Connect with us

Cerca articoli

Ultime Notizie Calcio

Immobile e il sogno della Scarpa d’oro

Anche quest’anno sarà uno dei trofei individuali più ambiti a livello calcistico. Nonostante si trovi un gradino sotto il Pallone d’oro, il premio al miglior calciatore della stagione conferito dalla rivista francese France Football, ovvero la Scarpa d’oro, è comunque un riconoscimento importante che premia il calciatore con la miglior concretezza sotto porta nei campionati europei. Regolato da un coefficiente di difficoltà per torneo nazionale a partire dalla metà degli anni ’90, questo trofeo ha visto trionfare quasi sempre attaccanti dei campionati più prestigiosi ed esigenti del vecchio continente. L’anno scorso, ad imporsi fu nuovamente Lionel Messi, in grado di vincere la sua sesta Scarpa d’oro di sempre, come si legge in questo articolo: sport.sky.it/calcio/liga/2019/10/16/leo-messi-scarpa-oro. Lo sportivo è stato capace di ripetersi poco dopo anche con il suo sesto Pallone d’oro, qualcosa di praticamente mai visto a questi livelli.

Quest’anno, tuttavia, l’argentino non si è dimostrato prolifico come in altre occasioni, circostanza che ha favorito altri giocatori a farsi spazio in questa speciale corsa all’importante premio individuale. Tra i due leader dell’attuale classifica ci sono Robert Lewandowski e Ciro Immobile, rispettivamente al primo e al secondo posto di questo ranking. Condizione quest’ultima che li rende tra i grandi favoriti alla vittoria della Scarpa d’oro 2019-20 secondo i principali siti di scommesse. Come riportato a questo link https://extra.bet365.it/news/it/Calcio/Bundesliga/bayern-trasferta-difficile-a-leverkusen, se il polacco può contare con una corazzata come il Bayern Monaco ad accompagnarlo nella conquista di quello che con ogni probabilità sarà l’ottavo titolo nazionale consecutivo vinto dai bavaresi, l’italiano ha dietro di sé una Lazio che fino all’interruzione del campionato di Serie A, che riprenderà a breve, era la squadra in grado di esprimere il miglior calcio nel Belpaese. Già capocannoniere in due occasioni in passato, una con il Torino e l’altra con la Lazio, in quest’annata Immobile ha vissuto un periodo di forma eccezionale che lo ha spinto anche a cercare il record di goal in Serie A durante una sola stagione, un onore che appartiene ancora a Gonzalo Higuaín come si può notare di seguito https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Napoli/14-05-2016/higuain-napoli-storia-36-gol-nordahl-record-primato-capocannonieri-seriea-150656157818.shtml.

Immobile, autore di 27 reti in 26 incontri di campionato, proverà dunque non solo ad aggiudicarsi il titolo di capocannoniere del torneo nazionale ma cercherà anche l’assalto al trono dei goleador continentali. È dal 2007 che un italiano non si impone in questa speciale classifica e l’obiettivo del centravanti nativo di Torre Annunziata è di calcare le orme di Francesco Totti, l’ultimo italiano a vincere la Scarpa d’oro. Prima ancora dell’ex capitano romanista l’altro giocatore nostrano ad alzare al cielo questo trofeo era stato Luca Toni, che si era imposto su tutti la stagione prima dei trionfali mondiali del 2006 in Germania.

Adesso, dunque, Immobile sogna di poter succedere a Totti e riportare finalmente un italiano sul tetto dei bomber europei. L’impresa è ardua, visto soprattutto il momento di forma di Lewandowski, autore di 30 goal in 28 partite di Bundesliga e in rampa di lancio. Eppure, l’attaccante della Lazio ha già lasciato dietro di sé in Italia un certo Cristiano Ronaldo e non si tirerà indietro.

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Calcio

Come Gigi Riva, anche Antonio Janni subì un grave incidente alla gamba con la maglia della Nazionale contro l’Austria a Vienna. Accadde nel 1929...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro