Connect with us

Cerca articoli

Non solo sport

Integrazione e Nuovi Italiani: Dalia Nasri, dalla Tunisia a Miss Africa passando per Corviale

Un’Italia trascinata di nuovo nel medioevo dove si muore per tutto: batteri, vento, acqua, pioggia e terremoti, un’Italia che sente il bisogno di dibattere se fare o non fare marciare i fascisti di nuovo su Roma, un’Italia riscopertasi ignorante e xenofoba che sotto l’ombrello della paura e del terrore non ha neanche più la voglia di mostrare il buon viso al cattivo gioco.

Nella stessa Italia dove una ragazza italiana ma di origine ghanesi di quindici anni, Dora, si è vista esclusa da una gara canora perché “Mi dispiace ma qui possono partecipare solo i veri italiani”, ce n’è per fortuna anche un’altra che in segno di risposta fa dell’integrazione la sua mission ed il suo motivo di orgoglio.

Il concorso di bellezza Miss Africa Italy vede protagoniste le ragazze maggiorenni di origine africana con il compito non facile di mostrare la bellezza della loro cultura di origine agli altri popoli.

Tra tutte le ragazze ci ha colpito la storia di Dalia Nasri, studentessa romana di origini tunisine. Nata nel 1994 da mamma Neila e da papà Raf, un bravissimo chef, ha due fratelli, entrambi più piccoli di lei ed entrambi impegnati nello sport e molto promettenti: la piccola Yomna che fa arti marziali ed è già nel giro della nazionale, ed il fratello Ahmed promettente calciatore.

Dalia e la sua famiglia abitano a Corviale, complesso residenziale sito vicino Via Portuense a Roma, definito dagli autocnoni “il serpentone” poiché lungo circa un kilometro. Un complesso residenziale che vide il prematuro termine dei suoi lavori nel 1982 per il fallimento della ditta costruttrice. Fino ad allora i primi tre piani adibiti ad abitazioni vennero assegnati dal comune, i piani superiori, invece, adibiti a zona commerciale, vennero occupati. Lasciato in stato di semi abbandono è considerato una delle zone più difficili di Roma.

Musulmana praticante è sempre riuscita a rispettare i suoi dogmi tra cui quello del divieto di alcool, che in una età adolescenziale prima e giovanile adesso, in una zona difficile come Corviale, a naso deve essere stata una scelta difficile ed al contempo potenzialmente emarginante, ma lei è andata dritta per la sua strada, sempre sorridente e con quella sua bellezza quasi inconsapevole che la fa apprezzare e notare ancora di più.

Nella sua intervista dopo l’ingresso in finale durante il concorso, sul perché abbia deciso di partecipare, abituati alle banalità delle risposte a domande di questo genere lei ha sorpreso tutti con: “ Ho scelto questo concorso perché quando mi chiedono da dove vengo e rispondo Tunisia – Africa, tutti mi dicono Africa? Ma se sei bianca. Ecco appunto, l’Africa non è solo un colore ma tanti colori, tante culture diverse e soprattutto tantissime sfumature”.

Che l’integrazione sia un processo difficile non v’è dubbio, però in ogni processo ci deve essere una parte che da ed una che riceve, senza ruoli fissi che anzi possono e devono tranquillamente invertirsi. L’unica cosa importante da evitare è quella di chiudersi nel proprio microcosmo e contestualmente chiudere entrambe le porte del dare ed avere.

>/center>

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Pugilato

Ron Lyle: storia del Campione che sbagliò epoca Il 26 novembre 1941 moriva Ron Lyle, il pugile afroamericano la cui storia insegna che, a...

Calcio

Jan Jongbloed: c’erano una volta un tabaccaio, un pescatore e un portiere di calcio Compie oggi 80 anni Jan Jongbloed, storico portiere di quella...

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile Il 24 Novembre 2012 a seguito di una sparatoria moriva Hector Camacho, un pugile unico nel suo...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Il 16 novembre 1892 nasceva Tazio Nuvolari, il leggendario pilota automobilistico che correva negli anni in cui salire su una...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro