Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Kurt Hamrin, l'”uccellino che vola”

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il netto successo a Bergamo sulle locandine de La Nazione vi era scritto: “L’uccellino che vola”. Il quotidiano fiorentino descrisse così Kurt Hamrin, autore di cinque reti.

Era la sua sesta stagione in riva all’Arno. Era arrivato infatti a Campo di Marte nel 1958, dopo un ottimo terzo posto ottenuto con il Padova di Nereo Rocco. Con l’addio di Julinho alla Viola serviva un altra ala e i dirigenti gigliati scelsero lo svedese, che la Juventus aveva portato in Italia due anni prima ma che lasciò partire dopo un campionato e vari infortuni alle caviglie, complici anche gli arrivi in bianconero di Sivori e Charles.

Il compianto Paolo Rossi una volta dichiarò che partiva da Prato non per guardar giocare la Fiorentina, ma per vedere Hamrin, il quale era capace di far rimbalzare la palla sulle gambe dell’avversario per poi eluderlo con un tunnel o con un dribbling.

Quando corre sull’erba saltando sempre il difensore avversario, sembra proprio un uccellino che vola”, scrisse di lui Beppe Pegolotti. In viola una Coppa delle Coppe e due coccarde tricolori. Centocinquanta reti in nove campionati a Firenze: miglior marcatore gigliato in Serie A dietro solo a Gabriel Batistuta, il quale superò le reti dello svedese all’ultima partita con il club toscano.

Lasciò la Viola nel 1967, considerato un po’ avanti con gli anni. Ma il ‘Paròn’ Rocco non si era dimenticato di lui e lo volle al Milan, con il quale ha celebrato uno scudetto, una Coppa delle Coppe e una Coppa dei Campioni. In Italia ha vestito anche la casacca del Napoli per due annate. Dopo il ritiro decise di vivere a Firenze. Nel 2014 sul Guerin Sportivo Rossano Donnini l’ha posizionato al 4°posto tra i 100 di sempre della storia gigliata.

A cura di

Da non perdere

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Il 22 Gennaio 1983 annunciava il suo ritiro (sarebbe poi tornato nel 1991, senza lasciare traccia) il...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro