Connect with us

Cerca articoli

Doping

L’ Ormone della Crescita e le Ombre del Doping sulla Russia

Battuta la Spagna ai rigori e ottenuto il pass per i quarti di finale dove se la vedranno oggi contro la Croazia, il massimo momento di euforia della nazionale russa è minato da un caso particolarmente spinoso che sta tenendo banco in queste ore.

Quando si parla di Russia e soprattutto di trionfi russi, ecco che arriva il sospetto di doping. Stavolta però sembrerebbe esserci di mezzo una confessione che potrebbe inguaiare la nazionale ospitante il Mondiale. Secondo i media locali ci sarebbe un virgolettato, attribuito al padre di Denis Cheryshev, Dmitri, anche lui ex calciatore russo, che affermerebbe che il figlio abbia fatto uso dell’Ormone della Crescita prima dell’inizio del Mondiale.

L’uso di questa sostanza senza prescrizione medica è proibito e si rischia fino a quattro anni di squalifica. Alla fine della gara contro la Spagna l’attaccante russo ha risposto stizzito alle domande incalzanti dei cronisti: “Non so dove i giornalisti abbiano preso quella frase. Forse non hanno capito cosa stesse dicendo mio padre. Non ho preso nessuna sostanza proibita”.

A far eco alle parole della stella russa anche il direttore generale dell’Agenzia Anti-doping  nazionale Margarita Pakhnotskaya che al Sunday Telegraph ha affermato che l’agenzia indagherà a fondo sulla questione e soprattutto sulla provenienza di queste parole attribuite a Dmitri Cheryshev.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente Compie oggi 37 anni Daniel Subasic, il portiere della Croazia che in ogni partita non dimentica mai...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu Il 15 settembre 1995 moriva in un incidente stradale a soli 43 anni il calciatore brasiliano Dirceu, vecchia conoscenza della Serie...

Calcio

Paul Breitner: oltre il Muro dell’apparenza Compie oggi 70 anni Paul Breitner, iconico calciatore tedesco che non ha mai nascosto le sue idee politiche...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro