Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Juan Mata e Common Goal: l’uomo (vero) prima del calciatore

E’ come se vivessimo in una bolla. Rispetto al resto della società, noi guadagniamo somme assurde. E’ incomprensibile. La vera vita è quella dei miei amici. Loro devono lottare per cercare lavoro, richiedere il sussidio di disoccupazione oppure addirittura emigrare. Oggi questa è la normalità per molti. La mia vita, invece, essendo un calciatore è tutto fuorché normale.”

All’incirca un anno fa, così parlava Juan Mata, calciatore spagnolo del Manchester United, nel frattempo divenuto uno dei punti fermi dell’undici titolare di José Mourinho.

Un’intervista che fece scalpore.

In molti, infatti, i soliti ‘leoni da tastiera’ (per usare il gergo del web) verrebbe da dire, accusarono il talento ex Valencia di essere bravo unicamente con le parole.

Oggi, invece, si passa direttamente ai fatti.

Mata ha recentemente lanciato il progettoCommon Goal’, destinato ad avere un forte impatto nel sistema del calcio mondiale. Per aderire bisogna assolvere ad un compito molto semplice: devolvere l’1% del proprio ingaggio in beneficenza.

Ma cos’è realmente Common Goal? In realtà si tratta di un fondo comune gestito dall’Organizzazione Non Governativa streetfootballworld.

Durante il lancio di tale, lodevole, iniziativa il calciatore dei Red Devils ha tenuto a specificare: “Ho pensato a tutto quello che il calcio mi ha dato. Ho pensato a quale poteva essere il mio lascito. Sapevo di essere stato fortunato per aver avuto le opportunità che ho avuto e che non tutti possono contare su una famiglia come la mia. E anche se ho già avuto modo di collaborare con organizzazioni benefiche, sapevo di aver voglia di fare qualcosa di più. Voglio essere sicuro che altri ragazzi ottengano le chance che ho avuto io.”

Ma non finisce qui.

Da soli, infatti, si può fare ben poco e allora ecco che Mata invita tutti i suoi colleghi ad aiutarlo in questo meraviglioso tentativo di migliorare le vite di tanti giovani talenti pronti ad inseguire un sogno.

Il primo ad aderire è stato Mats Hummels, difensore centrale del Bayern Monaco di Carletto Ancelotti e Campione del Mondo in carica con la sua Germania, ma è certo che in molti seguiranno il suo esempio.

Di sicuro, i ‘soloni del web’ troveranno il modo di criticare anche quest’iniziativa, magari colpevolizzando Mata e colleghi di donare ‘soltanto’ l’1%, a fronte di uno stipendio veramente faraonico ma tant’è; in un mondo in cui in tanti, forse in troppi, parlano senza poi agire, Juan Mata ha fatto seguire un’azione (importante) alle sue parole.

Per questo, in rigoroso silenzio, sarebbe giusto unicamente togliersi il cappello ed applaudire.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    daniele

    Settembre 7, 2017 at 10:18 am

    Questi gesti sono benedizioni divine.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Armin Zöggler: a tu per tu con il Cannibale del ghiaccio In questa anno balordo il momento  delicato dovuto alla seconda ondata Covid  ha...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Altri Sport

Il ciclismo secondo Fabio Genovesi Il ciclismo è da sempre uno degli sport più popolari dello Stivale perché nasce da lontano e di pari...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Interviste

Pantani, Biaggi, Panatta: le relazioni (non) pericolose di Manuela Ronchi Da pochi giorni è uscito il libro di Manuela Ronchi, edito da Gribaudo, Le...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Calcio

Derby della Lanterna, al solito posto Cominciare con Fabrizio De André sarebbe stato troppo facile, difficile però non farlo. Citare Crêuza de mä, canzone...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro