Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

La Corsa di Miguel: una gara che “vive” tutto l’anno

L’esempio Pulito

C’è una gara che è la perfetta esegesi dello sport pulito e forse alla mitopoiesi dello sport. Senza esagerazioni. Il 31 gennaio si corre “La Corsa di Miguel” nel cuore vivo della Roma sportiva (Foro Italico e dintorni) e l’evento si è attribuito il funzionale e accattivante slogan de “la corsa che fa correre tutti”. Perché in effetti l’appuntamento non è limitato al solo giorno, alla concentrazione aristotelica di unità d’azione di tempo di quel giorno, ma si spande attraverso un’attività sportiva culturale per tutto l’anno.

Da novembre i volontari della corsa (giornalisti e addetti ai lavori) tengono seminari su un argomento mirato nei licei romani. Per questa tornata 2015-2016, si è scelto il fascinoso tema d’attualità dell’Olimpiade, quanto mai mainstream vista la candidatura di Roma all’edizione del 2024, veicolata da un sondaggio Ipsos depistante.

Olimpiade vista attraverso personalizzazioni tematiche a scelta dell’istituto: il razzismo, Roma 1960, L’Olimpiade tra pace e guerra, le Paralimpiadi. Poi, dopo la Corsa vera e propria alla quale parteciperà anche qualche campione della magra riserva azzurra (favorito Floriani tra gli uomini e Ejafini tra le donne), si scatenerà la tornata del richiamo all’attività per gli studenti stessi. Il detto latino “mens sana in corpore sano” ne ha vissute e attraversate di cotte e di crude, ma qui la tentazione della sedentarietà si scontra con l’iscrizione di circa 15.000 ragazzi che tra febbraio e marzo si cimenteranno sulle piste romane in un classico 1.000 per approdare (i migliori) alla finale prevista allo Stadio de Marmi alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò.

In totale si registra la partecipazione di circa 250 scuole che invieranno un congruo numero di iscritti (insegnanti, studenti e personale scolastico) alla non competitiva gara contro il razzismo che si correrà (o marcerà) il 31 gennaio a margine della gara principale. Il Coni, la Scuola, il Miur nel corso dell’anno fanno di più con i loro protocolli verso lo sport giovanile? Non diremo. E tutto è partito nel segno di Miguel Sanchez, atleta simbolo per gli argentini e in particolare per gli atleti. Non un pericoloso oppositore del regime dittatoriale ma un semplice sportivo-atleta che voleva far conoscere le proprie verità correndo e tenendo un diario che evidentemente è risultato scomodo ai militari argentini.

L’Italia lo ricorda, con il contribuito dell’ambasciata argentina. Tutti i giorni e tutti gli anni con “La Corsa di Miguel”, brevetto solidale del collega Valerio Piccioni con radici nel passato secolo e nel passato millennio. Un’esperienza di memoria storica che prima è nata in Italia e poi è stata importata dall’Argentina, terra natale di Sanchez.

FOTO: www.lacorsadimiguel.it

social banner

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Pugilato

Il 23 maggio 1915 nasceva Leone Efrati, il pugile italiano deportato dai nazisti e costretto a combattere dentro al campo di concentramento di Auschwitz,...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

A modo suo: “El Trinche” Carlovich L’8 maggio 2020 ci salutava, vittima di una rapina, “El Trinche” Carlovich, iconico giocatore argentino che ha sempre...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Il 2 Maggio 2016, in virtù del pareggio tra Chelsea e Tottenham, il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro