Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere

Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato che a volte, per riuscire a cambiare la propria vita, fermarsi a riflettere è l’unica cosa da fare.

Fu dopo la perdita di mio padre. Ero seduto sui gradini della camera mortuaria. Un amico mi disse che forse anche da questo c’è da imparare qualcosa. Io ad esempio mi dissi che non volevo andarmene da questa terra con una sensazione di spreco. Di aver perso tempo dicendomi che quello che amavo fare lo avrei fatto domani.

E iniziai. Certo, ancora adesso parecchie sbandate ci sono e guai se non fosse così, altrimenti saremmo integralisti. Ma dare ad una giornata il sapore della passione che si coltiva, fa circolare meglio il sangue. Che sia fare il pane, scrivere o alzarsi presto con l’amore che il proprio mestiere chiede. La vera sensazione bella è che cambi atteggiamento, non ti interessa che chi ti disprezzava adesso ti loda, non cerchi consensi a tutti i costi, non ti importa se qualcuno coglie o meno quanto fuoco hai dentro. Vai avanti e basta. Come questo signore qui.

Si chiama Jamie Vardy. Ha vinto un campionato col Leicester su cui nessuno aveva puntato un baiocco e segnando una caterva di gol. Jamie è passato in poco tempo dal lavorare in fabbrica ad essere un campione. All’inizio però era davvero una testa calda. Condannato per rissa e gran bevitore. Quando il Leicester lo prese, guadagnava così tanti soldi che arrivava agli allenamenti completamente ubriaco. E rispondeva male a tutti.

Finchè un dirigente lo chiamò e gli parlò come un padre. Gli disse che era libero di massacrarsi se voleva, ma che così la sua vita e la sua carriera sarebbero finite presto. Se davvero amava quello che faceva, doveva riflettere. Il risultato fu sotto gli occhi di tutti. Un campione sobrio che ha creato una scuola calcio per bambini disagiati che non stiano in strada.

Ognuno può sedersi su un gradino e riflettere. Davvero è questo il tempo che abbiamo scelto?

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 5 maggio 2000 ci lasciava Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Altri Sport

A tu per tu con Carolina Stramare, tra moda e sport A Tu per Tu con Carolina Stramare, Miss Italia 2019. Carolina è una...

Calcio

Superga 72 anni dopo: il Mito del Grande Torino e il legame con l’America Latina Il 4 Maggio 1949 alle 17.03 il trimotore con...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Il 2 Maggio 2016, in virtù del pareggio tra Chelsea e Tottenham, il...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Motori

Ayrton e Alain: il mio nemico migliore Nel giorno in cui ricordiamo la scomparsa di Ayrton Senna, avvenuta il primo maggio 1994, con Paolo...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Altri Sport

A tu per tu con Pino Maddaloni, l’oro di Scampia Archiviati gli europei di Judo a Lisbona con tre medaglie raggiunte dagli azzurri, ottimo...

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Motori

Michele Alboreto, signor pilota, pilota signore Chi l’ha detto che si debba sempre cominciare dall’inizio? Peraltro quelli bravi, o che vogliono apparire tali, cominciano...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro