Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002

In occasione dei 47 anni compiuti da Javier Zanetti, recordman di presenze con l’Argentina (145, superato di due lunghezze da Mascherano in Russia) vi riproponiamo l’intervista che ci rilasciò per raccontarci i Mondiali di Giappone e Corea 2002.

Javier, nel 2002 arrivaste al mondiale con una formazione piena di talenti e ottimi giocatori: oltre a te c’erano Batistuta, Crespo, Veron, Simeone, Samuel… eppure veniste eliminati al primo turno. Cosa non funzionò in quella spedizione nippo-coreana?

E’ difficile spiegare cosa sia successo, mi ricordo solo che nell’ultima gara contro la Svezia avevano bisogno di una vittoria per qualificarci e abbiamo fatto una grande partita, creando tantissimo. Purtroppo però fini 1-1 e fummo eliminati. Questo è il calcio.

Anche l’Italia fallì quell’appuntamento pur avendo una rosa con molti giocatori di qualità. Ti facesti un’idea dei motivi che portarono gli azzurri fuori dal mondiale?

E’ difficile farsi un’idea precisa del perché, non essendo all’interno del gruppo. Sono situazioni che possono capitare. Basta una partita nella quale le cose non vanno come si vorrebbe. Sono momenti, dettagli, anche piccoli, ma che alla fine possono fare la differenza.

Come già successe nel 1998, voi incontraste l’Inghilterra. Come vive emotivamente un giocatore della Seleccion una partita del mondiale contro gli inglesi?

Con l’Inghilterra sarà sempre una gara molto sentita, c’è grande rivalità dopo quello che è successo tra i nostri Paesi. Chiunque vuole scendere in campo in quella partita, sempre.

Giocando nell’Inter in qualche modo vivesti lo scandalo dell’arbitraggio di Moreno nella partita che gli azzurri disputarono con la Corea. Cosa ti dissero i tuoi compagni nerazzurri di quell’esperienza?

Mi ricordo solo che l’Italia meritava di passare il turno, purtroppo gli errori incredibili dell’arbitro condizionarono il risultato e l’Italia fu ingiustamente eliminata.

Com’era vissuto il mondiale in estremo oriente? Com’era l’attenzione del pubblico rispetto alle grandi platee europee e sudamericane?

E’ stato un Mondiale particolare, diverso, però è sempre un Mondiale con tutto quello che implica: tutto il mondo aspetta impazientemente per quattro anni e poi lo segue con stupore e ammirazione.

Turchia e Corea del Sud furono le sorprese di quel campionato. Cosa le portò ad arrivare al terzo e quarto posto?

Credo che se arrivi ad un livello simile è perché ci hai creduto con tutte le tue forze, lo hai voluto molto intensamente. E poi credo abbia avuto una certa importanza anche la componente fortuna.

Javier, sei il giocatore argentino con più presenze nella Seleccion (145, di recente superato da Mascherano a Russia 2018 con 147) nella quale hai giocato dal 1994 al 2011. Eppure hai disputato “solo” due mondiali, saltando quelli del 2006 e del 2010. Ci puoi raccontare perché mancasti in quelle occasioni?

Ho disputato tutte le partite di qualificazione per entrambi i Mondiali poi, a due mesi dal torneo, sono rimasto fuori. Dispiace molto ma ho la coscienza a posto. So di avere dato tutto, di essermi impegnato al massimo per far arrivare la mia Nazionale al Mondiale e per poterlo giocare. La decisione finale però non spettava a me e quindi lo devo accettare. Davvero non posso rimproverarmi nulla, sono cose che fanno parte del calcio e quindi possono capitare.

Paolo Valenti
A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo Ci vorrebbe un mondiale – Ultra edizioni.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 19777 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Calcio

Kasper non ha paura Compie oggi 34 Kasper Schmeichel, il portiere danese del Leicester che ha dovuto convivere tutta la sua carriera con la...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Calcio

L’Inter vuole approfittare di questo periodo particolare per battere la Juventus Dopo aver regnato incontrastata sul calcio nostrano per ben cinque anni, dal 2005...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

La Cina nel pallone: il sogno di Xi Jinping per un Dragone Rosso Mondiale Il primo Ottobre si festeggia il 71esimo anniversario della nascita...

Calcio

Marco Tardelli racconta Spagna 1982 E’ diventato l’immagine simbolo di quella finale ai Mondiali di Spagna 1982. Marco Tardelli, di quella Nazionale in terra...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro