Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La sincerità di Jake

Il traguardo e il suo raggiungerlo, sono concetti relativi. Per Cristiano Ronaldo una chiamata della nazionale per i mondiali è normale come firmare un autografo. Ma c’è chi considera già un miracolo che un allenatore si ricordi di lui, che lo chiami anche solo per tenerlo in panchina fino a fargli fare piantagioni di funghi.

Jake Livermore è quel tipo di giocatore, umile centrocampista inglese del West Bronwich Albion. A novembre del 2017, stava partendo per una vacanza con la famiglia, dopo che la nazionale aveva già diramato le convocazioni e lui non c’era. Solo che all’ultimo minuto l’allenatore Southgate ha avuto una defezione e lo ha chiamato che quasi era sulla scaletta dell’aereo. Lui tra il felice e l’imbarazzato, ha detto di sì, ovviamente la famiglia tra qualche mugugno, ma capendo, è scesa ed è ritornata a casa.

Southgate è uno che guarda l’uomo, il carattere. Livermore è uno di quelli che come dice il ct “non ci pensa due volte a servire la propria maglia”. Per questo lo ha premiato richiamandolo a marzo in nazionale, tra la sorpresa generale visto che non stava giocando benissimo. Ma Southgate, dicevamo, sta molto attento anche all’uomo. Livermore poi non è stato incluso tra quelli che andavano ai mondiali in Russia. Ma per quello che gli è successo nella vita, a lui va già bene così.

Già perchè il buon Jack è stato protagonista di uno degli episodi in cui la giustizia non è stata solo applicazione della norma, ma guardare anche l’uomo e i suoi accadimenti.
A settembre del 2015, Livermore viene convocato dal tribunale sportivo inglese. L’accusa è grave, uso di cocaina. In questi casi la squalifica è di due anni. La sua squadra poi, l’Hull city allora, lo ha già sospeso. Di solito in questi casi, molti atleti cercano gli alibi più disparati, quantomeno qualcuno si arrampica sugli specchi. Livermore invece si presenta e il succo di quello che dice lascia a bocca aperta: “sì, ho fatto uso di cocaina e sì, l’ho fatto deliberatamente. Non sono un consumatore abituale, ma in quel momento l’ho fatto perchè mio figlio appena venuto al mondo è morto qualche giorno dopo. Io non ho retto”.
Ha detto che si sarebbe rimesso a qualsiasi volontà del club e del tribunale. Senza opporsi.

I giudici hanno preso una decisione storica, assolto, con formula piena, vista la straordinaria portata del fatto doloroso. Poi uno di loro ha ammonito Livermore di non farlo più, che non è così che si affronta un dolore e una carriera da calciatore oltre che un percorso umano.
Jake, ha molti traguardi raggiunti, uno per tutti è una sorta di capacità di sbagliare ammettendolo, cosa molto rara di questi tempi. E forse per questo, Southgate e un giudice di tribunale, hanno fatto la stessa cosa. Hanno guardato l’uomo. E la sua capacità di prendersi delle responsabilità dopo un errore. E pazienza se non si va in Russia ai mondiali.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 44 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

Paul Breitner: oltre il Muro dell’apparenza Compie oggi 69 anni Paul Breitner, iconico calciatore tedesco che non ha mai nascosto le sue idee politiche...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Demetrio Albertini racconta Usa 1994 e Francia 1998 Per i 49 anni compiuti oggi da Demetrio Albertini, vi riproponiamo l’intervista nella quale ci raccontò...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo C’è un tram, della Midlands Metro Service, che ha il nome di un calciatore....

Calcio

Javier Zanetti racconta Giappone e Corea del Sud 2002 In occasione dei 47 anni compiuti da Javier Zanetti, recordman di presenze con l’Argentina (145,...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Calcio

Francia 1998, la testa di Zidane e il Mistero Ronaldo Il 12 luglio 1998 allo Stade de France la Francia batte il Brasile campione...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro