Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La filosofia di Sokratis Papastathopoulos

Socrate, a differenza dei sofisti, mirava a convincere l’interlocutore non ricorrendo ad argomenti retorici e suggestivi si legge su un’anonima pagina wikipediana.

Calcisticamente e difensivamente parlando, nemmeno Sokratis Papastathopoulos va tanto per il leggero.

Se il filosofo più grande dell’antica Grecia non ha lasciato nulla di scritto, per sua stessa volontà, il difensore nato sulle coste selvagge del Peloponneso ha invece scelto di parlare pochissimo, tanto che nel suo primo anno a Genova i tifosi rossoblù decisero di ribattezzarlo amichevolmente ‘coso’, onde evitare strafalcioni nella pronuncia di un cognome tanto frastagliato quanto impegnativo.

I due anni proprio con il Genoa furono il trampolino di lancio per un difensore arrivato sottovoce dall’AEK Atene, dove a soli vent’anni aveva già toccato con mano il sapore della Champions League.

Il 1° agosto del 2008 Enrico Preziosi decise di sborsare ben 4 milioni di euro per assicurarsi Papastathopoulos, Sokratis o qualsiasi altro nome decidiate di affibbiargli. La prima stagione è storica, con le reti di Diego Alberto Milito e l’ascesa di Gian Piero Gasperini arrivano soddisfazioni, risultati e persino la qualificazione in Europa.

Pilastro inamovibile nella difesa rossoblù, abbina sostanza ad intelligenza, uno strapotere fisico ad una leggiadria tipica del difensore che sa impostare partendo dal basso.

Con il pallone ci sa fare, oltre a questo riesce a giocare senza particolari problemi anche da terzino, ruolo che ricoprirà anche una volta arrivato a Milanello.

Sarà infatti Adriano Galliani a puntare su di lui, portandolo al Milan mediante uno scambio piuttosto complicato in un valzer di contropartite tecniche.

Sebbene nel suo unico anno rossonero le presenze siano state solamente 5, con il Diavolo arrivano prima lo scudetto e poi un nuovo e silenzioso ritorno al Genoa, che a sua volta lo ‘girò’ in Germania al Werder Brema.

Se il problema finora era stata la continuità, in Bundesliga Papastathopoulos troverà continuità e riuscirà a farsi notare dal Borussia Dortmund, che nel 2013 decide di portarlo al Westfalen per 9 milioni di euro, in pratica il doppio del suo valore al Genoa.

Il ritratto di Sokratis è ben definito, si tratta di un difensore ruvido che tuttavia non disdegna avere il pallone tra i piedi, come dimostrato dai 64 passaggi in media effettuati a partita, di cui solamente il 5% finisce fuori o ‘in mano’ agli avversari, oltre a questo il greco cerca molto spesso il duello difensivo. Anche in questo caso la media è piuttosto alta, di circa 3 duelli vinti su 4, anche se la grande aggressività lo mette spesso di fronte al rischio di un cartellino. Detto questo, Papastathopoulos non prende un rosso dalla stagione 2013, segno di come si tratti di un giocatore capace di gestire buona parte della grinta di cui è fornito.

L’arte maieutica di Sokratis può piacere o non essere apprezzata, così come il difensore greco nel recente passato è rimasto avvolto in un cumulo di nebbia pur giocandosi il posto in squadre tutt’altro che piccole.

Il calcio che conta ha assaporato per davvero l’essenza di Papastathopoulos o si è fermato alle soglie del sapere? A lui non importa, a lui basta conoscere se stesso, essere consapevole di avere tanti pregi ed altrettanti difetti. Come il cognome un po’ lungo, anche se a Genova avevano già trovato la soluzione.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Nils Liedholm: c’era una volta il “Barone” Avrebbe compiuto ieri 99 anni Nils Liedholm, indimenticabile Barone svedese del calcio italiano. Personaggio unico e inimitabile...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Il 2 ottobre 2005 ci salutava  Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

Christian Pulisic, l’oro americano scoperto ‘per sbaglio’ Compie oggi 23 anni Christian Pulisic, giovane talento statunitense, per anni gemma preziosa del Borussia Dortmund, oggi...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Roberto Rosato, “Faccia d’angelo” rossonera Piemontese, nato il 18 agosto 1943. Campione d’Italia, d’Europa e del mondo con il Milan. Ma non è Gianni...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

A tu per tu con Mauro Suma A Tu per Tu con Mauro Suma, noto giornalista di fede rossonera. Suma inizia la sua carriera...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro