Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La sincerità di Jake

Il traguardo e il suo raggiungerlo, sono concetti relativi. Per Cristiano Ronaldo una chiamata della nazionale per i mondiali è normale come firmare un autografo. Ma c’è chi considera già un miracolo che un allenatore si ricordi di lui, che lo chiami anche solo per tenerlo in panchina fino a fargli fare piantagioni di funghi.

Jake Livermore è quel tipo di giocatore, umile centrocampista inglese del West Bronwich Albion. A novembre del 2017, stava partendo per una vacanza con la famiglia, dopo che la nazionale aveva già diramato le convocazioni e lui non c’era. Solo che all’ultimo minuto l’allenatore Southgate ha avuto una defezione e lo ha chiamato che quasi era sulla scaletta dell’aereo. Lui tra il felice e l’imbarazzato, ha detto di sì, ovviamente la famiglia tra qualche mugugno, ma capendo, è scesa ed è ritornata a casa.

Southgate è uno che guarda l’uomo, il carattere. Livermore è uno di quelli che come dice il ct “non ci pensa due volte a servire la propria maglia”. Per questo lo ha premiato richiamandolo a marzo in nazionale, tra la sorpresa generale visto che non stava giocando benissimo. Ma Southgate, dicevamo, sta molto attento anche all’uomo. Livermore poi non è stato incluso tra quelli che andavano ai mondiali in Russia. Ma per quello che gli è successo nella vita, a lui va già bene così.

Già perchè il buon Jack è stato protagonista di uno degli episodi in cui la giustizia non è stata solo applicazione della norma, ma guardare anche l’uomo e i suoi accadimenti.
A settembre del 2015, Livermore viene convocato dal tribunale sportivo inglese. L’accusa è grave, uso di cocaina. In questi casi la squalifica è di due anni. La sua squadra poi, l’Hull city allora, lo ha già sospeso. Di solito in questi casi, molti atleti cercano gli alibi più disparati, quantomeno qualcuno si arrampica sugli specchi. Livermore invece si presenta e il succo di quello che dice lascia a bocca aperta: “sì, ho fatto uso di cocaina e sì, l’ho fatto deliberatamente. Non sono un consumatore abituale, ma in quel momento l’ho fatto perchè mio figlio appena venuto al mondo è morto qualche giorno dopo. Io non ho retto”.
Ha detto che si sarebbe rimesso a qualsiasi volontà del club e del tribunale. Senza opporsi.

I giudici hanno preso una decisione storica, assolto, con formula piena, vista la straordinaria portata del fatto doloroso. Poi uno di loro ha ammonito Livermore di non farlo più, che non è così che si affronta un dolore e una carriera da calciatore oltre che un percorso umano.
Jake, ha molti traguardi raggiunti, uno per tutti è una sorta di capacità di sbagliare ammettendolo, cosa molto rara di questi tempi. E forse per questo, Southgate e un giudice di tribunale, hanno fatto la stessa cosa. Hanno guardato l’uomo. E la sua capacità di prendersi delle responsabilità dopo un errore. E pazienza se non si va in Russia ai mondiali.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 31 anni Jake Livermore, il calciatore inglese che...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Calcio

Kasper non ha paura Compie oggi 34 Kasper Schmeichel, il portiere danese del Leicester che ha dovuto convivere tutta la sua carriera con la...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Calcio

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente Compie oggi 36 anni Daniel Subasic, il portiere della Croazia che in ogni partita non dimentica mai...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro