Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Intrappolati nella “Gabbia d’Oro” dei vivai inglesi: il caso Zac Brunt

Dopo che l’Inghilterra Under 17 si è aggiudicata la Coppa del Mondo, nel paese anglosassone si sono ancor di più accesi i riflettori su quale sia il modo migliore per sviluppare i giovani calciatori e condurli ad essere future stelle.

Nelle academy (i settori giovanili) dei club di Premier League, ci sono circa 3.000 bambini di età compresa tra nove e sedici anni, con migliaia di altri ragazzi sparsi, poi, nelle selezioni giovanili degli altri club professionistici.

Nel corso delle ultime settimane, è emersa particolare attenzione sul tema da parte di alcuni tra i più importanti organi di informazione inglesi, i quali hanno deciso di esaminare il sistema accademico del calcio interno; nel contesto di tale indagine, si staglia, in particolare, la storia di un quindicenne che sta cercando il suo quinto (sì, avete letto bene) club in carriera- ma ha una tassa di trasferimento pari a £ 120.000.

“Questa potrebbe essere già la fine della mia carriera”: le agghiaccianti parole del giovanissimo Zac Brunt.

“Se non sei il prossimo Cristiano Ronaldo, i club non vogliono pagare 120.000 sterline per uno che ha quindici anni”.

Brunt ha già fatto parte delle giovanili di Aston Villa, Manchester City, Atletico Madrid e, più recentemente, Derby County mentre ha trascorso gli ultimi due anni nella ‘Accademia di elite dei club inglesi’, all’interno del progetto denominato ‘Elite Player Performance Plan (EPPP)’, ideato per portare i migliori giovani giocatori insieme ai migliori allenatori e ai migliori ambienti del calcio inglese sin dalla giovane età.

Ora, però, il problema, che pare insormontabile.

Questa, ormai famosa, clausola per ‘liberare’ il ragazzo.

Ma perché così tanti soldi?

Tabella dei compensi per giocatori che si trasferiscono da un settore giovanile ad un altro
Età calciatori Categorie delle academy inglesi Tassa annuale fissa da pagare al vecchio club
U9 fino a U11            Tutte £3,000
U12 fino a U16        Categoria 1 £40,000
U12 fino a U16        Categoria 2 £25,000
U12 fino a U16        Categoria 3 £12,500

Le 120.000 sterline, dunque, risultano tali in base ai tre anni trascorsi dal ragazzo presso la Categoria 1 del settore giovanile del Derby County (£40.000 + £40.000 + £40.000).

Prima che questo sistema fosse concordato in tutto il mondo del calcio inglese, i giovani giocatori si spostavano tra le varie academy dopo che un tribunale aveva stabilito una ‘penale’ da pagare alla vecchia società di appartenenza.

Un sistema, quindi, studiato per tutelare quei club che investono per primi su giovani talenti ma che, allo stesso tempo, rischia di rovinare, nel vero senso del termine, le carriere di tanti ragazzi promettenti, che sono poi costretti a smettere di giocare a calcio oppure finiscono in club dilettantistici poiché bisognerebbe sborsare cifre spropositate per portarli nei settori giovanili di club professionistici.



Anche il padre di Zac, Glen, è preoccupato per il futuro del proprio figlio, non tanto nel mondo del calcio, quanto per ciò che tale sogno spezzato potrebbe rappresentare nel percorso di crescita mentale del giovane.

“Ci sentiamo bloccati come se fossimo all’interno di sabbie mobili. Mi auguro che si possa trovare il modo di risolvere situazioni come quella di mio figlio ma, visto che il sistema creato è anche piuttosto recente, penso che sia veramente dura. Mi auguro solo che Zac, che per fortuna è un ragazzo molto forte mentalmente, possa non risentire di tale disavventura nel prosieguo della sua vita. E’ l’unica cosa che ho a cuore.”

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Calcio

Strage di Hillsborough, 32 anni dopo: le verità scomode di una tragedia evitabile Il 15 Aprile 1989 allo stadio Hillsborough di Sheffield, avvenne una...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Altri Sport

Garri Kasparov: l’uomo contro la macchina quando l’uomo non era ancora una “macchina” Compie oggi 58 anni Garri Kasparov, il leggendario scacchista russo che...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Pugilato

Teofilo “Al” Brown detto Panama: l’artista con i guantoni Aveva e continua ad avere ragione George Foreman, per quella volta in cui si trovò...

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Altri Sport

Seve Ballesteros e il Miracolo di Medinah 2012 Avrebbe compiuto oggi 64 anni Severiano Ballesteros, uno dei più grandi golfisti della storia recente. Il...

Snooker

Stephen Hendry, il ritorno del Golden Bairn (prima parte) Uno degli argomenti più dibattuti sui social media, in questo inizio di 2021, è il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro