Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002

In occasione dei 47 anni compiuti da Javier Zanetti, recordman di presenze con l’Argentina (145, superato di due lunghezze da Mascherano in Russia) vi riproponiamo l’intervista che ci rilasciò per raccontarci i Mondiali di Giappone e Corea 2002.

Javier, nel 2002 arrivaste al mondiale con una formazione piena di talenti e ottimi giocatori: oltre a te c’erano Batistuta, Crespo, Veron, Simeone, Samuel… eppure veniste eliminati al primo turno. Cosa non funzionò in quella spedizione nippo-coreana?

E’ difficile spiegare cosa sia successo, mi ricordo solo che nell’ultima gara contro la Svezia avevano bisogno di una vittoria per qualificarci e abbiamo fatto una grande partita, creando tantissimo. Purtroppo però fini 1-1 e fummo eliminati. Questo è il calcio.

Anche l’Italia fallì quell’appuntamento pur avendo una rosa con molti giocatori di qualità. Ti facesti un’idea dei motivi che portarono gli azzurri fuori dal mondiale?

E’ difficile farsi un’idea precisa del perché, non essendo all’interno del gruppo. Sono situazioni che possono capitare. Basta una partita nella quale le cose non vanno come si vorrebbe. Sono momenti, dettagli, anche piccoli, ma che alla fine possono fare la differenza.

Come già successe nel 1998, voi incontraste l’Inghilterra. Come vive emotivamente un giocatore della Seleccion una partita del mondiale contro gli inglesi?

Con l’Inghilterra sarà sempre una gara molto sentita, c’è grande rivalità dopo quello che è successo tra i nostri Paesi. Chiunque vuole scendere in campo in quella partita, sempre.

Giocando nell’Inter in qualche modo vivesti lo scandalo dell’arbitraggio di Moreno nella partita che gli azzurri disputarono con la Corea. Cosa ti dissero i tuoi compagni nerazzurri di quell’esperienza?

Mi ricordo solo che l’Italia meritava di passare il turno, purtroppo gli errori incredibili dell’arbitro condizionarono il risultato e l’Italia fu ingiustamente eliminata.

Com’era vissuto il mondiale in estremo oriente? Com’era l’attenzione del pubblico rispetto alle grandi platee europee e sudamericane?

E’ stato un Mondiale particolare, diverso, però è sempre un Mondiale con tutto quello che implica: tutto il mondo aspetta impazientemente per quattro anni e poi lo segue con stupore e ammirazione.

Turchia e Corea del Sud furono le sorprese di quel campionato. Cosa le portò ad arrivare al terzo e quarto posto?

Credo che se arrivi ad un livello simile è perché ci hai creduto con tutte le tue forze, lo hai voluto molto intensamente. E poi credo abbia avuto una certa importanza anche la componente fortuna.

Javier, sei il giocatore argentino con più presenze nella Seleccion (145, di recente superato da Mascherano a Russia 2018 con 147) nella quale hai giocato dal 1994 al 2011. Eppure hai disputato “solo” due mondiali, saltando quelli del 2006 e del 2010. Ci puoi raccontare perché mancasti in quelle occasioni?

Ho disputato tutte le partite di qualificazione per entrambi i Mondiali poi, a due mesi dal torneo, sono rimasto fuori. Dispiace molto ma ho la coscienza a posto. So di avere dato tutto, di essermi impegnato al massimo per far arrivare la mia Nazionale al Mondiale e per poterlo giocare. La decisione finale però non spettava a me e quindi lo devo accettare. Davvero non posso rimproverarmi nulla, sono cose che fanno parte del calcio e quindi possono capitare.

Paolo Valenti
A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo Ci vorrebbe un mondiale – Ultra edizioni.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Juventus, grazie Pirlo ma ora lascia da “vincente” Il termine vincente è un termine che va usato con cautela. Stefano Pioli per la qualificazione...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Avrebbe compiuto oggi 68 anni Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Tributo all'”Onorevole Giacomino” Bulgarelli Nella classifica dei 100 di sempre del Bologna pubblicata dal Guerin Sportivo nel dicembre 2015 Gianfranco Civolani l’ha messo al...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo...

Calcio

L’ultima partita di Roberto Baggio Il 16 Maggio 2004 giocava l’ultima partita della sua carriera, Roberto Baggio. Uno dei giocatori più forti della storia...

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Inter – Liverpool, quando l’epica rimonta si giocò anche sugli spalti Il 12 Maggio 1965 a San Siro in occasione della semifinale di ritorno...

Snooker

Stephen Hendry, l’inizio del dominio (seconda parte) In  casa Hendry tutto fila per il verso giusto, così almeno sembra e i ragazzi crescono bene,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro