Connect with us

Cerca articoli

Varie

La favola di Coly Keba

Vivere una favola. Un sogno. Una storia da “calcio pulito”. La parabola di Keba, classe 1998 aggregato da due mesi alla primavera della Roma, inizia da lontano. Precisamente da Dakar, Senegal. Sì, dall’Africa. Si smorzino subito facili ironie: Keba è un ragazzo modello, figlio di un una insegnante e di un ufficiale dell’esercito locale. Si trasferisce, in Italia, un anno e mezzo fa, a Montesilvano per studiare.

In Abruzzo, Keba studia, gioca, si diverte. Se la cava benissimo con i libri. Nessuna insufficienza. Ancor meglio, però, con il calcio. Palla al piede, le lodi fioccano. Gioca in prima categoria, nello Spoltore, società affiliata alla Roma. Impressiona gli addetti ai lavori, rapiti dai suoi centottanquattro centimetri di forza e agilità. Prima punta o esterno largo a destra. Fa poca differenza. Keba fa a spallate con il mondo, è abilissimo in acrobazia, punta e salta spesso l’uomo nell’uno contro uno. Abbastanza per convincere la Roma a visionarlo. Sabatini non ci pensa due volte: provino superato.

Keba prepara le valigie. Si va a Roma. Anzi, prima in America. Il suo destino si compie a metà dicembre scorso: nella tournée americana, Keba segna 5 reti e stupisce tutti per la capacità di fare reparto da solo,  l’abilità in fase di finalizzazione. Spesso in acrobazia, specialità della casa.

É gennaio 2016. Ad appena 18 anni Keba ha già vissuto tre vite. Una in Africa, l’altra in Abruzzo, adesso a Roma. Senza scomporsi. Da Trigoria, arrivano solo elogi. Proprio come da Pescara. Keba è descritto come ragazzo serio, educato, scrupoloso, studioso. Una eco delle parole di Rocco Palumbo, patron del Pescara Sud, che rilascia dichiarazioni al miele, aldilà dell’aspetto tecnico: “Keba è un 1998 che ha un altro passo rispetto ai pari età. Ha margini di miglioramento e, sopratutto, è un ragazzo umile e intelligente.  Gli auguro il meglio”.

Adesso è affidato alle cure di Alberto De Rossi. Il tecnico della Primavera giallorossa non si sbottona facilmente. L’ha definito “interessante”. Un complimento non da poco. Un primo passo verso una nuova vita, da iniziare magari a breve. Il sogno, dalla Prima Categoria alla serie A è  a un passo dal concretizzarsi. Keba non ci pensa. Prosegue la sua vita fra libri (studia a Ostia, all’Istituto Internazionale Giovanni Paolo II, una scuola di grande livello, convenzionata con la Roma), allenamento, partite, interrogazioni, complimenti dentro e fuori dal campo. Ha la faccia pulita di chi insegue pallone e sogni, senza perdere di vista l’umiltà di chi  conosce il significato della parola sacrifico. Keba, oltre che bene, gioca pulito. In bocca al lupo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Ernesto

    Marzo 4, 2016 at 11:41 am

    Potreste spiegare meglio la frase “…precisamente da Dakar, Senegal. Sì, dall’Africa. Si smorzino subito facili ironie: Keba è un ragazzo modello”? Che tipo di ironia si intende?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande...

Calcio

Allianz Riviera di Nizza: la “Cicala” più ecosostenibile al Mondo Per la Giornata Internazionale dedicata al risparmio energetico, vi portiamo a Nizza per entrare...

Calcio

Le partite degli altri: l’ultima volta della DDR Aggrappati a un gol, impensabile ancor più che imprevisto, di Jürgen Sparwasser, quando le spartane maglie...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro