Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Just don’t do it. Se rimani incinta la Nike ti toglie lo stipendio.

[themoneytizer id=”27127-1″]

Just don’t do it. Se rimani incinta la Nike ti toglie lo stipendio

Alysia Montano venne considerata come una sorta di supermamma quando corse una gara di 800 metri di atletica leggera negli Stati Uniti mentre era incinta di otto mesi.

Solo poche settimane dopo, diede alla luce la sua bambina. Anni dopo, nel 2017, Montano corse un’altra gara mentre era incinta di cinque mesi del suo secondo figlio. Ora la Montano, 33 anni, è una delle due atlete che sostengono che la Nike le avrebbe penalizzate durante la gravidanza.

La Montano ha parlato in un video pubblicato sul New York Times, dicendo che la Nike “mi ha detto di sognare in grande, fino a quando non volevo avere un bambino”. La Montano ha poi aggiunto di aver combattuto molto per mantenere il suo stipendio mentre era in gravidanza.

Altre atlete si sono unite alla protesta asserendo la stessa cosa ovvero che durante la gravidanza e subito dopo il parto la Nike o non pagava proprio o abbassava notevolmente lo stipendio. Tutte queste atlete hanno definito il rimanere in cinta “il bacio della morte per un’atleta”. Anche l’olimpionica Kara Goucher ha detto di essere stata costretta a dover scegliere sempre tra una mezza maratona da correre per essere pagata dalla Nike o restare con il figlio appena nato in ospedale. “Mi sentivo come se avessi dovuto partorirlo al volo in ospedale, solo per uscire e correre, invece di stare con lui come farebbe una mamma normale. Non mi perdonerò mai per questo”.

A queste accuse la Nike ha risposto con un comunicato:

“Nike è orgogliosa di sponsorizzare migliaia di atlete”, si legge nel comunicato. “Come è prassi comune nel nostro settore, i nostri accordi includono riduzioni dei pagamenti basate sulle prestazioni. In passato abbiamo riconosciuto l’incoerenza nel nostro approccio in sport diversi tra loro e per questo nel 2018 abbiamo standardizzato il nostro approccio in modo che nessuna atleta venga penalizzata finanziariamente per la gravidanza.

Oggi parliamo di atlete ma il “problema maternità” è molto profondo negli Stati Uniti anche nei lavori “normali”. Gli Stati Uniti infatti sono l’unico paese tra le 41 nazioni industrializzate che non impone il congedo di maternità retribuito, secondo i dati del 2016 dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Calcio ed economia: perché è importante che la Serie A riparta Serie A, palla al centro. Governo, Figc e Lega calcio hanno raggiunto l’accordo...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 33 anni Leo Messi, l’alieno del Barcellona che in Catalogna trascorrerà probabilmente l’intera carriera. Ma...

Altri Sport

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri Si celebra oggi la Festa della Mamma 2020. Per celebrare le...

Calcio

Samuel Eto’o e Didier Drogba si sono scagliati con rabbia sui social verso due medici francesi che hanno proposto di attuare sperimentazioni scientifiche in...

Storie di Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] 112 anni di Inter, la squadra (quasi) mai stata in B Il 9 Marzo 1908 nasceva il Foot-Ball Club Internazionale, meglio conosciuto come Inter....

Azzardo

[themoneytizer id=”27127-1″] Anonymous Player, l’intelligenza artificiale contro il gioco d’azzardo. Si chiama Anonymous Player Awareness System ed è stato lanciato dal Betting and Gaming...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Prendere i Tori per le corna: in difesa del Lipsia La plastica è qui per restare. Meglio arrendersi, perché è come la...

Inchieste & Focus

[themoneytizer id=”27127-1″] E’ iniziata la Nuova Coppa Davis in stile Mondiali di Calcio: tanti soldi, altrettante polemiche E’ iniziata ieri la Coppa Davis 2019,...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Calciomercato: Quanto si è speso nei maggiori campionati d’Europa? Confrontando i dati europei sul calciomercato, emerge che quest’anno la classifica vede al...

Azzardo

[themoneytizer id=”27127-1″] Il grande inganno dei Bonus di Benvenuto: quando il “regalo” è utile solo ai Bookmaker Sono messi in grandissima mostra, scritti grandi...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Colossi d’argilla: I Brand sportivi e i problemi sul marchio Il Tribunale dell’Unione Europea ha emesso una sentenza per cui le tre...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro