Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi”

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi”

Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di “Rossi, Rossi, Rossi!”

Un Paolo Rossi esultante vestito d’azzurro, in copertina e l’occhio che cade sulla prefazione di Bruno Conti…

La copertina “frizza”, per usare un termine di immagine televisiva, un momento, anzi, “il” momento, quello che Paolo Rossi avrebbe voluto fermare per sempre. E’ stato il suo primo pensiero, al fischio finale che rese gli Azzurri “Campioni, Campioni, Campioni”, come stava dicendo Nando Martellini chiudendo la sua telecronaca. In mezzo al campo, tutto solo, Paolo Rossi pensava: “Fermate il tempo. Non può essere già finita. Non vivrò più momenti come questo”. Il tempo non si è fermato, ma per lui, tutto si è cristallizzato in quell’attimo fuggente.                                 

Significativamente la maglia è azzurra per il campione più trasversale di sempre del calcio italiano che gli sportivi identificano nel calciatore della Nazionale più che in quello delle squadre di club in cui ha giocato e anche vinto. Paolo Rossi, però, vuol dire Nazionale, ne è il simbolo.

Il “tuo” Paolo Rossi che uomo è stato, dietro o accanto al calciatore, se preferisci?

I fatti calcistici hanno profondamente inciso sull’aspetto umano perché avvenivano mentre Paolo era ancora molto giovane: le sue speranze di ragazzino, l’allontanamento da casa molto precoce, i frequenti infortuni che hanno determinato una troppo rapida alternanza di speranze e delusioni. Tutta la carriera (piuttosto breve forse proprio per questa insopportabilità dell’incertezza) è stata una sequenza da doccia scozzese di momenti altissimi e  bassissimi. Troppo frequenti e bruschi i passaggi dalla gioia al dolore e viceversa, o, se vogliamo, dalla polvere all’altare con repentine cadute e resurrezioni.

Attraverso quali aneddoti si dipana il filo della narrazione e quali pagine della sua carriera hai messo al centro della narrazione, oltre al mondiale spagnolo del 1982?

Più che singoli aneddoti sparsi, ho cercato di ricostruire i momenti salienti della carriera di Paolo Rossi dal bambino di Prato che sognava di diventare un’ala destra come Kurt Hamrin, al giovincello che Moggi portò addirittura alla Juventus di Allodi e Boniperti; dalla delusione del primo anno di serie A nel Como, alla improvvisa esplosione nel Lane Rossi Vicenza di G.B. Fabbri; dalla prorompente nascita del “Pablito” di Argentina ’78, alla dolorosa umiliazione della squalifica per il “calcio-scommesse”, fino alla resurrezione del titolo mondiale di Spagna ‘82. E ancora: l’assurda valutazione alle buste della comproprietà di Giussy Farina, la furba intuizione di D’Attoma con le maglie sponsorizzate del Perugia, la tombola maledetta di Vietri sul Mare, la tripletta al Brasile che fece piangere un intero popolo, l’affrettata e malinconica chiusura di carriera come se tutto fosse già finito in quel momento magico del Bernabeu a Spagna ’82.

E’ bastevole la definizione di opportunista per descrivere la tipologia di attaccante alla quale Rossi apparteneva?

E’ riduttiva. Sicuramente il fiuto del gol, il senso della posizione, la capacità di farsi trovare al posto giusto nel momento giusto, l’abilità di eludere la sorveglianza del difensore, sono state le sue doti migliori. L’istinto del gol si concretizzava con soluzioni di destro, di sinistro, di testa pur non essendo un colosso, calci di rigore. Rossi aveva cominciato da ala destra, quindi concettualmente portato a creare opportunità per il centravanti, cioè a sviluppare un’azione di attacco di squadra. L’intuizione di Fabbri di spostarlo centravanti ha fatto emergere quelle qualità che lo hanno portato a vincere la classifica cannonieri in serie B, in serie A e al Mondiale dove è stato il “Pichichi”.

Perché le generazioni di tifosi e appassionati che non hanno vissuto le sue gesta dovrebbero leggere questo libro?

Se ci si appassiona allo sport, o alla musica, o ad una qualsiasi forma di espressione di arte o di spettacolo attraverso un protagonista contemporaneo, si potrebbe sviluppare la curiosità o l’interesse, o, magari, la necessità di approfondire la conoscenza di fatti, episodi, personaggi di quel settore. Nel libro su Paolo Rossi, ad esempio, sono ripercorsi almeno tre decenni di vicende del calcio italiano con una miriade di dirigenti, allenatori, giornalisti, e, naturalmente,  calciatori che hanno avuto un ruolo non marginale nella storia dell’intero movimento calcistico nazionale.

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Pugilato

Thomas Hearns, un macigno sui trampoli Compie oggi 63 anni Thomas Hearns, uno dei pugili più forti della storia, protagonista insieme a Marvin Hagler...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

“Tifosi laziali per sempre”: il nuovo libro di Alberto Ciapparoni Chi conosce Alberto Ciapparoni sa della sua rigorosa professionalità nel porre attenzione alle vicende...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 9 Ottobre 1967 veniva giustiziato in Bolivia, il rivoluzionario e guerrigliero Ernesto Che Guevara....

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Il 2 ottobre 2005 ci salutava  Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro...

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 53 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 ci salutava la grande attrice...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro