Connect with us

Cerca articoli

Tennis

Ivo Karlovic e il Tennis a suon di bombe

La potenza non è tutto. Anche nel tennis occorre il giusto mix tra quest’ultima e il controllo. Il gioco (e le superfici) è sempre più veloce e dinamico e per rimanere nei piani alti della classifica mondiale, occorre una grande dose di rapidità e di agilità negli spostamenti. Chi occupa le prime posizioni, attualmente, lo dimostra. C’è chi però, nonostante le forme gigantesche e forse più inclini ad altri sport, non smette di sorprendere, anche a discapito dell’età fuori dagli schemi.

Lui è Ivo Karlovic. Il 37enne croato, 211 centimetri per 104 kg, fa della potenza la sua arma. Non sempre si è rivelata vincente ma di soddisfazioni nell’arco della sua carriera se né tolte parecchie. Il best ranking (attualmente è numero 21) l’ha raggiunto nell’agosto del 2008 quanto si è classificato 14esimo. Finora ha conquistato 8 tornei Atp e due di doppio e può vantare due primati: data la sua altezza è il giocatore più alto della classifica Atp e grazie al suo servizio potentissimo nel marzo 2011 in Coppa Davis ha scagliato la pallina oltre la rete a 251 km/h, stabilendo il nuovo record. Piccolezze se si pensa a quante caratteristiche servono per primeggiare. Eppure, non ha ancora smesso di impensierire gli avversari con il suo gioco atipico (non proprio idilliaco) e non di far parlare di sé.

Agli attuali Australian Open, nel suo match d’esordio contro Zeballos, si è trasformato in un vero e proprio bombardiere. Sotto di due set, ha recuperato e vinto 22-20 al quinto in cinque ore e 14 minuti. Oltre ad esser stato classificato come il secondo match più lungo del torneo di Melbourne, ha lasciato un altro segno nella storia del torneo: con 75 ace ha riscritto gli annali della kermesse. Un record che per lui però non dice molto visto che in un match di Davis ne aveva messi a segno 78. Finiti i record? No, il match ha riscritto anche quello dei game totali del match: ben 84, uno in più della sfida del 2003 tra Roddick-El Aynaoui.

Record su record che portano il 37enne croato ad essere ancora temuto, soprattutto sui campi veloci. In merito al match ha dichiarato: “È stato tra i match più difficili della mia carriera. Ero sotto 2-0 quindi ho dovuto combattere non solo contro il caldo e l’avversario ma anche contro la mia testa, dovevo restare attaccato alla partita”. Così è stato ed ha compiuto una vera e propria impresa.

Una maratona che, nonostante le poche certezze sul recupero ottimale delle energie “Un bel bagno ghiacciato e tanto sonno, speriamo che basti”, l’ha galvanizzato, portandolo a superare anche il secondo turno domando in tre set l’australiano di casa Whittington.

Il bombardiere croato non è ancora sazio.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Calcio

Il calcio al tempo di Tito: Jugoslavia, una Nazionale per sei Stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti Il 14 Gennaio 1953...

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Altri Sport

A tu per tu con Federico Mastrostefano, Campione mondiale di nuoto per salvamento A tu per tu con Federico Mastrostefano, campione del mondo nel...

Altri Sport

Edwin Moses, i passi di un dio Scrivere di sport equivale, anche perché ci piace e ci diverte, a profondere una serie di aggettivi;...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Slavisa Zungul: un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di calcio, probabilmente, diranno...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Ognuno di noi, che ne sia conscio o meno, ha una missione, un obiettivo che diventa il...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Avrebbe compiuto oggi 72 anni Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Spesso mando ciò che scrivo a una mia carissima amica. Le chiedo di dare un’occhiata perché di lei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro