Connect with us

Cerca articoli

Calcio

International Champions Cup 2017: la prova del nove per la futura Lega riservata solo alle Big

Il digiuno è finito. Tornano le abbuffate di calcio in TV. Le big d’Europa tornano in campo per la nona edizione della International Champions Cup, torneo estivo per eccellenza . Prova del nove, dunque, per rilanciare sul tavolo dei giochi di potere le ambizioni della Relevent Sport, la società che organizza il torneo itinerante nel mondo. Obiettivo, neanche troppo sottaciuto: trasformala in una Champions. SCACCO MATTO IN TRE MOSSE

S&S SPETTACOLO E SPONSORIZZAZIONI

Del resto, contano i risultati. Economici, of course. Nessuno ricorda l’albo d’oro della ICC. Ben impressi, invece, nel bilancio delle consorelle partecipanti, i proventi della manifestazione. Tutto nasce da una formula vincente: l’ICC garantisce partite di alto livello ad orari e prezzi per i mercati in cui il calcio è un asset in assoluta crescita: il fatturato, fra inviti, diritti tv, sponsorizzazioni, è di circa 100 milioni di euro all’anno. A cui si aggiungono i soldi incassati dalla presenza del pubblico. Una clientela “affamata” di ogni forma di gadget e pronta a strisciare carte di credito. Una vera manna per il merchandising e le multinazionali che iniziano a investire pesantemente sull’evento.

LE PROSPETTIVE

Un fiume di denaro dalla portata così ampia da divenire appetibile anche (e soprattutto) d’inverno. Le Big, secondo voci di corridoio, e non affatto infondate, hanno già in serbo il “colpaccio”: staccarsi dalla UEFA e organizzarsi, da soli, una manifestazione aperta solo al “gotha” europeo. Il prodotto, fatto e finito,  andrebbe poi consegnato ai broadcaster europei. Come convincerli? Semplice: offrendogli ciò che vogliono. Partite di cartello da giocare in stadi stracolmi e non periferici. La ICC traslata in Europa significa addio a partite e gironi dall’esito scontato o in paesi di scarso interesse e tradizione sino agli ottavi di finale. In effetti, la Champions e l’Europa League, specialmente dopo la riforma Platini, hanno pochissime possibilità di alzare l’asticella dei diritti TV. La proporzione è semplice bigmatch :  spettacolo = broadcaster : incassi. Anche perché il gruppo ha “rivoluzionato” il concetto di sponsor: non più il main sponsor e gli altri, ma “pacchetti all inclusive” di 4-5 multinazionali che ruotano. Par condicio fra macchine, birre, società di scommesse.

IL FORMAT

Il prodotto offerto dalla Relevent Sports ha enorme successo. Si gioca sempre, tutti i giorni. L’idea è di creare un format sostenibile per acquisire credibilità anche da un punto di vista squisitamente sportivo. O un tutti contro tutti, oppure dei gironi che generino un tabellone tennistico. In entrambi i casi, la formula attirerebbe investitori americani e cinesi, pronti a scommettere su una competizione che, con o senza il patrocinio della UEFA o della FIFA, potrebbe trasformarsi nel nuovo torneo internazionale per club.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. M M J Trombini

    Luglio 19, 2017 at 1:36 pm

    Consiglio sempre il sistema italo-svizzero per ampliare il numero di partecipanti. Poi semifinali e finali tra le prime quattro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro