Connect with us

Cerca articoli

Calcio

KickBOND: il Calcio al tempo dell’indebitamento chiede i soldi ai tifosi/risparmiatori

Viene lanciato in Italia un nuovo strumento finanziario per permettere alle squadre di indebitarsi sfruttando la leva emotiva della passione (e dell’ignoranza).

In un Paese come l’Italia, dove non serve andar troppo indietro nel tempo per incappare in storie di risparmiatori rovinati o gabbati, anche a causa di attività di sorveglianza e controllo non proprio puntuali, assistiamo oggi al lancio di un nuovo prodotto finanziario dall’altissimo rischio.

E non lo definisco “altissimo” perché finanziario (sugli aspetti tecnici torneremo più avanti avendo in serbo interviste con professionisti del settore), in quanto se ti informi dei rischi, alti o bassi che siano, quelli sono, ma per il modo in cui viene con leggerezza e tanto, tanto coraggio pubblicizzato e descritto: i KickBond del progetto KickOffers.

Il nuovo Italico prodotto finanziario, nell’ultimo weekend pubblicizzato a destra e manca anche da famosi giornali e quotidiani come se fosse la rivoluzione del guadagnare giocando, ahimè anche il Sole24Ore, altro non è che un modo per squadre – e forse anche procuratori, dato che si parla di giocatori direttamente, o chissà chi – di indebitarsi. Eh sì, avete sentito bene: il famoso “kickbond” altro non è che un bond – ma dai? -, un’obbligazione, ovvero un debito che, attraverso un intermediario finanziario che lo emette, certificato da un terzo soggetto (tipo Standard & Poor’s o Moody’s, gli stessi che fanno il rating del debito di uno Stato per capirci), la squadra di calcio chiede al “mercato”. E il mercato in questo caso sono i tifosi.

Tifosi e appassionati di calcio, in parole povere, state facendo un credito alla vostra squadra del cuore, attraverso una società che emette il “titolo obbligazionario”.

In pratica, il fantastiliardario mondo del Calcio delle Serie A, non sapendo più come o dove indebitarsi, eventualmente anche per ripianare bilanci insostenibili per qualsiasi azienda a mercato, vi chiede appassionatamente un sforzo. Uno sforzo variabile tra i 100€ ed i 5.000€.

 

E qui l’aspetto più illusorio, perché tutti regalerebbero 100€, ma anche 5.000€ alla propria squadra del cuore, pensando di investire su di essa, di essere parte del gioco, di contare qualcosa (infine, sempre più eventualmente di guadagnarci qualcosina).

Se John Kenneth Galbraith, uno dei più noti economisti contemporanei, e ben più credibile di colui che scrive, fosse ancora vivo – è deceduto purtroppo nel 2006 – vedrebbe il concretizzarsi di una delle frasi più celebri da lui teorizzate: “il mercato (la borsa) è quel luogo pensato per separare i cretini dai propri soldi”.

E chissà se non abbiano studiato o letto qualche libro di Galbraith anche i creativi fondatori di KickOffers.

Ma non è rischioso fare una comunicazione del genere dove si sottolinea un’equivalenza concettuale sostanzialmente errata? In primis propongono il prodotto come un investimento sulla squadra. E così non è per quanto sopra già scritto. In secundis ribadiscono fino quasi alla noia il concetto “Investi e guadagna” senza spiegare né effettivamente come, dove e perché e senza tener presente che quando investi, i soldi, li puoi anche perdere, perché fa parte del gioco.

Facciamo quindi un piccolo esempio: se io compro un’obbligazione del Chievo Verona, squadra che ha già aderito con buona pace dei suoi tifosi – ma perché non avrebbe dovuto farlo d’altronde – cosa significa che la mia squadra sta andando bene? Che non retrocede? Che viene promossa? Che fa un “tot” di punti o vittorie? E rispetto a che cosa sta andando bene o male?

Successi sportivi? Come si definisce un successo sportivo per il Chievo Verona?

Perché le obbligazioni sono un prodotto finanziario che è fondamentale, soprattutto oggi, per il mondo dell’imprenditoria, e funzionante, ma ha bisogno di essere collegato a qualche cosa per avere una spiegazione dei possibili futuri andamenti, del perché mi verrà pagata con una determinata periodicità un cedola (ovvero un interesse) e di quando mi verrà restituito il credito da me fatto.

Ad onore del vero, anche se non lo hanno mai accennato in nessun passaggio, in basso, in piccolo, nel loro sito, nella sezione “Chi siamo”, compaiono le fatidiche parole:

“Avviso di rischio: Il tuo capitale è a rischio, non dovresti investire fondi che non puoi permetterti di perdere. Prima di acquistare o vendere Obbligazioni dovresti assicurarti di averne compreso i rischi e, se necessario, ottenere una consulenza finanziaria indipendente che assicuri che tali prodotti siano conformi ai tuoi obiettivi di investimento.

Il partner commerciale selezionato di KickOffers è Calamatta Cuschieri Investment Services Ltd (“CC”). CC è una società con sede a Malta, identificata col codice C13729 nel registro delle imprese. CC è autorizzata e regolamentata da Malta Financial Services Authority, numero di Registro MFSA IS/13729.”

Da cui si desumono due cose: probabilmente non è così bello o divertente come stanno cercando di comunicarlo e, soprattutto, colui che probabilmente emetterà l’obbligazione, a cui in pratica darete i soldi che andranno poi alla vostra squadra del cuore, è una società maltese. Per carità, sempre Unione Europea, ma andate a riscuotere in caso di problemi quanto dovuto a Malta.

Ci sorgono poi alcuni dubbi: è davvero giusto parlare di obbligazione/bond se nel caso in questione c’è un tasso variabile collegato presumibilmente a un indice di performance? Come e da chi è elaborato questo indice? Di conseguenza, se c’è un titolo collegato ad un indice, siamo in presenza, di fatto, di un contratto che incorpora un derivato finanziario (corrispondente al rendimento collegato ad un indice)? Sono tutte domande le cui risposte avranno seguito nella prossima puntata di questo focus, grazie ad un’intervista con un dirigente di un’importante società di gestione crediti e prodotti finanziari.

Quando ho sentito inoltre che tali obbligazioni sarebbe state emesse anche con un “sottostante” rappresentato delle perfomance di un giocatore, mi è venuta alla mente l’immagine che segue, ovvero quella di Mino Raiola e Balotelli. I quali possono fare sicuramente quello che vogliono della loro immagine, della loro vita, della loro onorabilità e fama, ma voi prestereste i vostri soldi ad un “mondo” così rappresentabile? E in un Calcio Italiano sempre più dipendente dalle Plusvalenze, come ci ha raccontato la Gazzetta nei giorni scorsi con la sua inchiesta sullo stato del nostro pallone, con questo tipo di prodotti finanziari non si rischia di vedere ingigantito ancor più il fenomeno delle cessioni scriteriate?

Oltre alle parole di Galbraith, questa iniziativa, l’ennesima di un calcio malato di fairplay finanziario, fondi arabi, multimilionari russi, diritti tv, manager improvvisati e interessi gestiti da pochi per pochi, mi fa venire alla mente il discorso del povero prete amico del Marchese del Grillo, nell’omonima pellicola, interpretato da un immenso Alberto Sordi, il quale sul patibolo, invece di chiedere perdono a chi lo aveva condannato per presunta eresia, si rivolge al popolo con poche chiare e semplici parole: “E adesso pure io posso perdonare a chi mi ha fatto male. In primis, al Papa, che si crede il padrone del Cielo. In secundis, a Napulione, che si crede il padrone della Terra. E per ultimo al boia, qua, che si crede il padrone della Morte. Ma soprattutto, posso perdonare a voi, figli miei, che non siete padroni di un cazzo!”

Tra un po’ neanche più della vostra passione.

Giorgio Mottironi

Nato nel 1983, ha studiato Ingegneria Meccanica presso l’Università Roma TRE. Appassionato di filosofia antica, moderna e contemporanea, ha iniziato da subito a lavorare nel mondo del marketing sportivo e della sostenibilità ambientale. La sua esperienza più recente, circa 6 anni, si costruisce nel mondo dell’energia, lavorando per una società di efficienza energetica alla direzione marketing e strategia ed effettuando diverse missioni internazionali. Una vita professionale dedicata al marketing strategico ed allo sviluppo di soluzioni di performance marketing. Nel 2017 co-fonda una società di consulenza per la comunicazione e la finanza aziendale (BAngel.it) il cui aspetto vincente è un approccio allo studio dell’innovazione e della strategia basato su una naturale inclinazione per il “lateral and critical thinking”: profonda comprensione della realtà, delle sue molteplici possibilità di percezione attraverso la stratigrafia sociale e delle conseguenti frustrazioni comportamentali ed aspirazionali, per individuare e delineare il panorama futuro. A fine del 2018 co-fonda Ener2Crowd, prima piattaforma di lending crowdfunding energetico e green in Italia: in meno di 12 mesi, con un aumento di capitale “pre-seed”, assieme ad un team coeso e dalle capacità variegate e complementari, oggi è un’azienda perfettamente funzionante e già a mercato, potendosi così definire un startup miracolo il cui obiettivo non è sola crescita del valore economico - il suo valore è già quadruplicato nel 2019 e potrebbe divenire una delle startup Italiane più importanti dei prossimi tre anni -, ma la produzione di una più ampia spinta al progresso della società globale attraverso la partecipazione diffusa e remunerata alla transizione energetica.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Economia

Investimenti, viaggio tra i più popolari nell’era del Covid Un 2020 certamente complesso, un anno di quelli che potrebbero passare alla storia per il...

Calcio

Quando Didier Drogba poteva diventare il Bomber del Chievo In clima di Calciomercato, ecco una storia incredibile che ha visto anni fa il bomber...

Allenamento

Fitness e influencer: l’illusione del “Diventa come me” Internet ci ha permesso di accedere alle informazioni con una facilità senza precedenti. Così anche il...

Economia

Trading Online: quando i soldi possono essere a rischio Chi ha dimestichezza con la rete ed è appassionati di finanza, magari anche di investimenti,...

Economia

Iniziare ad investire in Borsa e farlo da zero, andando magari a sfruttare le potenzialità della rete attuale che consentono di avvicinarsi allo strumento...

Doping

L’apparenza prima di tutto: DNP, la pillola “magica” che fa dimagrire…e uccide Con la riapertura della palestre dopo il lockdown da Covid-19, molti sportivi...

Doping

[themoneytizer id=”27127-1″] Messi e gli altri: l’Ormone della Crescita e il rischio del Doping legalizzato Quando parliamo di Leo Messi, si tira in ballo...

Doping

[themoneytizer id=”27127-1″] Il Mercato Nero degli Steroidi: rischiosi, costosissimi ma facili da trovare Una maxi operazione dei Carabinieri in Calabria nell’ambito dell’antidoping ha portato...

Alimentazione

[themoneytizer id=”27127-1″] La droga più potente del mondo? L’assumi tutti i giorni. Nove volte più letale della Cocaina Si sta discutendo molto per l’introduzione...

Azzardo

[themoneytizer id=”27127-1″] United States of Betting: come funziona e quanto paga l’arrivo delle scommesse in America L’ America è pronta a fare montagne di...

Doping

[themoneytizer id=”27127-1″] Magro fino a scoppiarti il cuore: Clenbuterolo, il Doping da banco che compri sotto casa Continua la nostra inchiesta sul doping da...

Calcio

European Champions Report 2019, ottimo ricavato per la grandi europee L’ultima edizione dell’European Champions Report mostra come il 2018 sia stato un anno importante...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro