Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

L’America dice sì, l’Europa dice no ma con riserva. L’erba sintetica fa venire il cancro?

L’abbiamo toccata e calpestata tutti. Da quella dura in sabbia, a quella che ci riempiva le scarpe di gommini fino a quella di ultima generazione che è soffice come l’erba vera e non vi fa più infiammare le ginocchia ma rischia di ucciderci. Stiamo parlando dell’erba sintetica dei campi di calcio, calcetto e calciotto che secondo alcuni studi farebbe venire il cancro. Ma andiamo con ordine.

Pubblicità

Un po’ di storia

Uno studio della Rutgers University ha esaminato molti campi sintetici siti a New York e ha scoperto livelli di Idrocarburi policiclici aromatici, metalli e ftalati ben al di sopra consentita dalla legge statale.

Nel 2014 Amy Griffin, allenatrice di calcio all’Università di Washington ha fatto uno studio su ex calciatori che hanno contratto il cancro una volta terminata la loro carriera. Su 38 giocatori presi in esame, 34 erano portieri per una percentuale incredibile dell’ 89%. Questo perché, secondo Griffin, i portieri tuffandosi sono molto più a contatto con l’erba dal punto di vista ematico, ma soprattutto possono aver respirato ed inavvertitamente ingerito l’erba sintetica. Va ricordato che negli States tutti i campi di calcio, che spesso sono gli stessi di quelli da Football, sono in erba sintetica.

Il congresso americano nel 2015 ha dato mandato alla EPA, Agenzia a protezione dell’ambiente di investigare ma il risultato delle indagini non sono ancora stati pubblicati.

Anche in Italia

Nel 2006 l’Istituto Superiore della Sanità ha lanciato l’allarme e sono stati trovati 350 campi, solo nel centro Italia, potenzialmente nocivi con presenza di sostanze oltre la media. Molti di essi appartenenti a squadre allora militanti in serie D. Lo stesso studio, ripreso nel 2014, ha dimostrato che  d’estate con le temperature alte, queste sostanze evaporano e possono essere molto nocive specialmente per i bambini.

Il caso Olandese

Nel 2016, dopo la messa in onda del documentario Zembla, in Olanda è partita un’indagine proprio sulla nocività dei campi sintetici e trenta team amatoriali si sono visti costretti a rifare il campo perché potenzialmente nocivo.

La morte di Gary Ablett

L’ex giocatore del Liverpool Gary Ablett morì per un linfoma nel 2012 all’età di 46 anni. Sua moglie Jacqueline espresse il timore che il suo tempo trascorso allenando sulle superfici sintetiche possa essere stata la causa.

Il problema dei diserbanti:

 Nei campi sintetici può accadere che cresca qualche erbaccia, come accade in mezzo al brecciolino. In questi casi vengono utilizzati diserbanti chimici e tossici che possono recare danno all’organismo.

Il pensiero Europeo

Nel 2016 la Commissione Europea ha commissionato la ricerca all’Agenzia Europea Sostanze Chimiche (Echa) che ha ravvisato livelli di rischio esistenti ma molto bassi per le superfici di gioco esaminate. L’Echa ha anche detto però di modificare i regolamenti per garantire bassi livelli di IPA (Idrocarburi policiclici aromatici) nella creazione di pneumatici, la cui gomma viene utilizzata nei campi sintetici.

I produttori di granuli di gomma e le organizzazioni interessate, dovrebbero sviluppare linee guida per aiutare tutti i produttori e gli importatori di intasi di gomma riciclata ad effettuare test sul loro materiale. Il problema si palesa quando per risparmiare il produttore è incerto ed i prodotti provenienti da un paese straniero difficile da controllare e con regole diverse.

Anche i proprietari dei centri sportivi devono fare la loro parte, controllando periodicamente il livello di tossicità dei propri campi e soprattutto consentirne l’adeguata ventilazione.

Un anno fa anche la Football Association inglese ha avviato la propria indagine ed è in attesa dei primi responsi.

Il business intorno a questi campi è troppo grande, pensate quanto costerebbe ai centri sportivi il dover rifare tutti i campi perché tossici. Molte attività si vedrebbero costrette a chiudere. Anche le raccomandazioni dell’Agenzia Europea Sostanze Chimiche ha buoni propositi ma si scontra con la realtà fatta di incompetenza e imperizia, quella spesso dei custodi che in questi centri ti danno solo il campo ed il pallone e niente più.

Far controllare la tossicità costa soldi e tempo e se nessuno minaccia sanzioni chi lo farebbe mai di spontanea volontà?

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Corrado Ventimiglia

    Gennaio 20, 2018 at 1:22 pm

    E’ triste dover accorgersi che il gioco del calcio fatto in strada è molto più sicuro, verosimilmente,di quello fatto nelle scuole calcio dai nostri figli o nipoti, dove peraltro paghi per il divertimento dei ragazzi.
    Non bisogna permettere che vi siano dei buchi nelle politiche di prevenzione delle malattia tumorali nel nostro paese,soprattutto quando sono coinvolti ragazzi in giovane età, anche se le evidenze in altri settori, Taranto,Gela,Augusta non sono incoraggianti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Walter Bonatti: la solitudine e la grandezza del “Re delle Alpi” Nella notte tra il 30 e il 31 luglio 1954 veniva raggiunta la...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Pugilato

Cleveland Williams, la strada spezzata di “Big Cat” Il 30 giugno 1933 nasceva Cleveland Williams, considerato uno dei più grandi pugili della storia a...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro