Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Sei Nazioni: incollati al salotto buono della palla ovale

Sei nazioni: o forse 5+1 considerando la pochezza (dei risultati) dell’Italia. La tradizione del torneo più antico dello sport non sorride agli azzurri: 12 successi su 80 partite giocate, 11 cucchiai di legno su 17 partecipazioni. Quanto basta per essere derisi oltralpe e oltremanica e considerati intrusi dal resto d’Europa. Romania e Georgia, forti dei risultati internazionali, hanno chiesto l’invito al posto degli azzurri. La risposta è stata chiara: no. L’Italia, che esordisce oggi contro il Galles, non si tocca.

Firmato (sino al 2024) e garantito da John Feehan, direttore generale del “Six Nations”. Il factotum ritiene che nel breve (facciamo anche nel lungo, non si offende nessuno) “l’Italia difficilmente potrà vincere un torneo”. E però precisa: “alcuni giudizi sono ingiusti. La nazionale italiana è una presenza positiva nel torneo. É migliorata tantissimo in questi anni e quando è in giornata può battere qualsiasi nazionale”.  Dunque, la nazionale azzurra non è scarsa, semplicemente umorale. In ogni caso, merita una poltrona del salotto buono della palla ovale. Perché?

Risposta esatta, soldi. L’intero carrozzone genera un indotto di 500 milioni di euro, ovviamente da dividere fra le nazionali partecipanti. Orbene, l’Italrugby non ha alcuna speranza di vincere, ma a chi organizza, e chi incassa, importa poco. Contenti tutti, anche e soprattutto la FIR…già perché anche accontentarsi delle briciole della torta, è un gran bel vivere. L’ultima classificata del torneo incassa qualche milioncino di euro. Quanto basta per far sorridere una Federazione che ha un merito indiscutibile. Sa vendersi. A dispetto di ciò che accade nella penisola (un campionato con 10 squadre professionistiche, un movimento attecchito solo nel Nord-est, squadre di livello medio basso e regolarmente travolte in campo internazionale) il “Sei Nazioni”, in Italia, è un evento amatissimo. Un appuntamento che fra sponsorizzazioni, ricavi allo stadio (complice un Olimpico sempre strapieno), vendita dei diritti tv, trasferte, viaggi e…birre produce circa 20 milioni di euro. Cifre insostenibili da realtà come Tblisi o Bucarest. Ecco perché le richieste di Georgia e Romania sono destinate al cestino. E per lungo tempo. L’accordo fra la FIR e gli organizzatori del “six nations” garantisce agli azzurri la possibilità di giocare il sei nazioni sino al 2024. Insomma, l’invito è salvo. La faccia? Si vedrà…

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Calcio

Azeglio Vicini, ad avercene Il 30 gennaio 2018 ci salutava per sempre Azeglio Vicini, storico allenatore dell’Italia ai Mondiali 90. Un grande uomo, le...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Altri Sport

Sport e Prostituzione: da Campionesse a Escort, Suzy & Florica, atlete “d’alto bordo” Il sogno di ogni atleta, qualunque disciplina egli pratichi, è quello...

Altri Sport

Brian Lochore, l’uomo oltre la maglia: storia del “padre” degli All Blacks C’è un detto nel rugby. Dice così: una squadra la riconosci da...

Altri Sport

Calcutta Cup: la “guerra ovale” anglo-scozzese nel ricordo dell’India Il 20 dicembre 1877 il segretario del Calcutta Football Club scrive alla Rugby Football Union offrendo...

Snooker

Quella sera al Gallia di Milano la «prima» dello Snooker in Italia (sesta ed ultima parte): l’era di Steve Davis La finale del Gallia...

Snooker

Quella sera al Gallia di Milano, la «prima» dello snooker in italia (quinta parte): un duello in punta di stecca All’EXCELSIOR HOTEL GALLIA, di...

Storie di Sport

Walter Bonatti: la solitudine e la grandezza del “Re delle Alpi” Si festeggia oggi la giornata internazionale della montagna per sensibilizzare sul tema della...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro