Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Varie

La favola di Coly Keba

Vivere una favola. Un sogno. Una storia da “calcio pulito”. La parabola di Keba, classe 1998 aggregato da due mesi alla primavera della Roma, inizia da lontano. Precisamente da Dakar, Senegal. Sì, dall’Africa. Si smorzino subito facili ironie: Keba è un ragazzo modello, figlio di un una insegnante e di un ufficiale dell’esercito locale. Si trasferisce, in Italia, un anno e mezzo fa, a Montesilvano per studiare.

In Abruzzo, Keba studia, gioca, si diverte. Se la cava benissimo con i libri. Nessuna insufficienza. Ancor meglio, però, con il calcio. Palla al piede, le lodi fioccano. Gioca in prima categoria, nello Spoltore, società affiliata alla Roma. Impressiona gli addetti ai lavori, rapiti dai suoi centottanquattro centimetri di forza e agilità. Prima punta o esterno largo a destra. Fa poca differenza. Keba fa a spallate con il mondo, è abilissimo in acrobazia, punta e salta spesso l’uomo nell’uno contro uno. Abbastanza per convincere la Roma a visionarlo. Sabatini non ci pensa due volte: provino superato.

Keba prepara le valigie. Si va a Roma. Anzi, prima in America. Il suo destino si compie a metà dicembre scorso: nella tournée americana, Keba segna 5 reti e stupisce tutti per la capacità di fare reparto da solo,  l’abilità in fase di finalizzazione. Spesso in acrobazia, specialità della casa.

É gennaio 2016. Ad appena 18 anni Keba ha già vissuto tre vite. Una in Africa, l’altra in Abruzzo, adesso a Roma. Senza scomporsi. Da Trigoria, arrivano solo elogi. Proprio come da Pescara. Keba è descritto come ragazzo serio, educato, scrupoloso, studioso. Una eco delle parole di Rocco Palumbo, patron del Pescara Sud, che rilascia dichiarazioni al miele, aldilà dell’aspetto tecnico: “Keba è un 1998 che ha un altro passo rispetto ai pari età. Ha margini di miglioramento e, sopratutto, è un ragazzo umile e intelligente.  Gli auguro il meglio”.

Adesso è affidato alle cure di Alberto De Rossi. Il tecnico della Primavera giallorossa non si sbottona facilmente. L’ha definito “interessante”. Un complimento non da poco. Un primo passo verso una nuova vita, da iniziare magari a breve. Il sogno, dalla Prima Categoria alla serie A è  a un passo dal concretizzarsi. Keba non ci pensa. Prosegue la sua vita fra libri (studia a Ostia, all’Istituto Internazionale Giovanni Paolo II, una scuola di grande livello, convenzionata con la Roma), allenamento, partite, interrogazioni, complimenti dentro e fuori dal campo. Ha la faccia pulita di chi insegue pallone e sogni, senza perdere di vista l’umiltà di chi  conosce il significato della parola sacrifico. Keba, oltre che bene, gioca pulito. In bocca al lupo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Ernesto

    Marzo 4, 2016 at 11:41 am

    Potreste spiegare meglio la frase “…precisamente da Dakar, Senegal. Sì, dall’Africa. Si smorzino subito facili ironie: Keba è un ragazzo modello”? Che tipo di ironia si intende?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro