Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Jack Grealish: l’Orfeo di Birmingham

Jack Grealish: l’Orfeo di Birmingham

Scorrendo le classifiche dei top campionati in giro per l’Europa non si può che restare ammaliati dal richiamo della Premier League ciò che colpisce principalmente guardando infatti meramente la posizione in tabella delle contendenti al trono è la presenza, tra le maglie delle grandi di diverse compagini che potremmo definire underdog.

Il Leicester dell’immortale Vardy, l’Everton di Carlo Ancelotti e Dominic Calvert Lewin e, a presidio della zona Europa League, come Cerbero alle porte dell’inferno c’è l’Aston Villa capitanata dal suo paladino: Jack Grealish, l’Orfeo di Birmingham.

Fascia da capitano al braccio, numero 10 sulle spalle, calzettoni abbassati che profumano di vintage ma che, in realtà sono un incontro tra una lavatrice sbagliata ed una superstizione divenuta poi definitiva, accompagnati da un cerchietto volto a contenere una capigliatura perfettamente ordinata dalla piastra. A questo look non esattamente da calciatore del ventunesimo secolo si aggiunge un’abbronzatura costante. Eppure, Jack Grealish è nativo di Solihull, sobborgo di Birmingham, città sempre troppo sottovalutata dal football d’oltremanica ma che, oltre a portare con sé un notevole bacino d’utenza e a rappresentare uno dei derby più classici del paese ha prodotto, cullato e lanciato uno dei prodotti più interessanti del panorama calcistico attuale.

Il numero 10 è l’idolo locale, non soltanto perché immedesimatosi completamente in quella bolla claret and blue che lo avvolge e lo protegge dalla tenera età di 8 anni ed a cui lui si è elevato a massima espressione attraverso i risultati sul campo ma perché unico nel suo genere della nidiata di talenti a disposizione dei Tre Leoni.

La sua qualità tecnica sopraffina, incastrata in un fisco compatto ma non particolarmente prestante dal punto di vista della struttura gli consente di essere un 10, un produttore seriale di assist ed occasioni da gol, che può giocare come tale, che ricerca l’assolo ma è capace allo stesso tempo di cantare in coro senza sovrapporsi ai compagni ma aiutandoli a migliorare.

Sul prato verde però il capitano dei Villans è camaleontico, può cambiare spartito agendo da 8, lo si nota per la quantità di palloni toccati durante una partita e la facilità di calcio da fuori area, un giocatore, che grazie alla sua polivalenza tattica è attore perfetto del calcio contemporaneo, un paradiso di tecnica ed intelligenza calcistica.

La dimensione culturale del capitano del prodotto dell’accademy dei Lions è però quella che fa la differenza, che sporca il talento con una pennellata di nero: un’immagine tipica del calciatore british anni 90: Grealish ha la faccia del bad boy, le fattezze di un Tony Adams, di un Gazza Gascoigne, è l’eroe fiabesco che raggiunge la persona amata dopo aver battagliato contro mille peripezie, aiutato da un unico oggetto magico: il talento.

Eppure di quelle avventure attraverso cui l’eroe ha raggiunto la Premier insieme all’amata, il suo Aston Villa ce ne sarebbero talmente tante da poterne creare il profilo ruvido di un ragazzo in balia degli eventi, trasportato dall’onda dell’emotività e dai fiumi di birra per cui da qualcuno era stato bollato come alcolizzato, un vizio quello della bottiglia che potrebbe portarlo verso l’inferno, così come ha fatto con i grandi nomi citati sopra.

Jack ha sempre risposto con un sorriso ironico ed un gesto eroico sul campo, come a voler ricordare di essere l’eroe della sua storia. Come quando Paul Mitchell, tifoso dei rivali cittadini il 10 marzo 2019 riuscì ad eludere gli steward ed arrivato in campo a sferrare un gancio destro da k.o. tecnico alla mascella del capitano che va a terra, sorride, si rialza ed al minuto 67 manda a terra i suoi avversari con il sinistro all’angolino che vale la vittoria del derby, poi una corsa folle verso il paradiso d’amore che la sua gente gli regala, ci si tuffa dentro, torna in paradiso.

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 57 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro