Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002

In occasione dei 47 anni compiuti da Javier Zanetti, recordman di presenze con l’Argentina (145, superato di due lunghezze da Mascherano in Russia) vi riproponiamo l’intervista che ci rilasciò per raccontarci i Mondiali di Giappone e Corea 2002.

Javier, nel 2002 arrivaste al mondiale con una formazione piena di talenti e ottimi giocatori: oltre a te c’erano Batistuta, Crespo, Veron, Simeone, Samuel… eppure veniste eliminati al primo turno. Cosa non funzionò in quella spedizione nippo-coreana?

E’ difficile spiegare cosa sia successo, mi ricordo solo che nell’ultima gara contro la Svezia avevano bisogno di una vittoria per qualificarci e abbiamo fatto una grande partita, creando tantissimo. Purtroppo però fini 1-1 e fummo eliminati. Questo è il calcio.

Anche l’Italia fallì quell’appuntamento pur avendo una rosa con molti giocatori di qualità. Ti facesti un’idea dei motivi che portarono gli azzurri fuori dal mondiale?

E’ difficile farsi un’idea precisa del perché, non essendo all’interno del gruppo. Sono situazioni che possono capitare. Basta una partita nella quale le cose non vanno come si vorrebbe. Sono momenti, dettagli, anche piccoli, ma che alla fine possono fare la differenza.

Come già successe nel 1998, voi incontraste l’Inghilterra. Come vive emotivamente un giocatore della Seleccion una partita del mondiale contro gli inglesi?

Con l’Inghilterra sarà sempre una gara molto sentita, c’è grande rivalità dopo quello che è successo tra i nostri Paesi. Chiunque vuole scendere in campo in quella partita, sempre.

Giocando nell’Inter in qualche modo vivesti lo scandalo dell’arbitraggio di Moreno nella partita che gli azzurri disputarono con la Corea. Cosa ti dissero i tuoi compagni nerazzurri di quell’esperienza?

Mi ricordo solo che l’Italia meritava di passare il turno, purtroppo gli errori incredibili dell’arbitro condizionarono il risultato e l’Italia fu ingiustamente eliminata.

Com’era vissuto il mondiale in estremo oriente? Com’era l’attenzione del pubblico rispetto alle grandi platee europee e sudamericane?

E’ stato un Mondiale particolare, diverso, però è sempre un Mondiale con tutto quello che implica: tutto il mondo aspetta impazientemente per quattro anni e poi lo segue con stupore e ammirazione.

Turchia e Corea del Sud furono le sorprese di quel campionato. Cosa le portò ad arrivare al terzo e quarto posto?

Credo che se arrivi ad un livello simile è perché ci hai creduto con tutte le tue forze, lo hai voluto molto intensamente. E poi credo abbia avuto una certa importanza anche la componente fortuna.

Javier, sei il giocatore argentino con più presenze nella Seleccion (145, di recente superato da Mascherano a Russia 2018 con 147) nella quale hai giocato dal 1994 al 2011. Eppure hai disputato “solo” due mondiali, saltando quelli del 2006 e del 2010. Ci puoi raccontare perché mancasti in quelle occasioni?

Ho disputato tutte le partite di qualificazione per entrambi i Mondiali poi, a due mesi dal torneo, sono rimasto fuori. Dispiace molto ma ho la coscienza a posto. So di avere dato tutto, di essermi impegnato al massimo per far arrivare la mia Nazionale al Mondiale e per poterlo giocare. La decisione finale però non spettava a me e quindi lo devo accettare. Davvero non posso rimproverarmi nulla, sono cose che fanno parte del calcio e quindi possono capitare.

Paolo Valenti
A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo Ci vorrebbe un mondiale – Ultra edizioni.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

El Maestro Tabarez e le Origini della Garra Charrua Compie oggi 74 anni Oscar Tabarez, l’allenatore dell’Uruguay che incarna perfettamente lo spirito della squadra...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Dominique Rocheteau, elegante anarchia – L’operaio si lava le mani prima di pisciare e l’intellettuale dopo – Jacques Prévert I cliché che riguardavano la...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Altri Sport

A tu per tu con Rossella Fiamingo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Rossella Fiamingo, campionessa di scherma nella specialità spada. Medaglia d’argento alle...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e...

Altri Sport

A tu per tu con Isolde Kostner, la leggenda dello sci azzurro In questo caotico ed indecifrabile momento che sta vivendo il Paese, tra...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro