Pallone d’oro, il premio al...

Calcio

Il 14 maggio del 2000, esattamente alle ore 18.04, la Lazio conquistò il secondo scudetto della sua storia. L’orario si riferisce all’ormai famosa frase...

Calcio

Tommaso Maestrelli, l’allenatore che parlava agli uomini “Si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di...

Calcio

Arturo Diaconale è stato sottoposto ad un intervento chirurgico d’urgenza. A renderlo noto è il sito Lazio Channel che ha escluso ogni collegamento con...

Calcio

L’Emilia Romagna ha dato l’ok per gli allenamenti individuali nei centri sportivi delle squadre di calcio nella regione (un provvedimento che permetterà a Sassuolo,...

Calcio

Marco Parolo ha criticato apertamente le regole che entreranno in vigore dal 4 maggio, con l’entrata in vigore della “Fase 2”. Il centrocampista della...

Calcio

Puntuale come un orologio svizzero è arrivata anche oggi la lunga stilettata di Arturo Diaconale. Il bersaglio della filippica scritta ancora una volta su...

Calcio

E’ uno dei più convinti assertori della sospensione definiva del campionato e si contrappone all’altra fazione composta principalmente da Claudio Lotito e Aurelio De...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro