Connect with us

Cerca articoli

Cura e Prevenzione

La carenza di Vitamina C: cause e conseguenze

La carenza di Vitamina C

La carenza di vitamina C nei paesi più sviluppati può verificarsi come conseguenza di una malnutrizione generale. Una carenza grave che può portare allo scorbuto è ormai rara. I sintomi della carenza di vitamina C riguardano affaticamento, depressione e difetti del tessuto connettivo, come ad esempio gengiviti, petecchie, eruzioni cutanee, emorragie interne, guarigione delle ferite compromessa. Nei neonati e nei bambini tale carenza può causare una crescita ossea compromessa. Il trattamento consiste in vitamina C per via orale.

Il ruolo della vitamina C

La vitamina C svolge un ruolo importante nella formazione di collagene, carnitina, ormoni e aminoacidi. È essenziale per la salute delle ossa, dei vasi sanguigni e per la guarigione delle ferite, inoltre facilita il recupero dalle ustioni. La vitamina C è anche un antiossidante, supporta la funzione immunitaria e facilita l’assorbimento del ferro. Le fonti alimentari di vitamina C includono agrumi, pomodori, patate, broccoli, fragole e peperoni dolci. Lo scorbuto è una grave carenza di vitamina C; si manifesta con disturbi caratterizzati da manifestazioni emorragiche e formazione anormale di osteoidi e dentina.

La causa primaria della carenza di vitamina C è la dieta inadeguata. La necessità di vitamina C nella dieta aumenta con l’insorgere di malattie febbrili, disturbi infiammatori (in particolare disturbi diarroici), acloridria, fumo, ipertiroidismo, carenza di ferro, stress da freddo o caldo, interventi chirurgici, ustioni e carenza di proteine. Il calore può distruggere parte della vitamina C negli alimenti.

Fisiopatologia

Con la carenza di vitamina C la formazione di sostanze cementizie intercellulari nei tessuti connettivi, nelle ossa e nella dentina diventa difettosa, con conseguente indebolimento dei capillari. Tutto ciò può causare emorragia, difetti nell’osso e nelle strutture correlate. Nei bambini il rischio è maggiore perché può causare lesioni ossee e scarsa crescita ossea. Il tessuto fibroso si forma tra la diafisi e l’epifisi e le giunzioni costocondrali si ingrandiscono. I frammenti di cartilagine densamente calcificati sono incorporati nel tessuto fibroso. Nei bambini o negli adulti possono verificarsi emorragie a volte dovute a piccole fratture.

Sintomi e segni

Negli adulti i sintomi della carenza di vitamina C si sviluppano dopo settimane o mesi di esaurimento della vitamina C. Stanchezza, debolezza, irritabilità, perdita di peso e vaghe mialgie e artralgie possono svilupparsi precocemente. I sintomi dello scorbuto (legati a difetti nei tessuti connettivi) si sviluppano dopo alcuni mesi di carenza. Possono emergere ipercheratosi follicolare ed emorragie perifollicolari. Le gengive sono una delle parti più a rischio perché possono diventare gonfie, viola, spugnose e friabili; inoltre sanguinano facilmente in caso di grave carenza. I denti si allentano e si staccano, con il rischio di infezioni secondarie. Le ferite guariscono male e si strappano facilmente e possono verificarsi emorragie spontanee, soprattutto come ecchimosi nella pelle degli arti inferiori, oppure emorragia congiuntivale bulbare.

Altri sintomi e segni: possono verificarsi neuropatia femorale dovuta a emorragia nelle guaine femorali (che può simulare una trombosi venosa profonda), edema degli arti inferiori e sanguinamento doloroso o versamenti all’interno delle articolazioni. Nei neonati i sintomi includono irritabilità, dolore durante il movimento, anoressia e rallentamento della crescita. Nei neonati e nei bambini la crescita ossea diventa ridotta e possono verificarsi sanguinamento e anemia.

Diagnosi

La diagnosi è solitamente clinica, sulla base di reperti cutanei o gengivali e fattori di rischio. La diagnosi di carenza di vitamina C viene solitamente effettuata clinicamente in un paziente che presenta segni cutanei o gengivali ed è a rischio di carenza di vitamina C. Potrebbe essere disponibile la conferma del laboratorio. Viene eseguito un esame emocromocitometrico completo, spesso rilevando l’anemia. Le radiografie scheletriche possono aiutare a diagnosticare lo scorbuto infantile (ma non adulto). I cambiamenti sono più evidenti alle estremità delle ossa lunghe, in particolare al ginocchio. I primi cambiamenti assomigliano all’atrofia. La perdita di trabecole si traduce in un aspetto smerigliato. La corteccia si assottiglia. In corrispondenza della metafisi può essere visibile una linea di cartilagine calcificata e irregolare (linea bianca di Fraenkel). L’epifisi può essere compressa. La guarigione delle emorragie sottoperiostee può elevare e calcificare il periostio.

La diagnosi di laboratorio richiede la misurazione dell’acido ascorbico nel sangue e viene talvolta eseguita nei centri accademici. I livelli di <0,6 mg/dL (<34 mcmol/L) sono considerati marginali; livelli di <0,2 mg / dL (<11 mcmol / L) indicano una carenza di vitamina C. Negli adulti lo scorbuto deve essere differenziato da artrite, disturbi emorragici, gengiviti e malnutrizione proteico-energetica. I follicoli piliferi ipercheratotici con iperemia o emorragia circostante sono quasi patognomonici.

Trattamento

Per lo scorbuto negli adulti in genere viene somministrato acido ascorbico da 100 a 500 mg per via orale 3 volte al giorno per 1 o 2 settimane, fino alla scomparsa dei segni, seguito da una dieta nutriente che fornisce da 1 a 2 volte l’assunzione giornaliera raccomandata. Le dosi terapeutiche di acido ascorbico ripristinano le funzioni della vitamina C in pochi giorni. I sintomi e i segni di solito scompaiono in 1 o 2 settimane. La gengivite cronica con ampia emorragia sottocutanea, di solito, persiste più a lungo.

(Fonte https://www.msdmanuals.com/professional/nutritional-disorders/vitamin-deficiency-dependency-and-toxicity/vitamin-c deficiency#:~:text=In%20developed%20countries%2C%20vitamin%20C,bleeding%2C%20impaired%20wound%20healing)

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Paolo List e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 28 Marzo 2016 moriva a soli 52 anni Paolo List,...

Alimentazione

Dieta senza glutine: una guida per principianti È sempre più praticata, a volte per necessità altre volte per moda, da un numero crescente di...

Cura e Prevenzione

9 modi per potenziare le difese naturali del tuo corpo Se vuoi migliorare la tua salute immunitaria, potresti chiederti come aiutare il tuo corpo...

Integratori

Probiotici: una semplice guida per principianti I batteri nel tuo corpo superano di 10 a uno le cellule del tuo corpo. La maggior parte...

Integratori

Olio di krill vs olio di pesce: quale scegliere?  L’olio di pesce, derivato da pesci grassi come acciughe, sgombri e salmone, è uno degli...

Integratori

Vitamine del gruppo B: benefici, effetti collaterali e dosaggio Le vitamine del gruppo B sono un gruppo di sostanze nutritive che svolgono molti ruoli...

Alimentazione

Proteine animali e vegetali: qual è la differenza? Circa il 20% del corpo umano è costituito da proteine. Poiché il tuo corpo non immagazzina...

Alimentazione

Vino rosso: fa bene o fa male? I benefici per la salute del vino rosso sono dibattuti da tempo. Molti credono che un bicchiere...

Integratori

L’olio di pesce Omega-3 può aiutarti a perdere peso? L’olio di pesce è uno degli integratori più comuni sul mercato. È ricco di acidi...

Alimentazione

10 benefici del tè verde basati sull’evidenza Il tè verde è considerato una delle bevande più salutari del pianeta. È ricco di antiossidanti che...

Alimentazione

Il tè ti disidrata? Il tè è una delle bevande più apprezzate al mondo. Può essere gustato caldo o freddo e può contribuire al...

Alimentazione

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della radice di liquirizia?  La radice di liquirizia, considerata uno dei rimedi erboristici più antichi al mondo,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro