Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Keita-Lazio: Quale prezzo per la riconoscenza?

Pep Guardiola che di giovani se ne intende, si era accorto che il ragazzo, dalle potenzialità enormi, aveva un carattere difficile. Troppo per un club come il Barcellona, che dopo l’ennesimo episodio, uno scherzo ad un compagno di squadra durante una trasferta in Qatar, lo spedì in prestito al Cornellà, una squadra satellite. Lì, l’allora giovanissimo Keita Baldè Diao, realizzò la bellezza di 47 gol in una sola stagione. Tutti quei centri dimostravano che quel ragazzino appena quindicenne era un vero e proprio diamante, ancora grezzo ma di purezza certamente cristallina. Quanto bisognava lavorarci per trasformarlo in un gioiello di rara bellezza? E’ la domanda che si sono posti a Formello quando hanno visto per la prima volta le qualità di quel ragazzo, nato in Spagna ma di origini senegalesi.

E’ tanta robba” diceva di lui Igli Tare convinto di aver portato alla corte di Lotito un vero e proprio talento. Che alla Lazio ha avuto l’opportunità di crescere anche grazie al lavoro dei suoi allenatori: Petkovic prima, Pioli poi. Fino a Simone Inzaghi che  se lo è ritrovato in prima squadra dopo averlo allenato in Primavera. I 16 gol realizzati nell’ultima stagione dimostrano evidentemente che Tare non aveva avuto torto. E che il lavoro svolto in tutti questi anni aveva finalmente iniziato a dare i frutti. E il diamante, nel frattempo, da grezzo si è fatto gioiello, come non poteva essere, è diventato l’oggetto del desiderio di molte tra le cosiddette “grandi”. La Juventus prima (anche se Marotta ha detto che per il momento il discorso è chiuso) e il Milan poi che invece, proprio dopo la frenata juventina, sembrerebbe pronto a lanciare l’offerta, che Lotito non può rifiutare. Già proprio il presidente laziale il quale, da tempo ormai, sembra essere arrivato ai ferri corti con l’agente del calciatore Calenda per l’annosa questione che riguarda il rinnovo del contratto. Che la Lazio proprietaria del cartellino vorrebbe per poter eventualmente riuscire a vendere il calciatore ad un prezzo più congruo al suo reale valore. Certamente più alto, considerando i 17 milioni incassati per Hoedt, dei 20 offerti dal dg bianconero Marotta. Un rinnovo che invece non vuole l’agente del calciatore Calenda che al contrario, una volta piazzato il calciatore da qualche parte a parametro zero, vorrebbe strappare il più sontuoso dei contratti che per lui vorrebbe dire la più sostanziosa delle commissioni.

La grana è proprio questa: il tira e molla tra Calenda e la Lazio che mentre aspetta di ricevere entro il 31 agosto (ultimo giorno di calciomercato), un’offerta quanto più vicina possibile all’ultimo prezzo fissato da Lotito (30 milioni di euro) è ben consapevole di poter perdere tra qualche mese, il calciatore a parametro zero. Intanto si prepara a sostituirlo, mettendolo fuori dalla formazione titolare oppure come accaduto in Supercoppa addirittura fuori rosa. E Keita? Vuole andare via, e per farlo lui e il suo agente Calenda sembrano disposti a tirare anche la corda. Tanto se alla fine si spezza il problema è di Lotito. E mentre c’è chi lo accusa di essere irriconoscente, Keita che sui social ha detto di sentirsi “amareggiato” diserta gli allenamenti. Come successo subito dopo la Supercoppa. Segno che il diamante, puro e bello, resta forse, ancora un po’ grezzo. E la riconoscenza, che nel calciomercato di oggi suona quasi come una parolaccia, rischia ancora una volta di non avere il suo prezzo più giusto.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Giuliano Fiorini, il “fiore del bene” che non appassirà Il 5 agosto 2005 ci salutava Giuliano Fiorini, l’attaccante della Lazio scomparso prematuramente a causa...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 4 Agosto 1936 l’afroamericano Jesse Owens si porta a casa l’oro nel salto in lungo davanti...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non...

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Calcio

Ezio Sclavi, il portiere senza ruolo Quando nel 1919 il quattordicenne Fulvio Bernardini arrivò al campo della Lazio (sarebbe poi diventato un’icona giallorossa da...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro