Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Julian Brandt, l’uomo in più

Una scelta che ha fatto discutere e che se le cose non andranno come dovranno, farà ancora più rumore. Di cosa parliamo? Della scelta del ct della Germania, Joachim Löw, di non convocare Leroy Sanè, stella del Manchester City, portando in Russia al suo posto Julian Brandt, esterno del Bayer Leverkusen.

Ad un occhio non esperto la scelta dell’allenatore tedesco potrebbe risultare poco comprensibile, ma in realtà trasmette proprio i valori per i quali la Germania in questi ultimi anni è riuscita a tornare ai vertici del calcio mondiale riuscendo ad arrivare anche sul tetto del pianeta 4 anni fa in Brasile.  Senza dubbio Sanè è un giocatore di grande talento che ha un futuro ed un presente di sicuro successo, ma all’interno di un gruppo, soprattutto nelle competizioni di breve durata come un Campionato del Mondo, non servono solo prime donne ma anche giocatori e uomini che possano creare il giusto clima e dare all’allenatore la possibilità di scegliere in serenità. Ben inteso Brandt non è partito per la Russia per fare la mascotte: l’attaccante/centrocampista del Bayer Leverkusen con i suoi nove gol ha contribuito alla qualificazione delle Aspirine alla prossima Europa League ed è un giocatore di assoluto livello e dalle prospettive più che promettenti. Da sottolineare come  di questi nove gol ben sei sono arrivati quando Brandt è entrato dalla panchina. Un dato che da ancora più forza alla scelta di Löw che sta infatti utilizzando l’attaccante del Bayer come dodicesimo uomo in caso di necessità. E non è un caso che nei minuti in cui è entrato in questi Mondiali, il biondo tedesco abbia dato brio e qualità ad una Germania che sembra ancora un po’ spaesata. In tutte e due le partite ha sfiorato il goal e probabilmente si è guadagnato la prossima maglia da titolare nella decisiva sfida contro la Corea del Sud.

Come dicevamo prima non ci sono solo gli aspetti tecnici nella scelta di un Ct quando è chiamato a diramare la tanto attesa lista dei 23 del Mondiale. Nei fattori che incidono notevolmente c’è anche quello comportamentale. L’anno scorso Sanè non prese parte alla Confederation Cup, nonostante Löw lo avesse regolarmente convocato, perché doveva sottoporsi ad un intervento al naso. Per quanto Sané abbia più volte sostenuto che si trattasse di un inconveniente che gli provocava grossi problemi respiratori nel corso delle partite, in Germania si era diffusa la voce che l’esterno del City si fosse in realtà sottoposto ad un semplice intervento di chirurgia estetica. Una questione, insomma, che Löw non ha digerito e ha voluto mandare un segnale forte  e chiaro a tutto il gruppo: non esistono prime donne, esistono giocatori forti al servizio della squadra e del gruppo. Insomma tutti importanti ma nessuno indispensabile, neanche se ti chiami Leroy Sanè. Un esclusione che più che una semplice scelta sembra un manifesto di quello che è diventato adesso il calcio tedesco.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 44 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Paul Breitner: oltre il Muro dell’apparenza Compie oggi 69 anni Paul Breitner, iconico calciatore tedesco che non ha mai nascosto le sue idee politiche...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

I fantasmi di Gary e Robert Avrebbe compiuto oggi 43 anni Robert Enke, il portiere tedesco la cui tragica storia lo accomuna ad un...

Calcio

Demetrio Albertini racconta Usa 1994 e Francia 1998 Per i 49 anni compiuti oggi da Demetrio Albertini, vi riproponiamo l’intervista nella quale ci raccontò...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Il 13 agosto 1961 iniziava la costruzione...

Calcio

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002 In occasione dei 47 anni compiuti da Javier Zanetti, recordman di presenze con l’Argentina (145,...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Calcio

Francia 1998, la testa di Zidane e il Mistero Ronaldo Il 12 luglio 1998 allo Stade de France la Francia batte il Brasile campione...

Calcio

Andrea Carnevale racconta Italia 1990 Il 7 Luglio 1990 con la vittoria per 2 a 1 sull’Inghilterra, l’Italia di Vicini conquista il terzo posto...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro