Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Inter, per sognare si deve vendere

Gennaio, tempo di mercato. L’Inter scalda i motori. Resta il problema della benzina… l’avvento di Suning apre orizzonti diversi, costellati da sogni più o meno proibiti: fermi tutti, prima di svegliarsi frustrati e sudati. L’Inter, a conti fatti, è un ministro senza portafoglio, almeno sino a giugno. Il suono della sveglia arriva dalla Francia. Tre trilli: Fair, Play, Finanziario. È un ordine. O l’Inter raddrizza la rotta, o il prossimo mercato sarà con le mani legate.

Il motivo è molto semplice: la dirigenza ha giocato con il fuoco, rischiando di scottarsi. Pioli ha una rosa di 29 giocatori, è (complice anche lui) alla guida di una squadra fuori dall’Europa e diversi (anche troppi) esuberi. Tecnicamente, una situazione figlia di una gestione poco oculata: milioni bruciati sul mercato per calciatori neanche di primissimo piano: 45 per Joao Mario, 30 per Gabriel Barbosa, 22 per Candreva 7 per Ansaldi. Un poker da 104 milioni che non è valso neanche il passaggio del turno in Europa League.

I numeri annoiano, ma servono: l’Inter ha un bilancio in rosso. Serviranno altri 59 entro il 30 giugno 2017. Suning non è San Francesco: non staccherà assegni senza potenzialità di rientro dall’investimento, né si cimenterà in operazioni ambiziose o avventate. E allora, come racimolare i soldi?

Due, dunque, le strade percorribili. La prima: abbattere costi (cessioni dei giocatori) e monte ingaggi (prestiti sino a giugno). La seconda: implementare i ricavi attraverso sponsorizzazioni e valorizzazione del marchio. Il primo assalto è alla storia: il centro sportivo “Angelo Moratti” è già il “Suning training center” con buona pace anzi, “in memoria” di chi ha costruito la Grande Inter. Seguiranno nuove partnership commerciali. In questa ottica il futuro è azzurro più che nero. L’Inter ha 106 milioni di tifosi in Cina, dietro solo al Real Madrid e un bacino d’utenza pressoché illimitato in Asia.

Capitolo abbattimento dei costi di gestione: l’Inter ha 87 milioni di buoni motivi, raccolti nel cassetto “spese ingaggi a caso”. Il che  si traduce in un unico verbo: vendere. E comprare? Si può, ma con la formula del prestito con diritto di riscatto dopo il 30 giugno, quando la tagliola del FPF sarà (dovrebbe essere) schivata.

Dunque: chi lascia Milano? Brozovic, 25 milioni, era uno dei maggiori indiziati con De Boer. Ora è un perno della gestione Pioli. Gabigol è un “pacco” con sorpresa: c’è un giocatore di calcio dentro? Nel dubbio, prestito preferibile a una cessione. Lasciare anche uno fra Murillo e Miranda significa consegnare le chiavi della difesa a Ranocchia che aspetta il bacio di un principe (ner)azzurro per tornare ad essere un calciatore.  Eder? É un attaccante che gioca poco e segna anche meno. Potrebbe lasciare. Discorso identico per Palacio e Jovetic. E però serve monetizzare. E allora? Tutti gli indizi portano a Kondogbia. Il francese, pagato 35 milioni due estati fa, ha un ingaggio lordo (quello che, per capirsi, costa all’Inter) di oltre 7 milioni di euro e una valutazione che va a picco. Liberarsene sarebbe un affare. Sia dal punto di vista tecnico che economico: un risparmio di 13 milioni di euro sarebbe gradito sia allo staff tecnico che alla UEFA. Resta un’ultima domanda: chi se lo compra?

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

11 Settembre 2001: il calcio nel giorno in cui il Mondo cambiò per sempre Alle 14,46 (ora italiana) di venti anni fa, un aereo...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Calcio

Falcao, l’addio, la politica e il Papa Giugno 1983. La capitale d’Italia è in tripudio dopo che la sua parte giallorossa ha appena conquistato...

Calcio

E Bruno Giordano disse “no” alla Juve Compie 65 anni oggi Bruno Giordano, il bomber della Lazio e del Napoli. In attesa del calciomercato,...

Calcio

Anatolji Zinchenko, il calciomercato e la Guerra Fredda Tra le storie di calcio ai tempi della Guerra Fredda c’è anche quella di Anatolij Zinčenko e...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Armando Picchi: cuore, sangue e anarchia Il suo nome nel cuore dei vecchi interisti è sinonimo di leggenda. Il suo ricordo è legato all’Inter...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 34 anni Leo Messi, il fenomeno argentino che in ogni sessione di mercato entra nei...

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro