Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Juventus, grazie Pirlo ma ora lascia da “vincente”

Juventus, grazie Pirlo ma ora lascia da “vincente”

Il termine vincente è un termine che va usato con cautela. Stefano Pioli per la qualificazione del Milan in Champions è stato additato come un vincente che ha centrato l’obiettivo in modo più che meritato. Andrea Pirlo per la vittoria in Coppa Italia e Supercoppa Italiana e per la qualificazione in Champions League ottenuta grazie al pari del Verona sul campo del Napoli è stato ed è esaltato per aver vinto con la Juventus al primo anno, e molti lo hanno consacrato come “vincente”.

Vincente, scusate la precisazione, è chi vince la cosa più importante, lo Scudetto e tale è Antonio Conte da Lecce che nonostante, a parer mio, un’Inter inferiore alla Juventus ha surclassato la Vecchia Signora. Questo strapotere interista è merito della dirigenza capitanata da Marotta che è un mago dell’area sportiva, dagli sforzi di Zhang e da quel mister capace di trasformare chiunque in un campione. A differenza dei rivali nerazzurri, i bianconeri storicamente primi in tutto, sopratutto a livello dirigenziale hanno dimostrato di essere anche loro battibili e hanno commesso gravi errori.

Il presidente Agnelli, persona intelligente, preparata, tifosa della Juve ha seguito il cuore e ha portato avanti la scelta di Pirlo che sembra essere “vincente”, ma che in realtà è stata fallimentare. Fallimentare perché mai commettere l’errore di affidare una Ferrari ad un neopatentato, e fallimentare perché un allenatore che gioca inizialmente con un 4-4-2 che poi diventa 4-3-3 e poi un mascherato 3-5-2 non sa ancora se è carne o pesce e per questo motivo dovrebbe fare prima esperienza altrove in provincia, e poi tornare alla Juventus tra 4-5 anni quando sarà pronto, così la sua carriera non si brucerà: perché quest’anno è andata bene ma se dovesse rimanere per la prossima stagione sulla panchina bianconera la parola Scudetto sarà purtroppo utopia. E in una piazza come quella bianconera che vuole sempre vincere il nome giusto è un altro: Max Allegri. Con lui questa squadra può contrastare l’armata di Conte altrimenti l’Inter inizierà un nuovo ciclo simile a quello glorioso dei 9 anni precedenti dei bianconeri.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Luciano Castellini, il Giaguaro dal cuore tenero Il 16 maggio 1976 Claudio Baglioni festeggiava un quarto di secolo, Rosario Fiorello compiva sedici anni e...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventunesima giornata) Covid ancora protagonista in campionato. Dopo le decisioni asimmetriche delle ASL è...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventesima giornata) Anno nuovo ma, nella calza della Befana, il campionato ritrova un carbone...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Il 4 Gennaio 1998 il calcio riconosceva la grandezza di Ronaldo il Fenomeno, consegnandogli il primo Pallone d’Oro...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (diciannovesima giornata) Il Covid torna a lambire le rive del campionato. Protocolli della FIGC...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A a cura di Paolo Valenti (diciottesima giornata) L’Inter è campione d’inverno: per quanto non sia un titulo...

Calcio

Hugo Enyinnaya: che fine ha fatto il carneade di Bari-Inter? 18 dicembre 1999, ore 20.30, Bari-Inter. Al San Nicola, i tifosi biancorossi stanno per...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Si ricordava ieri la nascita, avvenuta il 13 dicembre 1946, di Pierino Prati, l’attaccante del Milan e...

Calcio

Fosco Becattini, la storica “Palla di gomma” del Genoa Il 14 dicembre 2016 moriva Fosco Becattini, leggenda del Genoa, scomparso all’età di 91 anni...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro