Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Islanda? Catenaccio, contropiede e una “Cucina da Incubo”

Mancano poche ore alla partita Argentina – Islanda valevole per il Girone D di Russia 2018. Leo Messi e co. si preparano a sfidare la Cenerentola Islanda. Ecco come si sono preparati i vichinghi blu per la Coppa del mondo.

Sembrava che l’impresa l’avessero già fatta allo scorso Europeo dove incredibilmente raggiunsero i Quarti di Finale. Ma quando parliamo di Islanda, evidentemente, le sorprese non mancano mai. Questa piccola Nazione che conta circa 355 mila abitanti (meno di Firenze) sta per scendere in campo nella prima partita dei suoi Mondiali di Russia 2018 contro l’Argentina, diventando lo Stato più piccolo a partecipare nella storia dei Mondiali di Calcio.

Un gruppo di ragazzi combattivi che grazie al caro e vecchio “catenaccio e contropiede” hanno fatto la storia anche in quest’occasione. Ma quali sono i segreti della piccola grande Islanda?

In primis l’alimentazione. I calciatori islandesi, infatti, effettuano quotidianamente spuntini a base di carne di squalo, tagli di balena crudi ed hamburger di pulcinella di mare. Rimanendo fedeli alle proprie tradizioni culinarie, i giocatori seguono un regime alimentare unico nel suo genere e difficilmente “digeribile” per chi non è abituato. La carne di balena, ad esempio, viene servita cotta come una grossa bistecca oppure finemente tagliata per essere mangiata cruda.

Un altro piatto tradizionale è chiamato ‘hakarl’ ed è a base di carne di squalo. In tempi antichi, i cuochi del paese nordico erano soliti addirittura urinare sulla carne di squalo per favorire la neutralizzazione del fetido odore di ammoniaca. In seguito, la carne veniva fatta essiccare al sole per settimane ed infine mangiata. Aneddoti veramente incredibili.

Lo chef inglese Dan Doherty, interpellato in merito a queste strane abitudini in occasione degli Europei francesi, è stato uno dei pochi stranieri ad avere il coraggio di assaggiare le fettine di squalo e le ha descritte come il cibo più terribile mai mangiato nel corso della sua vita: “Si tratta di un piatto che ho consumato in Islanda. Me lo hanno servito in un barattolo e la carne era tagliata a forma di cubo. Ho aperto la confezione e l’odore era così pesante che mi ha quasi bruciato l’olfatto! Poi ho messo la carne in bocca e la lingua ha iniziato a pizzicarmi. Ho dovuto buttare giù il boccone in un sol colpo e poi bere una pinta intera di birra!”

Le stranezze, almeno ai nostri occhi, del cibo consumato dagli atleti islandesi, però, non finiscono qui visto che i ragazzi agli ordini di Hallgrìmsson sono soliti consumare anche testicoli di agnello e parti di testa di pecora bollite. Spesso, quest’ultime vengono poi inserite all’interno di pane tostato.

Che dire, poi, del ‘blood pudding’, a base di zucchero e sangue di pecora, oppure delle viscere di pesce e delle lingue di merluzzo? Sembra il menù di un film dell’orrore ed invece è la pura verità.

Tutto ciò, comunque, evidentemente è riuscito ad aiutare gli straordinari calciatori islandesi dapprima a compiere un’impresa eccezionale terminando primi nel girone di qualificazione alla Fase Finale di questo Europeo e poi ad andarsi a giocare un Ottavo di Finale contro i colossi inglesi di Hodgson, vincendo e uscendo ai Quarti contro i padroni di casa della Francia. Ed evidentemente questa “cucina da incubo” è servita anche a strappare un biglietto per la Russia.

Sempre in occasione della competizione continentale dello scorso anno venne rivelata un’altra chicca per aiutarsi in questa missione. Si scoprì, infatti, che i ragazzi islandesi si caricavano in un modo molto particolare, ovvero con l’ausilio di una foto appesa negli spogliatoi. Cosa è ritratto nella foto? Un cagnolino battagliero che rincorre addirittura un enorme rinoceronte, come a dire ‘nulla è impossibile’.

Chissà se funzionerà anche in Russia. Nel frattempo, il sogno continua.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

El Maestro Tabarez e le Origini della Garra Charrua Compie oggi 74 anni Oscar Tabarez, l’allenatore dell’Uruguay che incarna perfettamente lo spirito della squadra...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Dominique Rocheteau, elegante anarchia – L’operaio si lava le mani prima di pisciare e l’intellettuale dopo – Jacques Prévert I cliché che riguardavano la...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Altri Sport

A tu per tu con Rossella Fiamingo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Rossella Fiamingo, campionessa di scherma nella specialità spada. Medaglia d’argento alle...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Altri Sport

A tu per tu con Isolde Kostner, la leggenda dello sci azzurro In questo caotico ed indecifrabile momento che sta vivendo il Paese, tra...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

Lazio: qualificarsi agli ottavi di Champions League non è sufficiente per essere una grande squadra Anche le vittorie possono insegnare. Come le sconfitte. È...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro