Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Intrappolati nella “Gabbia d’Oro” dei vivai inglesi: il caso Zac Brunt

Dopo che l’Inghilterra Under 17 si è aggiudicata la Coppa del Mondo, nel paese anglosassone si sono ancor di più accesi i riflettori su quale sia il modo migliore per sviluppare i giovani calciatori e condurli ad essere future stelle.

Nelle academy (i settori giovanili) dei club di Premier League, ci sono circa 3.000 bambini di età compresa tra nove e sedici anni, con migliaia di altri ragazzi sparsi, poi, nelle selezioni giovanili degli altri club professionistici.

Nel corso delle ultime settimane, è emersa particolare attenzione sul tema da parte di alcuni tra i più importanti organi di informazione inglesi, i quali hanno deciso di esaminare il sistema accademico del calcio interno; nel contesto di tale indagine, si staglia, in particolare, la storia di un quindicenne che sta cercando il suo quinto (sì, avete letto bene) club in carriera- ma ha una tassa di trasferimento pari a £ 120.000.

“Questa potrebbe essere già la fine della mia carriera”: le agghiaccianti parole del giovanissimo Zac Brunt.

“Se non sei il prossimo Cristiano Ronaldo, i club non vogliono pagare 120.000 sterline per uno che ha quindici anni”.

Brunt ha già fatto parte delle giovanili di Aston Villa, Manchester City, Atletico Madrid e, più recentemente, Derby County mentre ha trascorso gli ultimi due anni nella ‘Accademia di elite dei club inglesi’, all’interno del progetto denominato ‘Elite Player Performance Plan (EPPP)’, ideato per portare i migliori giovani giocatori insieme ai migliori allenatori e ai migliori ambienti del calcio inglese sin dalla giovane età.

Ora, però, il problema, che pare insormontabile.

Questa, ormai famosa, clausola per ‘liberare’ il ragazzo.

Ma perché così tanti soldi?

Tabella dei compensi per giocatori che si trasferiscono da un settore giovanile ad un altro
Età calciatori Categorie delle academy inglesi Tassa annuale fissa da pagare al vecchio club
U9 fino a U11            Tutte £3,000
U12 fino a U16        Categoria 1 £40,000
U12 fino a U16        Categoria 2 £25,000
U12 fino a U16        Categoria 3 £12,500

Le 120.000 sterline, dunque, risultano tali in base ai tre anni trascorsi dal ragazzo presso la Categoria 1 del settore giovanile del Derby County (£40.000 + £40.000 + £40.000).

Prima che questo sistema fosse concordato in tutto il mondo del calcio inglese, i giovani giocatori si spostavano tra le varie academy dopo che un tribunale aveva stabilito una ‘penale’ da pagare alla vecchia società di appartenenza.

Un sistema, quindi, studiato per tutelare quei club che investono per primi su giovani talenti ma che, allo stesso tempo, rischia di rovinare, nel vero senso del termine, le carriere di tanti ragazzi promettenti, che sono poi costretti a smettere di giocare a calcio oppure finiscono in club dilettantistici poiché bisognerebbe sborsare cifre spropositate per portarli nei settori giovanili di club professionistici.



Anche il padre di Zac, Glen, è preoccupato per il futuro del proprio figlio, non tanto nel mondo del calcio, quanto per ciò che tale sogno spezzato potrebbe rappresentare nel percorso di crescita mentale del giovane.

“Ci sentiamo bloccati come se fossimo all’interno di sabbie mobili. Mi auguro che si possa trovare il modo di risolvere situazioni come quella di mio figlio ma, visto che il sistema creato è anche piuttosto recente, penso che sia veramente dura. Mi auguro solo che Zac, che per fortuna è un ragazzo molto forte mentalmente, possa non risentire di tale disavventura nel prosieguo della sua vita. E’ l’unica cosa che ho a cuore.”

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 4 Agosto 1936 l’afroamericano Jesse Owens si porta a casa l’oro nel salto in lungo davanti...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Ieri 28 luglio ricorreva il giorno in cui nasceva nel lontano 1925 Bruno Pesaola, argentino di nascita, napoletano d’adozione. Il...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro